Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Libri "one shot", collane composte da più volumi, raccolte di racconti brevi. Quali sono le vostre opere interattive preferite?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.216.79.60

dettaglio libro

titolo Il Grande Django
volume 1
titolo originale Il Grande Django
serie Django
autore/i Federico Bianchini
illustratore/i Yanez Servadei
traduttore/i
paragrafi 221
genere Western
protagonista/i Django, famoso pistolero icona del western cinematografico italiano
trama Inquetanti avvenimenti accadono sulle Black Hills: gente che impazzisce, bambine che spariscono, apparizioni spettrali e misteriose, tracce di stregoneria. Il piccolo villaggio pieno di abitanti terrorizzati ha solo una possibilità per porre fine al terrore che li sta circondando: il Grande Django!
note Serie liberamente ispirata al personaggio cinematografico di Django, ideato dal regista Sergio Corbucci.
Edizioni
Librogame's Land2014
media voto
7.8
Per questo libro sono presenti 2 recensioni (leggi recensioni)
Il libro é disponibile in formato pdf. Per scaricarlo clicca qui

commenti
Anima di Lupo
8.5
2015-01-29 09:28:32
Estrai, mira e spara. Ma fallo in fretta!
Personalmente, il Far West è da sempre una delle mie ambientazioni preferite. L'autore riesce nell'intento di ricreare la giusta atmosfera e già questo è un bel successo. La storia è decisamente lineare ma le scene descritte sono magnifiche. Ho trovato la difficoltà un pò alta e mi dispiace dover togliere mezzo punto al voto finale per alcune ambiguità riscontrate nel regolamento.
edited by:  Anima di Lupo 2015-01-29 09:59:15
Jegriva
6
2016-02-19 11:28:21
Molto lineare
Un po' troppo lineare, al contempo troppo fedele al film quando vuole ricalcarlo, e troppo lontano dallo spirito degli spaghetti western quando divaga per il sovrannaturale.
babacampione
7
2016-06-09 04:06:53
Un buon esordio
Bella ambientazione e bel soggetto. Libro molto difficile e decisamente lineare. Serve tanta fortuna ai dadi per venirne a capo. Il tocco di soprannaturale, nelle corde dell'autore, forse era evitabile.
Yaztromo
7.5
2016-07-04 00:01:05
Vedi recensione ;)
Ci sono da aggiungere alcune citazioni che non ho inserito nella recensione: -al par.180 c’è la citazione di una scena famosa da Il Buono il brutto e il cattivo (https://www.youtube.com/watch?v=mbFM8flgsLQ ) -la famiglia di freak è un tema ricorrente in molti film horror, in particolare Non aprite quella porta -l’idea del dialogo con la Morte (stupendo) e' presa dal film “Keoma”, sempre con Franco Nero -Montgomery Woods era il nome d’arte di Giuliano Gemma nei suoi primi film americani.
edited by:  Yaztromo 2016-07-04 00:09:41
gabrieleud
10
2018-07-14 10:45:22
E a me non piaceva il western
Non ho mai sopportato i film western, ma dopo aver letto del Grande Django (e Desperados, di Adriano Ziffer) mi sono ricreduto. L'ambientazione è ricca, godibile, immersiva. Bianchini fa compenetrare il supernaturale come se fosse l'evoluzione naturale della storia, rendendolo non solo plausibile ma anche atteso.
aggiungi commento