Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2013 CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • Oberone
  • powerbob

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Librogame in versione variant o deluxe: cosa ne pensate?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.94.202.172

CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

Mornon ha scritto:

Io capisco che dopo l'addestramento tornano a casa e mettono su famiglia. E' corretto?

Mah, non è chiaro per niente.

Ho vinto È un gioco da ragazzi E In cerca d'avventura al primo tentativo.

Charles Petrie-Smith
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1549 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

NON MI È PIACIUTO:
1. L'ambientazione: trovo strano  che i Ramas consentano a gente come prostitute, stupratori e farabutti di accamparsi attorno al monastero. In qualunque altra città o fiera del Magnamund non ci avrei trovato nulla di strano, il fantasy è nella maggior parte dei casi ispirato al medioevo europeo e il mondo di LS non fa eccezione, per cui un certo tipo di personaggi sono più che plausibili, ma non qui. Per come la vedo io dopo la prima festa in cui i civili si lamentano di stupri e furti immagino il gran maestro organizzare servizi d'ordine per individuare gli indesiderabili e farli sloggiare, dopo qualche anno gira la voce che attorno al monastero non è aria e si finisce che per Fendar dai Ramas ci vada solo gente onesta e che ha voglia di lavorare.
2. L'uso della terza persona, alla Fire Wolf. Unitamente ad una storia che già di per se mi ha poco appassionato, ho fatto fatica ad immedesimarmi con la protagonista.
3. L'epilogo un po' forzato.  

MI È PIACIUTO:
1. Lo stile di scrittura veramente impeccabile. In particolare l'eleganza con cui sono stati inseriti gli oggetti e le abilità della protagonista.
2. Il messaggio tra le righe che lega la ricerca dell'amore alla vita, la sua rinuncia o perdita alla morte.  

Per valutare il racconto mi baso sulla mia personale classifica e sui voti espressi fino ad ora. Mi è piaciuto meno di Fuga nella notte, ma più di Kraanquest. Per questi motivi il mio voto è 6, 5

La vita è dura per i soldati di ventura.

Jhongalli
Arcimaestro
ranks
useravatar
Offline
505 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

Charles Petrie-Smith ha scritto:

Mornon ha scritto:

Io capisco che dopo l'addestramento tornano a casa e mettono su famiglia. E' corretto?

Mah, non è chiaro per niente.

Cercherò di essere più chiaro. Dall'introduzione italiana del primo libro:

"Oggi è il giorno della festa di Fendar, quando tutti i Ramas sono presenti al Monastero per festeggiare i loro figli che finiscono il periodo di addestramento."

Poi magari è un errore di traduzione, eh!

"Un velo nero ti impedisce di vedere altro. La tua vita termina qui: nel campo di battaglia, con la mitica Blood Sword tra le mani, felice per la sconfitta dei Veri Maghi." Adriano, Blood Sword PBM
http://www.caponatameccanica.com

Mornon
Saccente Supremo
Amministratore
useravatar
Offline
5332 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

Pero` questo organizzativamente e` strano.
Voglio dire, se vengono addestrati e tornano a casa, chi resta al monastero?
Inoltre avere una forza armata cosi` dispersa nel regno la rende molto poco efficiente (basti pensare a quanto ci va per richiamare tutti in caso di pericolo). 

A me verrebbe da pensare (ma sono mie supposizioni) che esistano due tipi di Ramas: un tipo diciamo "laico" di studenti che dopo essere addestrati, tornano a casa a vivere la loro vita civile (ma soggetti a leva o qualcosa del genere in caso di pericolo per il regno), i quali probabilmente conoscono le basi delle Arti o poco piu` e un gruppo diciamo "ecclesiastico" che vive al monastero, addestra le reclute, approfondisce gli studi delle Arti e cosi` via (i veri Maestri).

kaltorak
Arcimaestro
ranks
useravatar
Offline
612 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

kaltorak ha scritto:

A me verrebbe da pensare (ma sono mie supposizioni) che esistano due tipi di Ramas:

stessa idea che avevo avuto io: cavalieri ramas con le 10 arti ramas che si addestrano e tornano ai loro castelli, maestri che rimangono stabili. peccato che dever smentisca tutto (newsletter del magnamund companion) affermando che fra "monaci ramas" e "cavalieri ramas" non c'è differenza (e io ci sono rimasto secco)

sulla questione della dispersione dell'esercito non vedo grandi problemi: nel medioevo gli eserciti li formavano le truppe dei feudi che ogni nobile si portava appresso, quindi anche lì ci voleva tempo a mettere insieme l'armata (ok, ad holmagard ci sarà una parte stabile, ma il grosso lo porterà la nobiltà).

Gran Maresciallo Rygar
Buon Apotecario
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
207 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

Sì, ma a parte la non differenza tra monaci e calvalieri si può ipotizzare che alcuni terminino gli studi a un certo livello mentre alti continuino fino a diventare insegnanti (evito apposta il termine maestri per non confondersi con i gradi).

Ho vinto È un gioco da ragazzi E In cerca d'avventura al primo tentativo.

Charles Petrie-Smith
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1549 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

Comunque secondo me la vicenda alla base del massacro dei Ramas non regge: possibile che quest'ordine sia così sprovveduto da riunirsi in blocco in un unico posto senza lasciare alcuna guarnigione, alcuna riserva, alcuna forza in nessuna altra parte del territorio? D'accordo che è un giorno di festa importante, d'accordo che siamo in anni in cui da tempo non si notano movimenti da parte delle forze delle tenebre, ma una totale mancanza di prudenza a questi livelli secondo me non è giustificabile in un ordine di monaci combattenti dotati di virtù superiori a quelle canoniche (e tra l'altro anche del sesto senso).
Anche considerando che a Lupo Silenzioso basta trovarsi a 500 metri dal Monastero a raccogliere legna per salvare la pelle.
E' proprio l'assunto di fondo, che è alla base delle vicende di Lupo Solitario, che è debole, se vogliamo essere pignoli.

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10492 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

Sì, su questo punto sono d'accordissimo.

Ma a mio avviso Dever scrive male...

Ho vinto È un gioco da ragazzi E In cerca d'avventura al primo tentativo.

Charles Petrie-Smith
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1549 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

ehm... ragazzi è un libro per bambini! a 5 anni non mi sono di sicuro posto il problema.. d'accordo riguardarli con il senno di poi, ma bisogna anche contestualizzare un attimo... no? la vicenda del massacro dei ramas è un overture di rara maestria narrativa proprio come idea di fondo (al di là di come e perchè viene scritto). non voglio dire che questo basti a tutto e per tutto, però davvero si riesce a passare con leggerezza su certi difetti.

tanto che ha venduto a schifo. e non significa nulla, ok... però è un dato di fatto. e sì, lo difendo a spada tratta smile

Gran Maresciallo Rygar
Buon Apotecario
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
207 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 8/9 - ''ULTIMO GIORNO DI FESTA''

Eccomi qui a commentare questo corto, questa volta in anticipo rispetto al solito J

Devo dire che mi ha parecchio spiazzato, ma in senso positivo…partiamo dal regolamento e dalla sua attinenza a quanto previsto dal bando di concorso.Me lo sono andato a rileggere e direi che ci siamo, anche se la mancanza di una spiegazione prima dei paragrafi veri e propri li per li mi ha lasciato interdetto.Questo, nel caso, sarebbe un problema dei giudici che determinerebbero se il racconto rispetta o meno gli standard, ma, anche in funzione dei commenti degli altri utenti, direi che va bene.

In passato ho “penalizzato” il corto “Kraanquest”, pur bellissimo, non per effettive mancanze a livello narrativo o di giocabilità, ma per un totale distacco da quanto ero abituato a leggere quando si tratta di LS e per la vena troppo comica e surreale con la quale le creature dell’esercito di Naar (specie il drakkar) venivano dipinte.Intendiamoci, è lampante che questa fosse la volontà dell’autore il quale sa benissimo che helghast, vordak, giak e compagnia brutta sono tutt’altro che delle caricature, ma di fatto ne ha dato una rappresentazione che mi strideva e cozzava troppo con il reale.

Anche in questo caso siamo distanti dal LS classico, ma non si tratta di una distorsione della realtà, piuttosto di una storia che vede un protagonista atipico, non un ramas, non un giak, non un guerriero, non un personaggio abituato all’azione…ma una semplice ragazzina innamorata…nulla di male direi, certo le ragazzine innamorate nel magnamund esistono!:-)

La veste grafica è bella e la possibilità di arrivare al paragrafo nuovo cliccando sopra al numero richiamato sul precendente va elogiata, così come le abilità tra le quali Eryn può scegliere, che sono abilità comuni e accessibili per ogni essere umano.

Allora, per venire al commento vero e proprio su quanto ho letto, mi è piaciuto davvero molto.Nonostante io, come gli altri utenti, sia un uomo duro abituato a farmi la barba senza schiuma e con coltelli scarsamente affilati e a stappare le bottiglie di birra con i denti, la storia di questa ragazzina che cerca l’amore, l’aver calcato moltissimo sulla parte relativa ai sentimenti e alle emozioni dei protagonisti, sia di Eryn che di Volpe, lasciando da parte il combattimento e gestendo il tutto solo con le scelte, mi ha entusiasmato.Lo stile di scrittura fila benissimo e convince, il confine tra libro game e racconto che, in molti di questi corti è stato (ed è un bene!) molto sottile, in questo caso è del tutto inesistente.Si ha realmente l’impressione di leggere un racconto breve all’interno del quale, ogni tanto, compare una possibilità di scelta che permette al lettore di determinare il proseguo della storia.Complimenti all’autore (o autrice?) per aver saputo affiancare ad una trama che da spazio ai sentimenti dei protagonisti, senza timore alcuno di assimilare il racconto ad un “romanzo d’amore vero e proprio”, situazioni letteralmente atroci come quella (lo spoiler incombe) della violenza subita da Eryn da parte dell’uomo all’interno del monastero, ma che cmq nel contesto in esame non sono minimamente fuori posto.

Come per altri racconti mi è piaciuto vedere comparire Lupo Silenzioso e Luce di Stella, come avrebbero potuto non esserci visto che siamo all’interno del monastero ramas il giorno prima del massacro dell’ordine?

L’unico dubbio che mi era rimasto era relativo ad una possibile variazione della storia originale di LS, in quanto la conclusione del racconto fa capire che in teoria vi sarebbe un altro ramas scampato al massacro, ma, dal momento che costui non si è mai rivelato e che l’ultimo ramas ufficiale, ovvero LS, non aveva ragione di pensare che Edol fosse sopravvissuto, direi che la serie originale è rispettata.

Un po’ campata per aria, in linea con quanto detto da altri utenti, la sequenza degli avvenimenti in base ai quali Volpe resta con Eryn, in effetti avrebbe dovuto catapultarsi da Ulnar molto prima delle avvisaglie dello “stato interessante” della futura moglie, ma mi sento di essere indulgente visto che è evidente che l’autore/rice intendesse puntare molto di più sulla parte sentimentale della cosa per permettere ai due protagonisti di restare assieme, seguendo la logica avrebbero dovuto separarsi.

Il paragrafo/epilogo 40 è un'altra delle ragioni che equipara questo racconto gioco a un racconto e basta.

In sostanza mi sento di dare un 8.5, sperando che in futuro anche altri autori abbiano il coraggio di rischiare scrivendo qualcosa di diverso e rendendo ancora più variegato il mondo dei librogames!

francesco77
Novizio
ranks
useravatar
Offline
17 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
4929
Totale Sondaggi:
98
Totale Messaggi:
142399
Media messaggi per ora:
1.3
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
5820
Ultimo Utente Registrato:
Mona98