Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • bafio0776
  • powerbob

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Grandi fiere ludiche e interattive nell'era covid: Modena a settembre, Lucca a novembre. Se si dovessero realmente tenere ci andrai?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 54.236.59.154

4° racconto: Apocalisse!

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Aloona ha scritto:

Suggerisco all'autore, se già non l'avesse fatto, la visione di "Legion".

Dovresti specificare che si tratta di una serie TV, senno' magari la gente crede che deve ubriacarsi fino ad avere le visioni del sottoscritto!...   bigsmile

Seven_Legion
100% SIMPY CERTIFIED
Moderatore
useravatar
Offline
4108 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Io veramente parlavo del film... ma fa lo stesso.

A head full of dreams

Aloona
1° Direttrice della Gazzetta
Moderatore
useravatar
Offline
7594 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Apocalisse! secondo me ha il grande problema di essere troppo “di nicchia”: non tutti apprezzano questa quantità di enigmi. Ma ero consapevole fin dall’inizio che una a buona fetta di voi non sarebbe piaciuto.
Ho deciso comunque di scriverlo nonostante tutto: era un esperimento troppo ghiotto, un’idea troppo particolare per non essere provata... Immaginavo sarebbero piovuti almeno due o tre 4, ma i voti non sono tutto: i librogame sono anche sperimentazione, se non si sperimenta non ci si evolve.
“La nebbia”, in questo senso, è stato un maestro magnifico di sperimentazione, anche se a suo tempo non sono riuscito ad apprezzarlo come meritava.

Butto giù qualche riga per provare a spiegare l’idea che sta dietro ad Apocalisse!.
L’intero corto ruota intorno ad un concetto: l’accanimento.
Troppo spesso, nella vita, capita di accanirci nei confronti di qualcosa/qualcuno, e il mondo dei librogame ne è un ottimo esempio.
Lanci di dadi su lanci di dadi, rigiocare un librogame infinite volte per finirlo, i grafi, le guide strategiche... E’ tutto accanimento. I grafi, soprattutto, sono l’esempio più eclatante. Non si riesce a finire un libro? Molti di noi fanno un grafo in cui indicare i guadagni, le perdite, i nemici, le armi, gli oggetti... si mappa tutto e alla fine si riesce a risolvere il groviglio. E’ accanimento (nel senso positivo del temine, eh...).
In Apocalisse! ho voluto provare a fare questo: scrivere un corto che rendesse nella pratica il concetto di accanimento, con una storia/trama che fossero al servizio di questo concetto.
Ecco come penso sia andata la partita per la maggior parte di voi:
partita iniziale: morte;
altre X partite: sempre la morte;
controllo se c’è almeno un’altra conclusione (-> accanimento): c’è;
controllo se c’è una strada per portare a quest’altra conclusione (-> accanimento): non la trovo;
controllo dei check/oggetti/orologi (+ eventuale grafo), per vedere se riesco (-> accanimento): non riesco.
Non riesco a finirlo: frustrazione. Il voto è 6.

In questo accanimento nel cercare la fine, il paragrafo “Caveau” offre una chiave di lettura: non esiste una strada giusta, non c’è un unico percorso, non esiste “la strada”, il true path. Nella vita non c’è mai una strada giusta, ci sono semplicemente tante strade da percorrere, e non c’è un premio se si raggiunge un certo risultato.
A questo punto, ci si accorge che il paragrafo “Evacua”, riconosciuto da tutti come finale positivo, è in realtà un finale troppo amaro e codardo per essere la fine della storia. E ci si accorge che il paragrafo “Caveau” è l’unico vero finale positivo della storia. Quindi, il corto è perfettamente completabile se si ribalta questo punto di vista.

Ecco, in questo corto ho provato a sperimentare questo tipo di approccio: un ribaltamento dei concetti, come una specie di prova comportamentale. Il continuo rimpallo tra Apocalisse! e True Path è stato un espediente per trattare la tematica dell’accanimento.
Capisco che, come fulcro dell’intero corto, è forse un po’ troppo estremo, pretestuoso, assurdo e difficile da interpretare, ma ripeto ho voluto provare ad uscire un po’ dal classico corto, per scrivere qualcosa di un po’ più “al limite” e poco classificabile.
Il corto è venuto esattamente come volevo: la sensazione straniante, a tratti incomprensibile, esasperata, il non capire cosa succede, il ribaltamento dei concetti, ecc. Dal punto di vista tecnico sono molto soddisfatto, anche se, ripeto, sapevo già che un approccio di questo genere non sarebbe piaciuto quasi a nessuno.

GGigassi
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1989 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Io avevo pensato fosse una presa per il culo di True Path e basta :-O. L'intento era nobile ma per veicolare un messaggio del genere non sarebbe stato più opportuno creare un impianto di gioco a se stante? Ti assicuro che dal mio punto di vista l'ho presa come una goliardata e basta. E comunque quel finale, confermo, è una delle cose più belle che io abbia mai letto in un librogame.

Zakimos
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1464 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Dov'è Adriano? hmm

GGigassi
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1989 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Ovviamente il Corto è una satira dei giochi con indovinelli ed enigmi, assolutamente intollerabili.

Gessyca ed Endriu volevano essere un esempio di nomi “a la page” dati da genitori burini che li storpiano a modo loro pensando di dare un tocco di esotismo con una grafia che non conoscono. Un po’ i Brad e Jonathan di Paolo Bitta ma ancora più cafoni. Ovviamente mi scuso con quanti tra di voi si chiamano veramente Endriu o Gessyca.

La chiavi lacedemoni ecc. sono un riferimento a Cent’Anni di Solitudine di Gabriel Garcia Marquez.

I party arcobaleno sono una leggenda metropolitana che gira nei college americani riguardante festini orgiastici in cui le ragazze si mettevano rossetti di colori diversi e si davano da fare coi ragazzi col risultato di ottenere degli “arcobaleni” colorati nelle loro parti intime.

Anna Marrone è la traduzione di Anne Brown (o Browne), una delle prime donne a scrivere materiale per giochi di ruolo e sicuramente tra le più prolifiche. Davide Cuoco è invece la trascrizione di David Cook, uno degli artefici principali della seconda edizione di Advanced Dungeons & Dragons.

Non vi siete accorti che nel paragrafo prima di “borsetta” le prime lettere di ogni riga formano appunto la parola “borsetta”!
Avevo gettato l’esca nel thread del Corto per farlo rivelare da qualcuno, in modo da rispondere: “Ma questa non è una sciarada! L’autore è un imbroglione! Questo Corto è una merda!” e invece non è successo… sad

GGigassi
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1989 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5062
Totale Sondaggi:
98
Totale Messaggi:
144856
Totale Messaggi Oggi:
4
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
6549
Ultimo Utente Registrato:
bafio0776