Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2017 7° racconto: Fermate Monna Lisa
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • Fabbio83
  • gabrieleud

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Grandi fiere ludiche e interattive nell'era covid: Modena a settembre, Lucca a novembre. Se si dovessero realmente tenere ci andrai?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.230.119.106

7° racconto: Fermate Monna Lisa

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

Questo corto parte molto bene con un introduzione a brevi flash sui fatti accaduti negli ultimi anni all'umanità e prosegue altrettanto bene con un regolamento semplice e un personaggio che interpreteremo, avente varie caratteristiche e uno zaino per gestire gli oggetti. Purtroppo le suddette caratteristiche sono fisse e non varieranno nelle successive partite.
Durante il gioco ci imbatteremo in codici, enigmi e combattimenti. I secondi direi ottimamente bilanciati(parametro molto soggettivo), né troppo facili, né troppo difficili a mio avviso. I combattimenti sono il punto dolente; almeno due, troppo difficili. Con questo sistema a 1d6 una differenza di tre punti di combattività è quasi incolmabile.
Un altro punto che ho trovato debole è scegliere come nemici invasori, dei clown. Sono plausibili e non è la prima volta che nella letteratura o nel cinema, questi simpatici personaggi vengono distorti fino a divenire creature malvage. Forse quello che non mi convince è la quantità; uno mi convince, una moltitudine no. Altre piccole pecche in un paio di punti dell'avventura dove è poco chiaro ciò che posso o non posso fare in base al regolamento. In una partita mi sono inoltre imbattuto nel nemico finale senza che me ne fosse stata resa nota l'esistenza, me lo sono trovato davanti nome e cognome, punto.
In definitiva e' comunque un corto molto buono, abbastanza longevo e divertente. Complimenti all'autore!
Voto inviato a Babacampione

Votiamo In Enciclopedia!
Copiate i messaggi prima di inviarli -pericolo slog!-

sancio
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1028 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

Non mi è dispiaciuto questo racconto dal clima post-apocalittico, con tutte le ovvie allusioni al cinema d'azione anni '80 (molti hanno già citato l'indiscusso maestro Carpenter). Tra l'altro mi stupisce che nessuno abbia citato, tra le possibili ispirazioni, anche "28 days later"; so bene che non è un film anni '80, ma questi clown frenetici e assetati di sangue mi ricordano molto gli infetti di quel film (nonché dei seguiti).
Certo, sarebbe interessante che l'autore ci spiegasse come mai abbia scelto proprio i pagliacci come "cattivi" della storia, sperando che la risposta non sia "perché sì". In fin dei conti tutti conoscono "It", ma lì l'aspetto di Pannywise era quantomeno giustificato. Qui rimane il dubbio che lo scrittore ci stia bonariamente prendendo in giro, o che abbia messo la prima cosa che gli passava per la testa.

La cronologia iniziale è semplice, ma avrebbe potuto essere molto migliorata. Nel 2022 compare questa malattia che lascia le persone in stato di morte apparente. Ok, e allora? Non mi pare che nel testo venga più nominata e quindi che senso aveva parlarne? All'inizio pensavo che si trattasse del periodo di "incubazione" per risvegliarsi come clown, ma la stessa cronologia mi informa che questi esseri erano apparsi nel 2014, sei anni prima che iniziasse la crisi.
L'impressione è che l'autore fosse partito con un progetto ben più ambizioso e si sia poi trovato a ridimensionarne lo svolgimento, tagliando quindi alcuni spunti interessanti. Niente di male, ma credo che avrebbe dovuto tornare indietro e correggere anche le premesse.
La narrazione è semplice e scarna, forse un po' ripetitiva. Io mi sono stancato di leggere "macerie", "palazzi distrutti" e cose simili: ho capito che siamo in una città disabitata, ma mi sarebbe bastata una descrizione a effetto nel primo paragrafo.
Però devo ammettere che, nella sua semplicità, riesce a trasmettere una certa tensione, che poi è lo scopo di queste avventure. Non sarà una partita a "Resident Evil", ma i topoi del genere ci sono tutti: ultimi sopravvissuti, messaggi dei morti, indizi di una congiura... Diciamo che su questo punto il nostro autore ha fatto centro.

Il regolamento è semplice all'estremo, cosa che trovo sempre molto positiva. Però mi sento comunque di fare un piccolo appunto all'autore: perché non renderlo ancora più semplice? Mi riferisco alle regole per sparare che, alla fine, si riducono a saltare due terzi degli incontri: se tiri 1-4 vinci, se tiri 5-6 devi combattere corpo a corpo. A questo punto sarebbe valsa la pena di mettere una perdita fissa di punti vita e farla finita lì, o eliminare le regole per il tiro e risparmiare paragrafi.
A livello prettamente formale segnalo che, per quanto gli oggetti siano segnati in corsivo e grassetto quando vengono trovati, lo stesso non avviene quando ci viene chiesto il loro utilizzo. Non è un errore grave, ma lo considero segno di scarsa cura. Inoltre trovo semplicemente assurdo che a volte ci venga chiesto un oggetto specifico (e.g. il badge), altre volte sia rimesso al nostro personale giudizio (e.g. la chiave). Ma che senso ha?
È molto bella invece, oltre a essere un aiuto per la longevità, la formula "a punti" del finale, che consente di giocare più volte il racconto, cercando le migliori combinazioni. Poco importa che sia paradossalmente più difficile ottenere un finale negativo: il gioco "a perdere" è soddisfacente quanto quello "a vincere".
Per finire la parte degli indovinelli è abbastanza ben strutturata, anche se denota qualche ingenuità da parte dell'autore: non sempre è chiaro quando usare un determinato codice, cosa che ha portato a vari grattacapi da parte dei giocatori.

Purtroppo ci sono molti errori, forse troppi. Non mi riferisco a refusi di ortografia, che pure sono presenti in dose massiccia, ma anche a veri e propri controsensi. L'esempio lampante è il loop quando usciamo dal bunker al 25 e ci ritroviamo al 38, dove possiamo essere già passati. Anche il 32 "orfano" è segno di scarsa cura.
Al 49 ci viene chiesto se vogliamo guardare la porta, ma non ci viene data un'alternativa; Al 60 ci viene offerto di sparare, con due esiti possibili, ma non ci viene detto cosa succede se non spariamo.

Per finire abbiamo l'aderenza al tema, se anche è sicuro che c'è un'invasione in corso (con tanto di contro-invasione), di robot non ho visto tracce. Ci viene detto che il protagonista è un cyborg (con buona pace del nostro buon Seven_Legion), ma la cosa non ha alcun peso sullo svolgimento della trama. Se ci fosse stato, tanto per restare in tema anni '80, un Kurt Russel o un Arnold Schwarzenegger, non sarebbe cambiato nulla a livello di sospensione dell'incredulità. Anche il fatto che siamo indiani, lascia il tempo che trova: ok, mi immagino questo tizio piccolino, con la pelle scura e il naso camuso (Tremal-Naik un secolo e mezzo dopo), ma la cosa mi lascia indifferente. Quasi quasi sarebbe stato meglio avere un protagonista anonimo ed evitare caratterizzazioni ininfluenti.

Per concludere questo racconto (del quale probabilmente ho indovinato l'autore) risente di una scarsa rifinitura, dovuta probabilmente a una mancanza di tempo (ho la quasi certezza che lo stesso autore abbia presentato più di un'opera quest'anno): una premessa brilante si perde in uno svolgimento caotico è funestato da parecchi errori.
Il lavoro è certamente oltre la sufficienza, ma ben lontano dal meritare il podio, almeno a mio parere.

"Se non volete sentir ragioni, sentirete il filo delle nostre spade!"

Rygar
Tetro Lettore / Grim Reader
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1974 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

Parto dalla prima impressione, come per tutti, i corti.

Grazie, a un prologo, che rappresenta un riassuntone degli eventi, si viene introdotti all'ambientazione, e alle caratteristiche del protagonista, per poi passare al regolamento.
Già dalle prime pagine, si possono intuire tutte, o quasi, le caratteristiche del corto:
-stile di scrittura molto asciutto, al limite del fastidioso,
-ambientazione postapocalittica, introdotta stile Freeway Warriors (non é un mistero che a me, personalmente, Joe Dever annoi moltissimo, l'autore non é quindi riuscito a farmi scendere la lacrimuccia),
-un clima tetro, cupo, e serissimo, in cui l'umanità é stata conquistata ...dai clown (forse citazione alla perla della cinematografia trash "Killer clowns from outer space"?),
-enigmi, di cui il primo é "ma, che vuol dire che gli enigmi mi saranno utili successivamente?" La risposta é che, per capirlo, bisogna giocare. In sostanza, l'autore ci sta dicendo che "le annotazioni, messe completamente a caso per la mappa, magari, prima o poi avranno senso, anche se, in maniera totalmente casuale", davvero raasicurante, come primo approccio,
-un protagonista, cyborg, che é cyborg chiaramente per ragioni di storia, non certo per entrare nel concorso, mica che se anziché un robot ci mettevi un soldato d'elite, la storia funzionava perfettamente lo stesso (escludendo, chiaramente, l'epilogo, completamente fuori contesto, che serve giusto a ribadire che siamo fatti d'acciaio, in modo che l'autore non sia costretto a modificare parti centrali del testo, tanto il lettore mica se ne accorge)

Ma questa, ripeto, é l'impressione che si ha leggendo, solamente, le prime pagine. E se il corto avesse rispettato le aspettative che mi ero fatto, poteva riuscirne un racconto comunque godibile, magari non un capolavoro di scrittura, ma comunque godibile.
E invece ecco che spunta il vero problema del corto.
E il problema é che io, come recensore, posso recensire, con certezza di aver capito, solamente prologo, regolamento, epilogo e qualche altro paragrafo.
Ci ho provato, più e più volte, ma, dopo due ore, chiaramente buttate, non sono riuscito ad ottenere un grafico soddisfacente del corto, questo a causa della presenza di buchi di level design allucinanti, fra loop infiniti, enigmi che portano a paragrafi inesistenti, soluzioni errate che portano a paragrafi plausibili ma di fine gioco, paragrafi senza entrata, eventi che si ripetono due, tre, quattro volte, e chi più ne ha ne metta.
La varietà, delle situazioni, (praticamente, la stessa, ma con numero di clown variabile), poi, gioca a sfavore, perché rende molto difficile capire se si é finiti dove non si dovrebbe.


Ultime due chicche:
-nel, corto, si, fa, un, uso, ossessivo, compulsivo, delle, virgole,
-nel primo paragrafo viene chiesto di scegliere fra destra e sinistra, praticamente, testa o croce. Scelta orribile

Voto inviato.

bigsmile  cool  cool2  lol  hmm  rolleyes  mad  tongue  wink  yikes  yikes2  bigsmile2  sad  sad2  neutral  smile  smile2  angry  applauso  teach

FinalFabbiX
Signore del Totoautori 2016
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
929 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

Il Corto si presenta davvero benissimo: enigmi in gran quantità ed un incipit davvero da far venire l'acquolina in bocca. L'idea della cronistoria nel prologo mi è piaciuta e la storia dei clown mi ha fatto ben sperare: dà davvero l'idea di un mondo fuori controllo, uno scenario apocalittico al quale faccio tanto di cappello, sebbene certi passaggi possano far storcere il naso (clown apparsi prima dell'epidemia).
Essendo un appassionato di enigmi, ho apprezzato anche la parte ludica, sebbene in alcuni casi il pretesto per trovare un indizio sembri davvero surreale (indizi sparsi nei posti più impensabili). Sistema che non boccio in quanto tale (anche in Progetto Mortale avviene così, ma quello era tutto un mondo costruito apposta così e con una trama che portava a quell'idea), ma il ritrovamento degli indizi poteva essere strutturato in modo un po' più organico. Apprezzo anche il sistema "trovo ora, uso più avanti": mai stato contrario a questa forma.
Quello che però non ha funzionato in questo corto è la struttura, per troppi versi lacunosa: come hanno già detto gli altri, ci sono situazioni in cui le entrate e le uscite dei paragrafi sembrano incongruenti, e qualche bug. E' un peccato, perché la storia è davvero bella.
Ad ogni modo, il corto non mi è dispiaciuto affatto.
Un applauso all'autore, e mi scuso se anche stavolta ho avuto poco tempo per esprimere un giudizio organico.

Voto inviato a babacampione.

"Lo sai come dev'esse lo sguardo del carabiniere? Pronto, acuto e profondo".

Adriano
Amministratore
useravatar
Offline
4936 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

Ed ecco i nostri giudizi. Al completo.

babacampione ha scritto:


Ammetto di avere un debole per le ambientazioni apocalittiche (ormai avrete capito che sono stato io a proporre tale tema in questo concorso), quindi non vi sorprenderà sentirmi dire che ho apprezzato questo Corto che, nell'introduzione, ricorda una serie a me molto cara (ovviamente mi riferisco ai Guerrieri della Strada).
Intelligente è stata l'intuizione dell'autore di localizzare l'avventura in Italia, la qual cosa mi fa sentire ancora più vicino a questo autore che ha utilizzato un sistema di gioco semplice ed efficace, con un minimo di effetto del caso e molte scelte (determinanti) nelle mani del lettore.
Belli anche i tre finali e, devo ammettere, coerenti con le mie aspettative.
Fin qui ho solo elogiato il racconto, che mi auguro riceva buoni riscontri anche dagli altri votanti, tuttavia devo evidenziare qualche piccola pecca. La prosa non mi entusiasmato, un po' troppo frettolosa, sebbene comunque sia scorrevole e sufficientemente dettagliata da permettermi di calarmi nel personaggio.
Gli indovinelli sono troppo facili e l'utilizzo delle chiavi è un po' ambiguo: in un paio di paragrafi ci viene chiesto se possediamo qualcosa per aprire una porta. Io ragionevolmente credo di avere l'oggetto giusto, ma l'autore non ci assicura che stiamo davvero utilizzando l'oggetto corretto.
Il protagonista è un robot un po' anomalo, non mi ha emozionato più di tanto, anche perché esteriormente non assomiglia per niente ad un robot. Avrei preferito qualcosa di più caratteristico.
Pochi dubbi, comunque, per me. Il Corto è molto bello e merita di competere per la vittoria finale di questo concorso.

Hieronymus ha scritto:


Corto che inizialmente mi ha preso molto, con questa ambientazione di pagliacci mannari, magari non originalissima, così come non lo è quello che si rivela il cattivone della storia, ma a me i pagliacci hanno sempre fatto paura (meno solo delle blatte e dell'ignoranza) e quindi ho letto questo cortogioco tutto d'un fiato.
Regolamento non originale ma semplice e ben si adatta alla storia, enigmi né troppo difficili né troppo semplici. Stile di scrittura che ho apprezzato. La lettura è risultata piacevole e leggera, anche se spesso abbiamo descrizioni rindondanti sull'ambiente che ci circonda (palazzi diroccati, macerie, ecc.) e gli incontri coi clown non ci lasciano col fiato sospeso perché sono così tanti che diventano banali.
In complesso un'opera che mi è piaciuta, che mi ha impresso un pò di nostalgia per alcune storie cinematografiche e non degli anni '70 e '80.
Peccato per i vari errori presenti, dovuti sicuramente a fretta e mancanza di tempo che a incapacità.

Il mio voto finale è... Vi piacerebbe, dirà Aloona

Aloona ha scritto:


Grazioso e particolare omaggio a Killer Clown from Outer Space, che per un'amante del fanta-horror non può che essere una chicca. Specie se la stessa è anche appassionata di cyberpunk. Anche il sistema enigmi è ben bilanciato, dal mio punto di vista, il che equivale a dire pochi ma buoni codici, ben integrati con l'ambientazione e senza pretendere una laurea in enigmistica dal lettore. Quasi nulla da eccepire sulla scrittura: pulita e asciutta, buono il ritmo, non fosse per un'unica pecca, i finali un po' "buttati là"; mi sarei aspettata dei paragrafi un po' più incisivi, specialmente quello del finale migliore, dove abbiamo il "colpo di scena". Diciamocela tutta: l'autore funziona bene nelle scene d'azione, ma i dialoghi non sono il suo piatto forte.
Particolarmente gradita l'ambientazione italiana, che mi ricorda alcune saghe di cyberpunk alternativo di molti anni fa e risulta al contempo riconoscibile e bizzarra, proprio per una certa radicata abitudine ad associare tale genere con ambienti esteri. Non manca neanche una certa dose di ironia, evidente soprattutto nella scelta di un protagonista "extracomunitario" e nel nome e nelle fattezze del "boss finale". Peccato che l'avventura si riduca, per lo più, a stendere clown in modi grotteschi… non che l'idea mi dispiaccia, ho sempre odiato i pagliacci, anche se non ne ho mai ferito uno e so' soddisfazioni.
Nel complesso, un buon corto con una buona idea alla base, pur senza brillare particolarmente.

A head full of dreams

Aloona
1° Direttrice della Gazzetta
Moderatore
useravatar
Offline
7613 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

Ciao! Questo è il mio spiegone per “Fermate Monna Lisa!” e farò luce sui suoi punti principali

L'ambientazione

Questo Corto fa parte di un universo assurdo ma serio che ho in mente da un po' più di un anno. Alcuni di voi hanno parlato di "1997: fuga da New-York", infatti non vi è nessun riferimento perché non ho mai potuto vederlo per intero. Praticamente, si tratta di una "parodia seria" dei film di zombi nei quali i non-morti hanno invaso il pianeta e gli umani si sono rintanati in città iperfortificate dove regna lo stato di perenne emergenza (vedete "Land of the dead", "Warm Bodies" e anche "Ultima Forsan").

Perché i clown?

Ma non siamo più negli anni 70-80 e gli zombi non spaventano più nessuno. Quindi, volevo utilizzare un altro mostro ed è così che ho scelto i clown. Da "It" di Stephen King in poi, i pagliacci fanno paura: sono violenti, sadici e non conoscono limiti. Basta vedere lo Joker, il Violator (nemico di Spawn), il Jester (nemico di Spider-Man), il pupazzo nel secondo Alone in the Dark, quello del primo “Poltergeist”, il clown in "La casa dei mille morti", il cattivo di “One Piece” e, ahimè, i dementi che si travestono da clown per spaventare la gente negli USA . Il clown era l'elemento perfetto per questa “parodia seria”. Ma  a volte, sono i clown stessi a cercarsi una pessima reputazione: ho visto una volta l'annuncio per una clown che anima le feste per bambini. Il suo nome?

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
  Trappola
.

Il concetto di “Fermate Monna Lisa!”

Quindi, ho preso il mondo "apocalisse zombi" classico e ho sostituito i non-morti con dei clown assassini. Inoltre, questi pagliacci sono stupidi ed aggressivi come gli zombi: non hanno tecnologia o armi sofisticate. Però, il loro numero rappresenta una minaccia per gli esseri umani che devono difendersi.

Questa è l'idea, ma non ho mai avuto il coraggio di proporla ad una casa editrice: è davvero strana e non volevo essere cestinato o bocciato di un concorso “classico”. Quando ho letto il bando del BAH/Terna/Triade, mi sono detto che potevo tentare di buttare i miei clown nella mischia. Nonostante la loro reazione dopo l'invio del Corto

La Terna ha scritto:

Ok, il racconto è in concorso.
Poi ci spieghi cosa ti fumi anche tu per aver pensato a un'invasione di clown cattivi... 

La scelta del tema era facile: il mondo è stato invaso dai clown, ma mi è venuta l'idea di creare un corto che sfrutta ancora un po' il classico del genere “zombi” ed ho deciso di fare una specie di survival nel quale un laboratorio segreto è stato invaso dai clown ed un agente speciale deve recarvi e capire che cos'è successo. In “Fermate Monna Lisa”, l'invasione è il fatto che la clown ha trasformato gli scienziati e le guardie in “superclown” e hanno preso il controllo del bunker.

“Fermate Monna Lisa” nei Corti 2017

Il Protagonista non poteva essere un Cattivo: secondo me, il Corto avrebbe avuto ancora meno interesse se si incarnasse Monna Lisa o una delle sue creature. Sarebbe come il vecchio videogioco “Jurassic Park” su Megadrive nel quale si poteva scegliere un velociraptor come protagonista.

Il Nerd avrebbe dato qualcosa di interessante: poteva essere Barocci o Draghetti prima della loro tragica metamorfosi ed avrebbero provato di scappare del bunker anche con Monna Lisa ed i suoi clown alle calcagne.

Ma come sono nato negli anni '80, ho visto tutte le serie sentai, i Transformers, i film di Robocop, e Terminator. La tentazione era troppo forte ed ho deciso di giocare ancora una volta con i robot. Per la creazione di (inserire il nome del Protagonista), mi sono basto un po' su Robocop e un po' sui cyborg di Dragon Ball (C-16, C-17 e C-18). Purtroppo, non conosco il fumetto di cui ha parlato Ggigassi. Alcuni di voi hanno detto che non si fa nessun riferimento alla natura robotica del protagonista, ma questo è falso: in vari paragrafi parlo del suo corpo metallico, dei suoi sensori che rilevano qualcosa e di calcoli di probabilità. Quindi delle cose che un soldato d'élite alla Schwarzennegger o Steven Seagal non hanno. E' vero che non sono elementi ricorrenti come in “Cuore di Ferro”, ma il mio cyborg è in questo stato da tempo e si è abituato alla sua condizione.

Avevo l'ambientazione, il tema ed il protagonista... potevo iniziare a scrivere questo mio terzo Corto. Ed è qui che una potente forza cosmica ha deciso di irrompere nella mia vita di autore amatoriale come non mai.

Difficoltà incontrate

Prima di tutto, tra fine Ottobre e la prima settimana di Dicembre, ho scritto un vero e proprio mattone: le regole erano quasi le stesse (ho deciso di fare il più semplice possibile). Ma si poteva scegliere i gadget del nostro cyborg: avevo fatto un elenco di 10 elementi e si poteva selezionare 3 di loro (un po' come le Discipline Ramas/Kai): c'era l'occhio che sparava un laser a gittata limitata, gli ipersensi, il sensore di clown, il sistema per hackerare i computer, il sistema di ottimizzazione di tiro, il generatore di ologrammi per essere invisibili e ben altro ancora. Però, tutti questi gadget influivano molto sulla giocabilità e sono arrivato a più di 160 paragrafi, su 68 pagine! Esattamente come in Lupo Solitario, il seguito della storia dipendeva dei gadget scelti (se hai Fiuto, vai al xxx, se hai Divinazione, vai al yyy e così via). Avevo un testo troppo grosso per entrare nei parametri del concorso e ho dovuto cambiare un po' di cose: addio i gadget a scelta, il Protagonista avrà alcuni di loro incorporati e non si poteva più scegliere. Purtroppo, c'erano ancora troppe pagine e ho dovuto fare altri tagli. Avevo quindi riscritto il mio Corto e mi restava solo da mischiare i paragrafi: ed è qui che la forza cosmica ha colpito: LGC mi ha fatto uno shuffle stranissimo. Il mio testo era in grande disordine e dovevo ritrovare il filo della matassa per poter riordinare tutto il Corto. A questo momento, ho deciso di prendermi una settimana di “pausa” perché non ce la facevo più. Ho scritto “pausa”? Bah, era tutto l'opposto ma vi risparmio i dettagli. Poi, sono tornato a lavorare sul Corto: Prima di tentare di mettere un po' d'ordine, l'ho riletto e riscritto la prima parte (la città) perché quello che avevo fatto prima non mi piaceva più. Ho ritrovato l'ordine dei paragrafi ed ho fatto un grande lavoro di taglia e cucci per mettere tutto insieme. C'è voluto tanto tempo e tante energia. Finalmente, mi sono ritrovato con una versione “fatta e rifatta” del testo (una Valeria Marini del Librogame). Eravamo a Gennaio, il tempo iniziava a mancare ed ho dato il Corto alla persona che si occupa della revisione, ma anche lei era incasinata come non mai. C'è stata una rilettura, una correzione del testo e un beta-testing frettoloso perché i tempi erano questi. Ma non mi sono accorto che alcuni paragrafi non erano legati bene, c'è n'è uno isolato (colpa mia) e ci sono vari bug, come il loop con le due porte con i codici. Quindi, questo Corto è stato scritto tre volte ed ho dovuto giostrarmi con fattori che non dipendono da me, ma che hanno fatto si che questo lavoro sia guastato. Per gli errori di grammatica e di punteggiatura, è la stessa cosa: come ho avuto molto ritardo,la fretta si è unita alla potenza cosmica per saccheggiare tutto, ancora una volta.

Molti di voi hanno avuto difficoltà con l'enigma dei semi: chiedo scusa. Quest'enigma ne ha sostituito un altro che mi sembrava troppo facile. Quando l'ho scritto, non ho pensato che potesse avere varie soluzioni: per me era ovvio che i fiori valevano “3” e che la soluzione era “8”. Ho sbagliato di brutto e non avete idea di quanto mi sono sentito male quando ho letto i vostri post sull'enigma dei semi. Bravo a chi ha scoperto “VIXI” e “LIII”, gli altri enigmi con gli indizi scritti sui muri erano facili: è vero che è stupido di lasciare indicazioni sulle porte, ma non ho trovato altro per aiutarvi. Poi, possiamo immaginare che sono i tipi dell'Empire che hanno lasciato queste indicazioni per i loro colleghi... no, infatti mi sono ispirato agli enigmi dei giochi “point and click”. Volevo provare con gli enigmi perché non l'ho mai fatto prima... ed è andato male. Quindi, Non toccate MAI il potere dei clown... succedono cose strane dopo...

Post Corti 2017

Va bene, “Fermate Monna Lisa” è stata una delle delusioni di quest'edizione dei Corti, lo so. Tante idee, tanta volontà di fare ma anche mille problemi che hanno rovinato tutto. Vi chiedo ancora scusa per i bug di questo Corto ma spero che alcuni di voi si sono divertiti lo stesso.

Ringrazio tutte e tutti gli utenti che hanno letto, giocato e valutato questo mio lavoro.

Nonostante tutto, mi piace quest'ambientazione che ho chiamato “Clownverse”: è assurdo, ma serio. Penso che lo si possa utilizzare da qualche modo. Un romanzo?  Un videogioco? Un film diretto da Jerry Bruckheimer o Michael Bay (con Sha Ruk Khan come Cyborg e Monica Belluci nella parte di Monna Lisa*?) chissà...

Chicca

Il nome “Monna Lisa” non c'entra niente con Leonardo Da Vinci. Infatti, mi sono ispirato ad una teoria della cospirazione su un'ipotetica missione lunare americana e sovietica: Appollo 20. Gli astronauti e cosmonauti avrebbero esplorato il lato nascosto della Luna e trovato una costruzione artificiale nella quale c'era un alieno femmina morta ma ben conservata: l'hanno chiamata “Monna Lisa” e scattato delle foto. Se l'argomento vi interessa, ci dovrebbero essere dei filmati su You Tube, ma penso che siano dei fake. Credo alla possibilità di una vita aliena, ma questa storia mi sembra una bufala.

E mo'? Vo' a bè!

I Corti 2017 sono finiti e adesso vado a scolarmi una buona bottiglia di rum con i miei amici allevatori di alpaca sui Monti Manchos...

*Vi ricordate di lei in “Matrix reloaded”?

"We will survive, fighting for our lives, the winds of fortune always lead us on,forever free, for the world to see,the fearless masters, Masters of the sea"

Pirata delle Alpi
Erede di Misson
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
913 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

Pirata, mi dispiace davvero tanto per la genesi travagliata dell'opera che, ti posso garantire, si percepisce perfettamente leggendo. La struttura dei bivi tuttavia era validissima e posso solo immaginare quanto sarebbe stata buona con diciotto pagine in più di supporto... Allo stesso tempo i gadget per il robot erano ESATTAMENTE ciò che mancava per rendere il protagonista un vero robot e non un qualcosa definito tale solo per poter partecipare al concorso. Mi dispiace molto tu abbia dovuto rimuoverli per esigenze di spazio.

Visto che sono praticamente l'unica persona che non ha apprezzato il setting clownesco voglio lasciarti un ultimo messaggio: non sono stati i clown in sé a non convincermi bensì il modo in cui li hai introdotti. L'idea dei pagliacci/zombie è ottima e funziona dai tempi di Twisted Metal (quelli non erano proprio zombie ma l'aspetto c'era). Però proprio perché assurda va gestita bene, buttandosi o sul grottesco/noir  o sul pacchiano spinto (sì, più pacchiano di così!). Al momento il tuo mondo è ancora una via di mezzo e come tutte le vie di mezzo non l'ho trovato soddisfacente.

Zakimos
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1471 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

L'ho fatto leggere alla bibliotecaria. Voi sapete quale.
Lei fa la clown negli ospedali... e si è divertita a leggere questo corto.
Bravo pirata!

To serve and correct

Mancolista/Doppiolista

gabrieleud
Lo scopavirgole
Principe del Sole
ranks
useravatar
Online
6378 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

Pirata delle Alpi ha scritto:

il Jester (nemico di Spider-Man)

Ahem... Jester era un nemico (principalmente) di Daredevil/Devil, Spider-Man/L'Uomo Ragno aveva come arcinemico Goblin, che però non è un clown teach

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2023 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 7° racconto: Fermate Monna Lisa

Confermi comunque che il nome/codice del protagonista non nasconde nessun paragrafo nascosto?

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2023 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Rispondi

Scrivi un messaggio e invia
Dimensione  [+] [-]
 Caratteri
captcha
Opzioni

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5084
Totale Sondaggi:
98
Totale Messaggi:
145122
Totale Messaggi Oggi:
9
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
6647
Ultimo Utente Registrato:
Ammit