Home Forum General Librogame e dintorni Endless Quest: true path? Non proprio
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • Benoit Cauet
  • sancio

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Libri "one shot", collane composte da più volumi, raccolte di racconti brevi. Quali sono le vostre opere interattive preferite?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.237.254.197

Endless Quest: true path? Non proprio

Endless Quest: true path? Non proprio

NELLA GIUNGLA

Ho terminato il recente volume Endless Quest edito da Armenia, intitolato "Nella giungla". Non è affatto un true path come ho letto in giro. Somiglia più a un CYOA (Scegli la tua avventura). Ho mappato il volume, ci sono 24 finali su 61 paragrafi e sono molto variegati, con vari gradi di finali alternativi dal chiaramente negativo al chiaramente positivo, passando per diversi gradi intermedi.
.
SPOILER:
.
.
.

.
.
Morte gloriosa senza portare a termine la missione: 6
Morte senza gloria e senza portare a termine la missione: 8
Sopravvivi senza portare a termine la missione: 5
Sopravvivi ma comprometti la missione: 1
Porti a termine la missione da (forse) morto: 1
Porti a termine la missione da morto: 1
Porti a termine la missione (in modo ambiguo) da vivo: 1
Porti a termine la missione da vivo: 1

Ecco la mappa completa: http://twinery.org/2/#!/stories/3e3d642 … 18a1374bd4

Vai al 350

nemonemon
Novizio
ranks
useravatar
Offline
14 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Endless Quest: true path? Non proprio

nemonemon ha scritto:

Non è affatto un true path come ho letto in giro.

Presente!

nemonemon ha scritto:

Morte gloriosa senza portare a termine la missione: 6
Morte senza gloria e senza portare a termine la missione: 8
Sopravvivi senza portare a termine la missione: 5
Sopravvivi ma comprometti la missione: 1

Lo scopo è portare a termine la missione, fallimenti e morti si equivalgono.

nemonemon ha scritto:


Porti a termine la missione da (forse) morto: 1
Porti a termine la missione da morto: 1
Porti a termine la missione (in modo ambiguo) da vivo: 1
Porti a termine la missione da vivo: 1

Per giungere a questi finali devi proseguire lungo un percorso ben preciso (aka true path), uno per ogni coppia di finali e, in base all'ultima scelta vai verso un finale completamente positivo e uno meno positivo.
In più una strada ti porta a diventare uno zombi.

Quindi esiste un uno finale completamente positivo raggiungibile tramite un true path, e alcuni finali parzialmente positivi.

Non riesco a vedere la mappa, è sbagliato il link o sbaglio io ;-) ?

Guarda dietro di te! Una scimmia a tre teste!
Scoprimi su Amazon https://www.amazon.com/-/e/B076VTJ3F7 !
https://billycreeper.blogspot.it/

Ubik
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
843 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Endless Quest: true path? Non proprio

Non ho ancora letto nella Giungla, ma ho letto Fuga dal Buio Profondo (che recensirò a breve). Questo primo libro (uscito prima rispetto all'altro negli States) è esattamente uno SLTA.
L'obiettivo è fuggire dalle segrete in cui siamo stati rinchiusi senza conoscerne bene il motivo. Ci sono molti paragrafi e molti percorsi. I finali che ci portano a una morte prematura e feroce abbondano, ma ce ne sono almeno 5 o 6 in cui è possibile raggiungere la superficie e riuscire a scappare.
Ognuno di essi ha una diversa gradazione di soddisfazione: talvolta tale grado di riuscita è tracciato in modo netto, talaltra è lasciato all'interpretazione personale del lettore.
Esistono anche un paio di epiloghi che io ho trovato poetici e molto conclusivi, ma che non lo sono in modo assoluto.
Secondo me i volumi sono ben strutturati: li ho trovati molto più piacevoli e articolati di quello che mi aspettavo. Hanno un taglio decisamente pensato per i più giovani e in quello che ho letto a fondo il linguaggio è molto semplice.
Però credo siano divertenti e, al netto di alcuni problemi di traduzione, sono dell'idea che un ragazzino di 8-12 anni può divertirsi molto leggendoli.

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10599 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Endless Quest: true path? Non proprio

Prodo ha scritto:

Non ho ancora letto nella Giungla, ma ho letto Fuga dal Buio Profondo (che recensirò a breve). Questo primo libro (uscito prima rispetto all'altro negli States) è esattamente uno SLTA.

Io credo che la caratterisca che rende tale uno SLTA sia la game experience di esplorare tutte le trame possibili.
Il "come uno SLTA" è usato come per dire "senza regolamento evoluto", ma credo che questo sia scorretto in quanto il focus dovrebbe essere la game experience non la presenza o meno del regolamento. In Nella giungla questa parte è piccola, ci sono poche variazioni alla trama, che non lo rendono affatto simile a uno SLTA, la tua missione è chiara e il tuo scopo, come lettore, non è scovare tutte le trame possibili ma cercare di raggiungerla al meglio. Per questo lo reputo più simile a un FF che a uno SLTA.

Prodo ha scritto:

Secondo me i volumi sono ben strutturati: li ho trovati molto più piacevoli e articolati di quello che mi aspettavo.

In Nella giungla appena fai un passo falso fallisci la missione, ci sono non più di 3 snodi in tutto per poterla portare più o meno a termine. Tra l'altro manco ti accorgi di giocare un chierico, se fosse un guerriero al 90% faresti esattamente le stesse cose.
Comunque leggerò anche quello del guerriero, magari è meglio riuscito.

Prodo ha scritto:

Però credo siano divertenti e, al netto di alcuni problemi di traduzione, sono dell'idea che un ragazzino di 8-12 anni può divertirsi molto leggendoli.

Il target ufficiale è quello ma io restringerei verosimilmente a un 8-10.

Interessante notare come i manuali di D&D siano un 12+ e questi, ufficialmente, deli 8-12. Chiaro indizio di spostare l'entry point cartaceo del brand di un gradino più in basso. E in USA ci sono anche prodotti per i più piccolini, non librogame però.

Guarda dietro di te! Una scimmia a tre teste!
Scoprimi su Amazon https://www.amazon.com/-/e/B076VTJ3F7 !
https://billycreeper.blogspot.it/

Ubik
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
843 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Endless Quest: true path? Non proprio

Ubik ha scritto:

Io credo che la caratterisca che rende tale uno SLTA sia la game experience di esplorare tutte le trame possibili.

Sono d'accordo. Fuga dal Buio Profondo è esattamente così infatti. A quanto mi dici Nella Giungla non lo è. Però per esempio a GabrieleUD che li ha letti entrambi Nella Giungla è piaciuto di più. Ti saprò dire appena lo avrò letto.

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10599 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Endless Quest: true path? Non proprio

Alla fine è anche questione di gusti. Comunque leggerò anche la fuga.

Guarda dietro di te! Una scimmia a tre teste!
Scoprimi su Amazon https://www.amazon.com/-/e/B076VTJ3F7 !
https://billycreeper.blogspot.it/

Ubik
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
843 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Endless Quest: true path? Non proprio

Ubik ha scritto:

Io credo che la caratterisca che rende tale uno SLTA sia la game experience di esplorare tutte le trame possibili.
Il "come uno SLTA" è usato come per dire "senza regolamento evoluto", ma credo che questo sia scorretto in quanto il focus dovrebbe essere la game experience non la presenza o meno del regolamento. In Nella giungla questa parte è piccola, ci sono poche variazioni alla trama, che non lo rendono affatto simile a uno SLTA, la tua missione è chiara e il tuo scopo, come lettore, non è scovare tutte le trame possibili ma cercare di raggiungerla al meglio. Per questo lo reputo più simile a un FF che a uno SLTA.

Qui però stai forse sovrapponendo l'elemento della "struttura di un librogame" (ad esempio "ad albero" o "railroad") con il suo gameplay, ad esempio "gioco per scoprire tutti i possibili percorsi alternativi" oppure "gioco per raggiungere l'unico finale di vittoria ed evitare tutti quelli di fallimento". E ancora, il concetto di librogioco con regole e senza regole.

Secondo me questi sono tre aspetti intercambiabili e combinabili tra loro in vario modo, come da ampia letteratura bigsmile

"Un velo nero ti impedisce di vedere altro. La tua vita termina qui: nel campo di battaglia, con la mitica Blood Sword tra le mani, felice per la sconfitta dei Veri Maghi." Adriano, Blood Sword PBM
http://www.caponatameccanica.com

Mornon
Saccente Supremo
Amministratore
useravatar
Offline
5361 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Endless Quest: true path? Non proprio

Mornon ha scritto:

Secondo me questi sono tre aspetti intercambiabili e combinabili tra loro in vario modo, come da ampia letteratura

Chiaro, stavo cercare di capire bene cosa rende tale uno SLTA "tipico", al di là delle definizione comune.

Guarda dietro di te! Una scimmia a tre teste!
Scoprimi su Amazon https://www.amazon.com/-/e/B076VTJ3F7 !
https://billycreeper.blogspot.it/

Ubik
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
843 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Endless Quest: true path? Non proprio

Ubik ha scritto:

cosa rende tale uno SLTA "tipico", al di là delle definizione comune.

Io lo vedo così:
- assenza di regolamento
- trama con diramazioni che si distanziano fra loro, senza mai riunirsi

Ci sono altre caratteristiche tipiche degli SLTA, ma a mio giudizio non vincolanti:
- il/la protagonista è intorno ai 10 anni
- il/la protagonista è asessuato/a, ovvero il libro non tratta direttamente la tematica del genere e ci si può immedesimare indifferentemente in un personaggio maschile o femminile.
- almeno nelle prime battute il protagonista ha a che fare con i problemi e le fantasticherie tipiche della sua età (la vacanza coi genitori, l'esplorazione di una casa abbandonata "per il gusto dell'avventura", la pedalata con gli amici); poi la storia prende una piega fantasy/sovrannaturale
- la situazione è mutevole a posteriori: la diramazione della storia può far sì che il misterioso antagonista sia un vampiro, come uno spettro, come un alieno, nel corso dello stesso libro. Lo stesso libro può concludersi con lo scoprire che era tutto un sogno, che degli scimpanzé hanno sviluppato un'arma fotonica che ci fanno svanire nel nulla, o che abbiamo viaggiato nel tempo e siamo finiti nel corpo di un'altra persona.
Per dirla con le parole di Prodo "una situazione a priori viene stabilita da un'azione a posteriori".
- È preponderante il grido di "buttiamo dentro robe a caso, tanto è fantasy"

To serve and correct

Mancolista/Doppiolista

gabrieleud
Lo scopavirgole
Principe del Sole
ranks
useravatar
Offline
6381 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Endless Quest: true path? Non proprio

gabrieleud ha scritto:

Io lo vedo così:
- assenza di regolamento
- trama con diramazioni che si distanziano fra loro, senza mai riunirsi

Esatto, queste sono le caratteritische di come viene raccontata la storia.

gabrieleud ha scritto:

Ci sono altre caratteristiche tipiche degli SLTA, ma a mio giudizio non vincolanti:
- il/la protagonista è intorno ai 10 anni
- il/la protagonista è asessuato/a, ovvero il libro non tratta direttamente la tematica del genere e ci si può immedesimare indifferentemente in un personaggio maschile o femminile.
- almeno nelle prime battute il protagonista ha a che fare con i problemi e le fantasticherie tipiche della sua età (la vacanza coi genitori, l'esplorazione di una casa abbandonata "per il gusto dell'avventura", la pedalata con gli amici); poi la storia prende una piega fantasy/sovrannaturale

Queste invece sono le caratteritische della storia storia stessa.

Per fare un esempio, Piccoli Brividi.
Il protagonista è un ragazzino che spesso litiga con fratelli/sorelle/genitori è "storia".
Ogni libro è suddiviso in tanti piccoli capitoli, ognuno termina con un cliffanger è la struttura della storia.
Entrambi sono due componenti che definiscono i libri di Piccoli Brividi, descrivendoli sotto due aspetti diversi e intersecantesi ma indipendenti.

Guarda dietro di te! Una scimmia a tre teste!
Scoprimi su Amazon https://www.amazon.com/-/e/B076VTJ3F7 !
https://billycreeper.blogspot.it/

Ubik
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
843 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5102
Totale Sondaggi:
98
Totale Messaggi:
145280
Totale Messaggi Oggi:
7
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
6738
Ultimo Utente Registrato:
DomeDigi