Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2019 I Corti che non ci sono stati
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Qual è il vostro connubio prodotto/autore preferito in ambito librogame?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 34.204.186.91

I Corti che non ci sono stati

I Corti che non ci sono stati

Stavolta metto l’elenco delle mie fantasie irrealizzate all’inizio del concorso e non alla fine. Vi invito a fare lo stesso, se avevate dei progetti poi non portati a termine.

[senza titolo]: ispirato alla campagna di PLANESCAPE che sto portando avanti. Ne avevo già accennato in un altro topic: pensavo a un’avventura esplorativa a mappa in cui il giocatore interpretava un tipo di genio di Advanced D&D (marid, djinn, ecc.) e cercava di penetrare in una fortezza dei dao, i geni del Piano della Terra. Oltre all’abbozzo non sono andato, perché non sapevo come gestire cose come i combattimenti senza elementi esterni al Corto e anche perché ricordavo l’avversione di alcuni utenti di LGL per le ambientazioni fantasy.

[senza titolo]: un Corto realistico e drammatico sulla scia di Cupe Vampe e 11/09, in cui una migrante dopo varie vicissitudini arrivava in Italia. Non ho trovato nessun sistema migliore per inserire la terra che con un colpo di scena finale in cui si scopriva che il bene a cui teneva di più la protagonista era un po’ di terra che si era portata dietro dal suo paese. Fuori concorso assicurato. bigsmile  Lasciato perdere subito.

ROMA BRUCIA: ambientato durante il Sacco di Roma, questo Corto avrebbe avuto come protagonista un mercenario/spia/assassino con l’incarico di giungere in una Roma devastata dai lanzichenecchi per recuperare un oggetto misterioso e preziosissimo di cui non sapeva la natura ma solo il nome e l’indirizzo del “contatto” da cui avrebbe dovuto prelevarlo a Roma.
Sarebbe stato narrato in terza persona e avrebbe avuto un meccanismo di rimandi particolare: al lettore sarebbe stato richiesto di leggere attentamente i paragrafi e di memorizzare i dettagli della storia e dell’ambientazione, pena incappare in instant death (ad esempio all’inizio veniva descritto accuratamente l’equipaggiamento del protagonista, che avrebbe subito variazioni sin dal primo paragrafo – “il bastone si ruppe nel cammino”, “pagò altre 10 monete”, ecc. – e se il giocatore fosse andato in un paragrafo non congruente con lo status del protagonista, ad esempio se avesse usato un’arma che in realtà non possedeva, sarebbe morto).
Per complicare il tutto, i rimandi ai paragrafi a cui recarsi non sarebbero stati numeri ma operazioni matematiche, in modo da generare a ogni paragrafo anche 20 “uscite” di cui solo una era quella giusta mentre le altre portavano alla stessa ID. Alla fine avevo immaginato di chiedere al lettore di fare lo spelling del nome complicatissimo del committente olandese che gli aveva affidato la missione una volta incontrato il suo contatto a Roma. Io pensavo di non mettere nessun rimando ipertestuale, ma questa opzione non sarebbe stata permessa dal bando, ripensandoci avrei potuto semplicemente metterlo direttamente nelle parole o nelle altre opzioni che avrei fornito come uscite di paragrafo, lasciando perdere il discorso delle operazioni! Ma questo l’ho capito solo adesso  smile2 . Magari recupererò l’idea in futuro.
In tutto questo, come si inseriva la “terra”? Nel corso di tutto il Corto il protagonista avrebbe ripetuto che svolgeva questa missione per “la terra”, lasciando sottintendere che lo faceva per amor di patria: alla fine si sarebbe scoperto che da Roma avrebbe recuperato un pigmento rarissimo che serviva a un pittore fiammingo, e quella era la vera terra attorno a cui ruotava il Corto. Troppo poco per non immaginare che sarebbe finito fuori concorso, e quindi alla fine l’ho lasciato perdere anche se ne avevo già delineato la struttura e avevo scritto qualche paragrafo. A onor del vero, l’ho abbandonato anche perché scrivere un librogame in terza persona si è rivelato difficilissimo.

FUORI IN TRE MOSSE: speravo di riuscire a mandarlo almeno fuori concorso, ma alla fine ho lasciato perdere sia per la vicinanza con l’inizio del concorso (e ho fatto bene, siete stati velocissimi! applauso ) sia perché non avrei potuto dedicarci quel minimo di attenzione di cui avrebbe necessitato.
Il protagonista è un lombrico all’interno di un vaso di terracotta che sente sopra di sé la pioggia che comincia a cadere e vuole salire in superficie. Per “navigare” all’interno del vaso avrebbe avuto a ogni paragrafo un massimo di 14 opzioni, corrispondenti ai punti determinati delle assi avanti-indietro, sopra-sotto, basso-alto più quelle intermedie, ma al lettore non sarebbero stati rivelati come tali, ma con dei simboli di quelli che si trovano nello strumento Inserisci-Simbolo di Word. Come evidenziato dal titolo, il percorso ideale avrebbe coinvolto solo 4 paragrafi e quindi 3 sole scelte. In un paio di occasioni (il lombrico va a sbattere contro le pareti del vaso, incontra un insetto che gli attacca bottone fino a stordirlo) il protagonista si sarebbe confuso e i simboli-direzioni avrebbero subito uno shift per complicare l’operazione di uscita qualora il lettore avesse intuito a quali direzioni corrispondessero i simboli dopo aver giocato un po'. Tutto il Corto si sarebbe basato su questo meccanismo e sulla peculiarità del protagonista e dell’ambientazione. Il primo elemento sarebbe stato però vanificato dall’obbligo di mettere le soluzioni in calce al Corto, che secondo me avrebbero smorzato un po’ la forza dell’idea. Inoltre per gestire al meglio la struttura dei paragrafi avevo tentato di disegnare il vaso (che all’inizio era un terreno aperto e più vasto), senza mai riuscire a tirarne fuori uno schema soddisfacente che fosse comprensibile! mad
La stragrande maggioranza dei paragrafi avrebbe riportato solo la parola “terra” ripetuta molte volte.
Riporto di seguito l’incipit che avevo elaborato – la narrazione sarebbe avvenuta tutta in prima persona.

Io verme.
Io muove terra.
Io mangia terra.
Io caga terra.
Io tutto terra.
Ma…
Sopra terra, terra.
Sopra terra e terra, terra.
Sopra terra, terra e terra, rumori.
Io sa rumori è acqua.
Io vuole acqua.
Io ama terra ma, insomma, ogni tanto vuole anche acqua.
Io riuscirà a trovare strada per terra sopra terra sopra terra sopra terra?

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2274 Messaggi
Info utenti nei messaggi

Re: I Corti che non ci sono stati

Il mio sarebbe stato un Corto con protagonista un elettricista la cui vita è appesa a un filo. Anzi, a tre. Deve mollare quello giusto per salvarsi.

To serve and correct

Mancolista/Doppiolista

gabrieleud
Lo scopavirgole
Principe del Sole
ranks
useravatar
Offline
6430 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: I Corti che non ci sono stati

gabrieleud ha scritto:

Il mio sarebbe stato un Corto con protagonista un elettricista la cui vita è appesa a un filo. Anzi, a tre. Deve mollare quello giusto per salvarsi.

Non ricorda un po' troppo l'enigma grafico della locanda nel secondo di Sortilegio? hmm

Il tema del concorso sarebbe stato rispettato grazie all'idea dell'elettricista che doveva provvedere alla presa a terra (qualsiasi cosa sia una presa a terra, non sono pratico).

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2274 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: I Corti che non ci sono stati

GGigassi ha scritto:

gabrieleud ha scritto:

Il mio sarebbe stato un Corto con protagonista un elettricista la cui vita è appesa a un filo. Anzi, a tre. Deve mollare quello giusto per salvarsi.

Non ricorda un po' troppo l'enigma grafico della locanda nel secondo di Sortilegio? hmm

Il tema del concorso sarebbe stato rispettato grazie all'idea dell'elettricista che doveva provvedere alla presa a terra (qualsiasi cosa sia una presa a terra, non sono pratico).

Infatti non sapevo cosa avrei messo dopo il secondo paragrafo.

To serve and correct

Mancolista/Doppiolista

gabrieleud
Lo scopavirgole
Principe del Sole
ranks
useravatar
Offline
6430 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: I Corti che non ci sono stati

GGigassi ha scritto:


Io verme.
Io muove terra.
Io mangia terra.
Io caga terra.
Io tutto terra.
Ma…
Sopra terra, terra.
Sopra terra e terra, terra.
Sopra terra, terra e terra, rumori.
Io sa rumori è acqua.
Io vuole acqua.
Io ama terra ma, insomma, ogni tanto vuole anche acqua.
Io riuscirà a trovare strada per terra sopra terra sopra terra sopra terra?

Un incipit intrigante.

Io ne avevo pensati altri due:
- uno era una storia a capitoli che procedeva a ritroso, ambientata in un presente distopico-alternativo in cui la Terra è un po' diversa da come la conosciamo. Scritta la struttura di tutti i paragrafi l'ultimo giorno, quando sono andati a sviluppare il testo mi sono accorto di incongruenze strutturali che non potevo gestire in così poche ore. P.S.: appena finirò di svilupparlo (e di ampliarlo, naturalmente) verrà pubblicato come LibroNostro.
- l'altro si sarebbe intitolato "Terremoti!". Avevo diverse idee sulla probabile trama, tutte molto fantasiose, ma poi è rimasto tutto nella mia mente.

"Lo sai come dev'esse lo sguardo del carabiniere? Pronto, acuto e profondo".

Adriano
Amministratore
useravatar
Offline
5076 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: I Corti che non ci sono stati

Beh, Adriano, sulla prima idea non mi pronuncio perché è un po' vaga (ma bella l'idea di andare a ritroso nel tempo come nella Jetée di Chris Marker, che servì d'ispirazione per l'Esercito delle Dodici Scimmie), la seconda invece era geniale e sicuramente non poteva finire fuori concorso! yikes
Che rabbia non aver avuto un'idea del genere sad

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2274 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: I Corti che non ci sono stati

GGigassi: tutto stupendo, ma la vera domanda è: che sostanze psicotrope assumi? XD wink

RaccontoGame SOTTO TERRA: Gioca Subito!


Sotto Terra per Android
Sotto Terra per Apple iOS

Arkham Legacy
Arkham Legacy
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
185 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: I Corti che non ci sono stati

Arkham Legacy ha scritto:

GGigassi: tutto stupendo, ma la vera domanda è: che sostanze psicotrope assumi? XD wink

Mi fregio di aver avuto l'onore di scriverci assieme bigsmile e godermi il suo processo creativo non filtrato!

Zakimos
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1552 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: I Corti che non ci sono stati

gabrieleud ha scritto:

Il mio sarebbe stato un Corto

Sei stato un genio già solo con questo incipit.

"Un velo nero ti impedisce di vedere altro. La tua vita termina qui: nel campo di battaglia, con la mitica Blood Sword tra le mani, felice per la sconfitta dei Veri Maghi." Adriano, Blood Sword PBM
http://www.caponatameccanica.com

Mornon
Saccente Supremo
Amministratore
useravatar
Offline
5377 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: I Corti che non ci sono stati

Zakimos ha scritto:

Mi fregio di aver avuto l'onore di scriverci assieme bigsmile e godermi il suo processo creativo non filtrato!

La questione si fa interessante! wink Che cosa avete scritto insieme?

P.S. Esiste da qualche parte una lista Nickname->Nome reale? Perché spesso ho la sensazione di interagire con utenti del forum come fossero estranei, ma sono quasi certo di conoscerli già su FB, ad esempio. XD

RaccontoGame SOTTO TERRA: Gioca Subito!


Sotto Terra per Android
Sotto Terra per Apple iOS

Arkham Legacy
Arkham Legacy
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
185 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5244
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
146753
Totale Messaggi Oggi:
6
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
7273
Ultimo Utente Registrato:
laportadeltempo