Home Magazine Archivio annate Annata 2014 Anno 9 n°1 (82) - FEBBRAIO 2014 - Intevista ad Ulysses Ai
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • Albyc80

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

L'invasione dei nuovi librogame continua. Sempre più case editrici propongono il proprio libro interattivo. Cosa ne pensi?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.81.28.94
Anno 9 n°1 (82) - FEBBRAIO 2014 - Intevista ad Ulysses Ai

 

Intevista ad Ulysses Ai

 

di Alessandro Viola (Yaztromo)

 

Ulysses Ai e' l'autore di svariati librigame in Inglese messi gratuitamente a disposizione sul sito di Fighting Fantasy Project http://www.ffproject.com/
E' una persona riservata e non ama parlare molto di se, ne avere visibilita', ma la qualita' dei suoi lavori lo ha segnalato da tempo agli appassionati dei librigame.
Cortesemente, ha accettato di rispondere ad alcune domande.

Ulysses, Come hai iniziato a scrivere librigame?
Ho cominciato a scrivere il mio primo librogame a circa otto anni, dopo averne letto uno della serie "Scegli la tua avventura". Era una caccia al Tesoro con inseguimenti in jeep nella giungla e un falco di cristallo. Non l'ho mai completato e non ho piu' pensato di scrivere librigame per una ventina d'anni, finche' il rilancio della serie Fighting Fantasy mi ha ricordato l'esistenza dei librigame.
Dopo una ricerca online ho scoperto che la comunita' degli amanti dei librigame e' in ottima salute. Mi sono messo immediatamente a scrivere The Diamond Key e per poco non ho perso la sessione di laurea per poterlo finire.

Come mai hai scelto il sito di Fighting Fantasy Project per pubblicare i tuoi librigame?
Fighting Fantasy Project e' stato il primo sito che ho trovato che metteva a disposizione librigame amatoriali e che per di piu' potevano essere giocati on line. Non ho sentito il bisogno di cercare altrove e il mio coinvolgimento nella comunita' degli amanti dei librigame e' limitata al guestbook di questo sito, principalmente perche' altri siti richiedono che tu ti iscriva, cosa che a me non intererssa.
Credo che il sito di Fighting Fantasy Project sia ben fatto e ben gestito praticamente sotto tutti i punti di vista. Apprezzo sinceramente la devozione del webmaster che passa cosi' tanto del suo tempo libero per dare la possibilita' aicultori del genere di avere un posto dove trovare librigame gratuiti, giocarli e discuterne.

Quali sono i tuoi librigame (o serie di librigame) preferiti? Quali hanno avuto piu' influenza su di te?
Non ho molta esperienza con i librigame, dal momento che ho solamente letto alcuni "Scegli la Tua Avventura" e alcuni Fighting Fantasy. Non credo che ci sia un librogame o una serie in particolare che abbia avuto un impatto speciale su di me: quello che mi ha sempre colpito e' stato soprattutto il concetto della letteratura interattiva.

Hai altri interessi letterari, al di la' dei librigame?
Ho amato la scrittura da quando ero bambino e ho sempre avuto l'ambizione di diventare un autore pubblicato. Quello che ho scritto da bambino e da adolescente non e' per niente memorabile, ma, con la mia maturazione, anche quello che scrivevo e' maturato e al momento ho diversi progetti in corso. Sono racconti piu' tradizionali che spaziano dal fantasy, al fantascientifico, dal romanzo storico a quello contemporaneo. Per quanto i miei librigame siano stati finora il mio maggior successo (nel senso che ho completato le storie e ho avuto lettori), li ritengo piu' che altro un hobby, per cui non li conterei come passi avanti verso il mio obbiettivo di diventare un autore pubblicato.
Ho anche scritto alcuni copioni di film e sceneggiati televisivi, ma al momento questi lavori non hanno avuto alcun seguito.

Come e' nata la saga di "Wrong way Go Back"? Hai pianificato tutto fin dall'inizio?
Un fine settimana mi sono ritrovato bloccato in un posto noiosissimo. Non avevo giochi elettronici con me, ma avevo carta e penna. Prima di arrivare in questo posto noioso avevo ascoltato della musica e avevo ancora nella testa la canzone dei Pink Floyd intitolata the Controls for the Heart of the Sun. L'idea di essere intrappolato in una nave spaziale che sta' precipitando su una stella mi e' sembrata una grande idea per un librogame, e quindi l'ho scritto. Dopo che il librogame e' stato pubblicato sul sito di Fighting Fantasy Project, qualcuno nel guestbook ha inserito il commento che gli sarebbe piacuto leggerne il seguito, per cui l'ho scritto. E' cominciato tutto cosi'.

Da dove nasce l'umorismo irresistibile di Wrong way Go Back?
Nasce da solo, come i brufoli. L'unica differenza e' che quando spunta sei contento di vederlo...

Conosci il libro di Douglas Adams intitolato "La Guida Galattica per gli Autostoppisti"? Ti e' stato d'ispirazione?
Ho letto tutte le serie di Douglas Adams molti anni fa, incluso Dirk Gently. Non ho preso niente da questi libri consapevolmente, ma di certo le sue storie hanno lasciato una grande impressione nel mio subconscio, assieme a molte altre.

Qual e' il future della saga di Wrong Way Go Back? Hai un piano?
L'ottavo episodio sara' l'ultimo. Ho pensato ad una conclusione epica senza un vero e proprio finale a sorpresa (alla fine ti ritrovi la ragazza), ma spero che il viaggio per arrivarci sia molto divertente. Attraverserai tutto l'universo e incontrerai tutti i personaggi degli episodi precedenti per trovare quello che cerchi.

Abbiamo dovuto attendere tre anni dall'episodio precedente, ma questo e' di gran lunga il librogame piu' lungo della serie, dal momento che ha 600 referenze, mentre gli episodi precedenti erano tutti tra 60 e 266 referenze...
Il concetto della serie di Wrong Way Go Back e' basato su una serie di episodi corti, ma difficili. Non avevo previsto che Return to G15-275 sarebbe diventato cosi' lungo, ma non c'era altro modo di includere tutti gli elementi che avevo pensato senza aggiungere referenze su referenze. Naturalmente avrei potuto accorciarlo, se avessi veramente voluto, ma molte delle referenze sono li' per poter gestire visite multiple agli stessi posti, permettendo di gestire le conseguenze delle azioni compiute precedentemente dal protagonista. Per questo motivo non credo che il numero di referenze avra' un grande impatto sulla lunghezza della storia dal punto di vista del lettore.
Detto questo, probabilmente l'episodio finale che seguira' sara' per lo meno della stessa lunghezza.

Hai scritto librigame corti e librigame lunghi (anche all'interno della stessa serie): li concepisci e scrivi allo stesso modo o ci sono differenze?
Quando comincio un librogame prima di tutto mi faccio un'idea ben chiara dei contenuti, gli elementi chiave e il finale. Poi comincio a scrivere. La storia tende a crescere organicamente, con nuovi elementi che entrano in gioco e storie parallele che emergono. Le necessita' della storia decideranno quanto spazio verra' occupato da questi "imprevisti". Se si espandono, li lascio espandere. In questo modo, non c'e' nessuna differenza come progettazione e la scrittura semplicemente richiede piu' tempo, la revisione ne richiede ancora di piu' e il libro cresce.

Cosa hai in programma di scrivere dopo Wrong Way Go Back?
Dopo aver completato Wrong Way Go Back non ho in programma altri librigame. Mi concentrero' invece su quelli che considero progetti "piu' seri".
Li comunichero' in pubblico man mano che saranno pronti.

Secondo molti lettori, i tuoi librigame sono di qualita' migliore di molti altri prototti professionalmente e pubblicati (e venduti!): come mai hai scelto di metterli a disposizione gratuitamente?
I miei librigame sono disponibili gratuitamente perche' nessuno mi ha offerto soldi per scriverli. Sono un porco capitalista e sarei ben lieto di sguazzare nel denaro ogni giorno, se ne avessi. Scrivere librigame e' divertente e mi e' piaciuto, ma richiede parecchio tempo e, adesso che altri impegni mi si accavallano, il fatto di non aver avuto un riscontro tangibile e' alla base della mia scelta di non scriverne altri. In ogni caso pero', anche se fossi pagato per scrivere librigame, lo stesso ne metterei a disposizione qualcuno gratuitamente. La gente non dovrebbe pagare sempre per qualunque cosa.

Che valore dai alle pubblicazioni amatoriali?
Le pubblicazioni amatoriali sono una grandiose possibilita' per gli autori in erba di presentare i loro lavori e ricevere dei commenti. Sicuramente ci sono dei libri pubblicati che sono stati pensati e scritti sorprendentemente male. Avere una scena vivace di scrittori amatoriali dovrebbe aiutare gli autori a miglorarsi fintantoche' riescono a gestire saggiamente i commenti che ricevono: alcuni commenti saranno sicuramente di scarso valore, mentre altri saranno utili. Devi essere in grado di discernere e trovare gli aspetti di valore, senza badare troppo al fatto che sicuramente non tutti potranno apprezzare qualunque cosa tu scriva.

Qual e' il futuro dei librigame, secondo te?
Credo che il futuro siano le apps per smartphones e tablets. Non credo che i libri cartacei spariranno, ma secondo me i librigame sono piu' adatti a formati elettronici, dal momento che sono piu' veloci da comprare, leggere e piu' facili da navigare.


Ecco dove potete trovare tutti i librigame di Ulysses Ai:
The Diamond Key (2007): http://www.ffproject.com/key.htm
Wrong Way Go Back (2007): http://www.ffproject.com/wrong.htm
Planet of the Spiders (2008): http://www.ffproject.com/planet.htm
The Golden Crate (2009): http://www.ffproject.com/crate.htm
The Hypertrout (2009): http://www.ffproject.com/trout.htm
Contractual obligation (2009): http://www.ffproject.com/co.htm
The Dead World (2010): http://www.ffproject.com/dead.htm
Return to G15-275 (2013): http://www.ffproject.com/g15275.htm
Raveges of Fate (013): http://www.ffproject.com/ravages.htm

Tranne "The Diamond Key" e "Ravages of Fate", gli altri librigame fanno tutti perte della serie "Wrong Way Go Back"