Home Recensioni Abstract
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • Apologeta
  • sancio

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Lucca 2017: qual'è stata secondo voi la vera novità in ambito interattivo?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 54.146.50.80

Dettaglio Abstract

Serie Oltre l'Incubo
Recensore Mornon

La serie “Oltre l’incubo” porta in Italia l’opera in due parti “Forbidden Gateway” dei due fratelli inglesi Ian e Clive Badley, designer della Games Workshop. Pubblicato in Gran Bretagna nel 1985, arriva in Italia nel 1987 con i titoli "Il Regno dell’Ombra" (Where the shadows stalk) e "Il Vortice del Tempo" (Terrors out of time).

Purtroppo il titolo della serie e quelli dei due volumi sono stati, come si vede, tradotti impropriamente, perdendo molto del significato originario e del rapporto con la trama stessa dell’opera, come accade fin troppo spesso. Non saprei dire, a questo punto, se la traduzione stessa dei testi dei capitoli sia carente, ma, se anche lo fosse, il linguaggio utilizzato è molto evocativo e abbastanza curato. Se si è perso qualcosa, quindi, l’originale doveva essere eccezionale, dato che il risultato italiano è comunque buono. Assolutamente inappropriate, a mio avviso, sono le copertine, mentre buone e caratterizzanti della serie sono le figure interne. I paragrafi sono in entrambi i volumi poco meno di 380, tutti discretamente densi di fatti, descrizioni, atmosfere ed elementi adatti a sviluppare le strategie del personaggio nell’avventura. Quasi assenti i vicoli ciechi, i tiri di fortuna che possono uccidere, le sconfitte poco motivate, le scelte senza ragionamento, gli oggetti o gli incontri “obbligati”, cosa che ne fa un prodotto di gioco molto scorrevole. La difficoltà, soprattutto nel primo libro, è medio-alta, cosa che è corretta dal punto di vista degli orrori e dei mostri che vengono incontrati (che sarebbe assurdo poter sconfiggere facilmente), ma scorretta nella creazione del personaggio, affidata ad un aleatorietà troppo alta: chi fa punteggi bassi con i tiri di creazione non ha speranze di riuscita. La trama dei due libri è strettamente connessa e già alla fine del “Regno dell’Ombra” un colpo di scena rimanda al secondo volume, oltre ad essere presentata una sezione di regole adatte a “far aumentare di livello” il personaggio utilizzato per avviarlo alla seconda parte della storia. È possibile anche portare con sé tutti oggetti trovati o modificati nel primo volume, segno di una continuità curata con precisione.

L’ambientazione di partenza è quella dell’Inghilterra dei primi decenni del ‘900, con puntate in Galles, nell’Europa continentale e in Egitto; le locazioni delle singole parti della storia sono quelle più suggestive e “classiche” del genere: brughiere nebbiose, miniere abbandonate, manieri di campagna, il British Museum di notte, aerei e dirigibili che sorvolano l’Europa, antiche torri ricolme di macchinari elettrici ed alambicchi, per arrivare al Cairo delle Piramidi e agli stessi inferi. Quello che è forse esagerato (ma qui si cade in una questione di gusti personali, di cui non è possibile disquisire) è il modo di combinare tanti elementi dell’horror in una storia coerente: ci sono gli alieni, le divinità egizie, gli zombie, i “mutanti”, i demoni della tradizione gaelica, il mago Merlino e lo scienziato pazzo con il suo laboratorio e i suoi mostri ibridi tutti insieme, nella stessa storia. È anche giusto dire che la trama è unica e tutti questi elementi sono mescolati insieme con logica e appropriatezza, trovando tutti il proprio posto all’interno dell’avventura.

Si sente molto l’influsso degli scritti di Lovecraft e dei giochi connessi, soprattutto nella presenza della “Volontà”, essenzialmente la sanità mentale del personaggio, da tenere sotto controllo almeno quanto la “Resistenza”. L’effetto è realistico e divertente. Le regole sono discretamente elaborate: esistono 5 “qualità” da riportare nel “registro del personaggio”: Forza, Resistenza, Intelligenza, Volontà e Abilità (in origine Strength, Stamina, Mentality, Endurance and Dexterity). Forza, Intelligenza e Abilità vanno definiti tirando un dado a sei facce e sommando a ciascun risultato 3, senza poter distribuire i punti. Resistenza e Volontà sono rispettivamente il doppio dei valori di Forza e Intelligenza. Tutte le prove e i combattimenti si effettuano tirando due dadi a sei facce per ottenere un numero minore o uguale a quello di Forza, Intelligenza o Abilità. Questo causa poi ripercussioni su Resistenza e Volontà. Quando si raggiunge il punteggio di 0 in una di queste due qualità si viene rimandati a due paragrafi fissi del volume, che concludono con una sconfitta l’avventura. Un ospedale psichiatrico attende quelli che perdono la propria Volontà, in ognuno dei due volumi; una condizione di beatitudine ed una di tormento eterne sono i finali destinati a coloro che muoiono, rispettivamente nel primo e nel secondo volume. Esiste anche una Tavola di Combattimento, che serve a confrontare le qualità dei due avversari, per gestire situazioni più complesse.

Ottime le possibilità di scelta durante gli scontri: è possibile selezionare ogni volta diversi modi di affrontare gli avversari, con le varie armi a disposizione e tattiche sempre peculiari, una finezza che costringe e invoglia a leggere attentamente la descrizione degli oggetti e dei mostri. È possibile quasi sempre anche fuggire e inoltre esistono i danni critici, ottenuti con un doppio 1 al lancio dei dadi. Non ci sono infine regole di equipaggiamento: si può portare con sé praticamente tutto quello che si trova. Il giudizio è sostanzialmente positivo: una serie fortemente caratterizzata e “di genere”, studiata e realizzata in maniera intelligente e piacevole, con una alta giocabilità e uno stile affascinante. Forse non eccezionale ma comunque molto buona e sicuramente superiore alla media.