Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • gabrieleud

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Meno di due mesi a Lucca Comics & Games 2019. Cosa ti piacerebbe trovare, in ambito librogame, nella più importante fiera italiana del settore?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 35.172.100.232

Recensione

PuzzleQuest Books 1: The Tasks of Tantalon
Edizione Penguin Books Puffin Imprints 1986
autore/i Steve Jackson
Recensore Yaztromo

The Tasks of Tantalon si presenta come un esile volumetto in formato A4 coloratissimo (pagine interne incluse) e ricoperto di disegni spesso molto intricati. Chi conosce l'autore (Steve Jackson) normalmente lo prendera' in mano con una certa ansia, ricordando quanta fatica ha fatto a venire a capo di altre sue opere come Sortilegio e La Creatura del Male, ma, tutto sommato, questo sembra piu' un volume dedicato ai ragazzi, e poi cosi' esile: cosa mai sara'...

All'inizio si puo' leggere la storia del regno di Gallantaria, appena uscito dalla disastrosa Guerra dei Quattro Regni, che ha portato enormi lutti e distruzioni, ma finalmente e' stata dichiarata la tregua. Tra le molte mortii portate dalla guerra, c'e' anche la perdita senza eredi del Re e della Regina di Gallantaria. La reggenza al momento e' sulle vecchie spalle del fedele mago Tantalon, che ha appena avuto l'idea che permettera' al regno di trovare una nuova era di prosperita': il nobile avventuriero che riuscira' a superare una serie di prove, che serviranno a ristabilire la pace e la produttività', sara' nominato Re di Gallantaria! Ovviamente il protagonista lettore non puo' che raccogliere la sfida e voltare pagina con trepidazione.

La prima cosa che si nota, in questo libro, e' che e' completamente istoriato, con uno stile molto arzigogolato, che incorpora qua e la' simboli, numeri, immagini stravaganti. Riempitivi? scopriremo piu' avanti che non sempre lo sono...

Il primo compito che dobbiamo affrontare sembra rinforzare la sensazione che questo sia un libro di enigmi grafici per ragazzi: dobbiamo liberare il nobile Sir Dinstable of Aiken, che e' stato rapito e ora lo vediamo legato come un salame e sospeso sopra un pozzo di fiamme. Abbiamo davanti a noi una leva che possiamo spostare a destra o a sinistra e a seconda di dove la vogliamocollocare ci sono dei numeri indicati (che verranno utilizzati piu' avanti per trovare le varie soluzioni secondo la meccanica molto utilizzata da Steve Jackson di aggiungere o sottrarre dei numeri ai numeri di paragrafo nel quale ci trroviamo).

L'enigma non e' altro che una variante o rielaborazione del quesito grafico che abbiamo a suo tempo (quando leggevamo La Citta' dei Misteri) incontrato al nostro risveglio nella locanda di Khare': un groviglio di ruote dentate, pulegge, cinghie e contrappesi che, se riusciremo ad interpretare correttamente, fara' risalire il povero Sir Dunstable fuori dal pozzo anziche' fargli fare la fine del pollo arrosto.

Bello! Simpatico! Fattibile! Quasi facile! Con questo spirito quasi da spacconi allora ci tufferemo sugli enigmi seguenti e scopriremo che il diabolico Steve Jackson aveva usato questo primo problema come un'esca per indurci ad abbassare le nostre difese: invece i numerosi enoigmi che seguono sono uno piu' difficile dell'altro! Arrivare alla soluzione di queste poche decine di pagine puo' rivelarsi piu' complicato che completare La Creatura del Male o anche Sortilegio!

Personalmente, nel tentativo di "trovare la strada" ho comprato addirittura una seconda copia "da battaglia" alla quale ho fatto un po' di tutto, per farle "sputare il rospo": l'ho messa in forno, ne ho piegato le pagine in modi strani per vedere se i simboli disegnatii, combaciando, componessero qualche altro imprevedibile messaggio, l'ho riesaminata tutta allo specchio, ho perlustrato sistematicamente le sue superfici con l'ausilio di due lenti d'ingrandimento e un microscopio dal set del "Piccolo Biologo"... insomma, quelle follie che non di rado accompagnano il percorso di chi decidere di correre il rischio di seguire i contorti percorsi mentali di Steve Jackson!

Come suggerimenti gratuiti (tanto non vi semplificheranno la vita piu' di tanto...) posso dichiarare che il gioco si puo' concludere con successo senza danneggiare in alcun modo il libro, ma, come nei librogame più complessi, la soluzione non arrivera' in modo lineare, partendo dalla prima pagina per arrivare all'ultima e sara' infatti necessario sfogliare spesso avanti e indietro: non crediate che necessariamente la risposta a un quesito grafico che si trova su una pagina X sia su quella stessa pagina!

Insomma, dopo aver fatto un percorso alle soglie della follia, i solutori piu' esperti che riusciranno a seguire l'arzigogolo e a conquistare finalmente la Corona e la Spada, simboli del potere del Regno di Gallantaria, avranno la non comune soddisfazione di aver avuto la meglio in una sfida titanica contro la fantasia contorta del geniale Steve Jackson, in una delle sue manifestazioni piu' complete!

Longevità 8: 

Difficilissimo dare dei voti a questa opera per molti versi indecifrabile: arrivare alla soluzione, per chi riesce a sopravvivere alla frustrazione, puo' richiedere settimane, mesi, anni... ma poi, una volta risolto, non ha piu' senso andare subito a rileggerlo: tanto per arrivare alla fine lo avremo gia' perlustrato centimetro quadrato per centimetro quadrato...

Difficoltà 4: 

Fuori scala! Esclusivamente per solutori piu' che abili e particolarmente resilienti alla frustrazione - si consiglia di predisporre fin dal principio un supporto psicofisico esterno.

Giocabilità 2: 

Per quanto all'apparenza un libro di enigmi prevalentemente grafici potrebbe essere considerato quasi in automatico di facile giocabilita', qui ci sono alcuni passaggi veramente difficili, a livello pazzesco e per trovarli bisogna avere una fantasia ai confini della realta'.

Chicca: 

Ë tutta una chicca - non posso mettere ulteriori dettagli per non rovinare il piacere della scoperta!

Totale 7: 

Una media tra 3 e 10. Perché questo e' un capolavoro che non ha niente di meno delle piu' alte opere d'ingegno di Steve Jackson, ma il modo all'apparenza semplice e umile in cui si presenta tende a farlo sottovalutare... non fatelo!
Alcuni getteranno il volume dalla finestra in preda a frustrazione, giurando di non prenderlo mai piu' in mano e dando un voto pari a zero, altri magari andranno a riprendere il volume fuori dalla finestra (magari indossando una camicia di forza...) svariate volte finche' non arriveranno alla soluzione, che arrivera' come un'incredibile e soddisfacentissima scarica di adrenalina!