Home Recensioni Abstract
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Con che frequenza leggete librogame o letteratura interattiva in generale, indipendentemente dalla forma in cui essa è presentata (cartacea, digitale, app)?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 54.158.248.167

Dettaglio Abstract

Serie Guerrieri della Strada
Recensore Ombro

La serie Guerrieri della Strada nasce come idea di Joe Dever, autore tra l’altro, oltre che della collana in questione, delle altre, parti integranti della raccolta Librogame, Lupo Solitario e Oberon, ed è forse una delle serie più riuscite e interessanti della collana dei librogame Elle.

L’autore, dà vita a Mark Phoenix, guida e difensore del Dallas 1, gruppo di sopravvissuti in un futuro post atomico. Mark, rimasto per otto anni bloccato sottoterra con i suoi zii , riesce a ritornare in superficie e a mettersi in contatto radio con un altro gruppetto di superstiti, con cui tenterà poi di arrivare in California, unica zona dove si possa ancora sperare in un futuro migliore. Grazie alla sua abilita di guida e alla mira infallibile Mark riuscirà a prendere presto l’ammirazione di tutti,venendo poi soprannominato "Guerriero della Strada".
Nella sua travagliata avventura Mark conosce anche Kate, ragazza sfuggita alle bande di razziatori, per cui proverà sempre più interesse, ma il viaggio è lungo e pieno di insidie e il caldo insopportabile e le numerose bande di desperados che girano nella zona non facilitano di certo la situazione, costringendo spesso Mark e gli altri a intensi scontri a fuoco.

Il sistema di gioco è di quelli classici, molto simile a quello di Lupo Solitario, caratterizzato da punti resistenza e combattività (validi solo per le armi bianche), e caratteristiche di sopravvivenza, come agilità, guida, mira, orientamento eccetera, che influiranno sui tiri dei dadi o della pratica Tabella del destino, già molto apprezzata in Lupo Solitario. Tra gli aspetti innovativi spiccano sicuramente quello della possibilità di poter usare armi da fuoco e la relativa gestione delle munizioni, divise per calibro e tipo. Le armi che potremo portare saranno quattro: i fucili, le pistole, le carabine e i mitra, ognuna con caratteristiche specifiche che influenzeranno spesso gli scontri, molto divertenti e ben riusciti.

Tutto sommato il prodotto è buono, con una storia abbastanza originale e un sistema di gioco pratico, e l’aggiunta delle armi da fuoco è un’idea geniale, sviluppata a fondo e ben fatta. In sostanza si può dire che i Guerrieri della Strada è una serie molto buona, con una trama interessante e un personaggio riuscito, che ha saputo sfruttare al meglio le tante innovazioni introdotte.