Home Recensioni Abstract
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Con che frequenza leggete librogame o letteratura interattiva in generale, indipendentemente dalla forma in cui essa è presentata (cartacea, digitale, app)?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 54.158.248.167

Dettaglio Abstract

Serie Oberon
Recensore Kelemvor

La serie di Oberon costituisce uno spin off del più famoso ciclo di Lupo solitario; le differenze sono che il protagonista è un giovane mago Shanti (questo vent'anni prima di Harry Potter), e che la saga è ambientata nel Magnamund del sud.
A differenza del nostro cavaliere Ramas preferito, Oberon non è particolarmente dotato con le armi e per sopravvivere dovrà contare sui suoi poteri magici.
In questa serie accanto ai tradizionali punteggi di Combattività e Resistenza, viene introdotta la caratteristica Volontà che serve ad Oberon per usare i poteri magici (in pratica la volontà è l'equivalente del mana ).
Contrariamente a molti giochi di ruolo il sistema magico di questa saga non prevede decine d'incantesimi diversi, ma pochi poteri magici piuttosto flessibili.
Ad esempio il potere dell'Incantesimo permette di manipolare la mente delle creature, riunendo in sè funzioni che in D&D vengono svolte da almeno quattro incantesimi diversi.
Particolarmente interessante è il potere dell'Alchimia, grazie a cui Oberon potrà creare delle pozioni grazie agli oggetti trovati nel corso dell'avventura. Scegliendo questo potere inoltre Oberon riceverà il sacchetto dell'erborista, che rappresenta in pratica un laboratorio in miniatura. 
La trama è affascinante e ricca di colpi di scena, anche se a volte si ha l'impressione che la saga avrebbe avuto bisogno di almeno due volumi in più per essere sviscerata pienamente (ad esempio è un peccato ottenere i poteri più letali solo nell'ultima avventura).
Una curiosità: la geografia dei luoghi in cui è ambientato questo ciclo ricorda molto quella dell'America centrale. Ed ora passiamo ai vari racconti.

Oberon il giovane mago
Lo scopo di Oberon sulla carta sembra semplice; recuperare la Pietra di Luna (un potentissimo artefatto) e grazie ad esso sconfiggere il perfido negromante Shazarak, che ha instaurato un regime di terrore sul Magnamund del sud. Per il colmo della sfortuna la Pietra della Luna è nascosta nel Mondo degli Astri, che può essere raggiunto solo grazie all'aiuto del popolo dei Kundi, i quali ovviamente sono irreperibili. Sostanzialmente la missione di Oberon sarà di rintracciarli e convincerli ad aiutarlo.
Peccato che per fare questo dovrà attraversare un intero continente infestato dagli scagnozzi di Shazarak.


La città proibita
Dopo aver trovato i Kundi Oberon dovrà raggiungere il Cancello dell'Ombra, l'unico accesso al Mondo degli Astri. Peccato che il suddetto cancello si trovi in un luogo non proprio accessibile.
Comunque strada facendo Oberon riuscirà a farsi tanti nuovi amici e soprattutto un paio di nuovi nemici potenti.


Il cancello dell'ombra
Arrivato nel Mondo degli Astri Oberon deve recuperare la Pietra della Luna , impresa non certo facile per via delle leggi aliene che regolano il Mondo degli Astri.
Questo volume per via delle ambientazioni esotiche è senz'altro il migliore della saga, anzi si può dire che il vero protagonista di quest'avventura è proprio il Mondo degli Astri. Assolutamente imperdibile.


La guerra dei maghi
Ci siamo: Oberon ha ottenuto la Pietra della Luna, e adesso può sconfiggere il perfido Shazarak, che ovviamente cercherà di mettergli i bastoni tra le ruote con tutti i mezzi a sua disposizione. In questo volume vengono introdotti i poteri maggiori, una versione potenziata di quelli usati fino a questo momento da Oberon. Peccato solo per il finale,assolutamente non all'altezza di quelli dei vari cicli di Lupo Solitario.