Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Libri "one shot", collane composte da più volumi, raccolte di racconti brevi. Quali sono le vostre opere interattive preferite?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.219.31.204

Recensione

Dimensione Avventura 4: Appuntamento con la M.O.R.T.E.
Edizione EL 1990
autore/i Steve Jackson
Recensore pippo79

Sei il prodotto di un esperimento di ingegneria genetica, un supereroe che ha deciso di mettere i suoi poteri al servizio dell'umanità: a Titan City una metropoli dove si nascondono i peggiori criminali, devi impedire il raduno di M.O.R.T.E. (Macro Organizzazione per il Ristabilimento del Terrore e dell'Eversione), un' organizzazione che ha come obiettivo la distruzione del mondo civile.

Con questa premessa Steve Jackson ci catapulta in un'altra delle sue avventure, questa volta ambientata in una presunta cittadina americana dove il lettore impersona Jean Lafayette (una sorta di Clark Kent della celeberrima opera Superman , a cui Jackson si sarà sicuramente ispirato scrivendo questo libro) ovvero un tranquillo impiegato di Titan City che però al momento della sua nascita (essendo la madre una ricercatrice nel campo della chirurgia genetica) fu sottoposto a un pericoloso ma ben riuscito esperimento segreto appunto di chirurgia genetica che fece sì che il nostro Lafayette sviluppasse dei poteri soprannaturali man mano che cresceva. Tali poteri dovevano restare segreti al mondo ed utilizzati soltanto a fin di bene: solo i genitori conoscevano infatti gli straordinari attributi di Jean, che quando non è chiamato a svolgere le sue funzioni di giustizia, svolge un normale lavoro d'ufficio in una ditta di medie dimensioni di Titan City; quando invece c'è da lottare contro il crimine che imperversa nella città, egli si trasforma nel Falco d'Argento, il supereroe difensore della legalità, con una figura che può o meno ricalcare lo stranoto Superman o altri supereroi dei fumetti americani, a seconda del potere speciale che sceglieremo all'inizio dell'avventura. Dovremo infatti scegliere il nostro potere tra 4 disponibili: la Forza multipla (una qualità che oltre a farci partire direttamente con ben 13 punti di Abilità, ci darà il privilegio di volare), il Dardo energetico (un raggio d'attacco distruttivo lanciabile con la punta delle dita), lo Psicopotere (con questo saremo in grado di leggere nella mente degli altri al costo però di 2 punti di Resistenza ogni volta) e l' ATA (abilità tecnica accresciuta; avremo a disposizione una cintura con degli accessori ultrasofisticati che faranno sembrare il nostro supereroe una sorta di 007 anziché un superuomo). A seconda del potere che sceglieremo, già prima di iniziare, ci saranno forniti un paio di indizi che nel corso dell'avventura ci saranno utili o meno per accumularne degli altri che poi saranno decisivi per impedire il raduno di MORTE; una volta catapultati finalmente in Titan City, molta importanza rivestiranno i percorsi che andremo a scegliere ogni qualvolta si presenta una chiamata della polizia o del nostro amico Jerry Grass: l'obiettivo principale è quello appunto di venire a conoscenza di quei dati e indizi che ci riveleranno il luogo e l'ora esatti del raduno, custoditi da svariati criminali, alcuni veramente pittoreschi (teppisti in grado di tramutarsi in entità di fuoco, gatte tigri, distruttori, pagliacci ecc.). Nelle battute iniziali dell'avventura dovremo fare i conti anche con il costante rischio di licenziamento da parte del nostro datore di lavoro nell'azienda, causa i frequenti ritardi del nostro personaggio costretto a “sdoppiarsi” tra la vita normale quotidiana e quella al servizio della giustizia dove viene continuamente chiamato in causa (alla fine però il suo posto di lavoro “normale” viene conservato). Al giorno del raduno potremo poi aver accumulato o meno gli indizi che ci porteranno allo scontro finale con Vlad Utosh, meglio noto come Cyborg Titanium, uno dei boss finali più suggestivi di tutto il mondo dei librogame (mezzo umano e mezzo robot, raffigurato sulla copertina del libro), contro il quale però dovremo utilizzare un apparecchietto elettronico chiamato Blocca-Circuiti trovato nel corso dell'avventura al fine di ridurre le sue capacità combattive a quelle di un uomo comune, pena altrimenti l'eventualità di affrntare un combattimento impossibile (basti pensare che il Cyborg ha 18 punti di Abilità e 20 di Resistenza al massimo delle forze), con un instant death dopo appena tre scontri di combattimento.

Se invece non avremo trovato quegli indizi necessari per localizzare il raduno (sempre se prima non si è andati incontro a una delle altre instant death del libro, non tantissime a dire il vero), vi sarà una bad end nella quale il nostro Falco d'Argento ascolta sconsolato dentro un taxi l'annuncio che ormai MORTE si sta apprestando a distruggere tutte le capitali del mondo (ma la prima città è proprio Titan City) grazie al controllo di un satellite attorno alla Terra…

Longevità 10:  La possibilità di scegliere all'inizio dell'avventura uno tra quattro poteri speciali e il vasto numero di bivi presenti in quasi tutta l'avventura, rendono questo libro rigiocabile anche a distanza di tanti anni; a seconda del potere che si sceglie è possibile localizzare il luogo del raduno in determinati punti della città, ma anche all'interno di un sottomarino o di un Jet privato

Difficoltà 9.5:  Molto elevata, anche i giocatori più esperti possono rischiare di perdersi per strada quegli indizi vitali per prevenire il raduno di MORTE; una scelta o un comportamento sbagliati in uno dei tanti bivi che si presentano, può compromettere anche un'avventura condotta in modo magistrale fino al giorno del raduno, ma questa è una costante di tutte le avventure interattive scritte da Jackson; non elevata la difficoltà dei combattimenti (escludendo il Cyborg Titanium solo un paio abbastanza difficili), specie se si sceglie la Forza Multipla come potere

Giocabilità 9:  Se non si dovesse scegliere la Forza Multipla e si determina il punteggio di Abilità secondo il classico modello di Dimensione Avventura, anche con dei valori medi si può concludere felicemente il libro; l'importante è accumulare gli indizi giusti (in alcuni casi anche senza dover ricorrere necessariamente alla forza fisica) che ci portino al luogo del raduno di MORTE; inoltre non dobbiamo uccidere l'avversario ed un combattimento è vinto se si fa scendere a 2 o 1 la Resistenza del nemico. Jackson ha giustificato questa regola col fatto che un supereroe, essendo votato alla giustizia, non deve togliere la vita nemmeno al criminale più pericoloso; se disgraziatamente uccidiamo il nostro avversario, ne sarà penalizzato il punteggio Eroe, uno score che accumuliamo ogni qualvolta portiamo a termine con successo un'impresa e che ha uno scopo prettamente valutativo della nostra abilità di supereroi

Chicca:  /

Totale 8.5:  A mio giudizio un'altra perla di Steve Jackson, non fosse magari per l'eccessiva difficoltà ad accumulare gli indizi giusti per concludere al meglio l'avventura; ma un librogame è bello anche se presenta svariati bivi decisivi per raggiungere il nostro obiettivo finale, e dunque va riletto più volte per essere portato bene a termine, e questo in molte opere di Jackson è la cosa più stimolante, pur essendo magari decisamente frustrante per alcuni lettori