Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Grandi fiere ludiche e interattive nell'era covid: Modena a settembre, Lucca a novembre. Se si dovessero realmente tenere ci andrai?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 52.3.228.47

Recensione

Libri di Facile Lettura Erickson 6: Il pianeta dei Targ
Edizione Erickson Editrice 1990
autore/i Michael E. Thomson
Recensore Yaztromo

Il Pianeta dei Targ e' l'ultimo librogame pubblicato della serie Libri di Facile Lettura Ericsson e anche della sotto-serie della trilogia dello Spazio. La collana e' stata pubblicata per indurre alla lettura anche i ragazzi più riottosi, con particolare attenzione per tutti coloro affetti da problemi di dislessia. Tramite il format dei librigame e una serie di accorgimenti pratici ed editoriali per renderli più adatti e fruibili, tutti i volumi della saga, come guà abbiamo sottolineato più volte nelle precedenti recensioni, risultano godibili e rappresentano un bel livello di sfida per una larga fetta di potenziali lettori con qualche problema a immergersi nella lettura. Un obbiettivo eccellente e quasi unico nella storia del genere.

Questo episodio ha relativamente poco a che fare con i viaggi spaziali che erano il fulcro della narrazione dei due librigame precedenti, ma si concentra sull'esplorazione di un enigmatico pianeta e sugli strani cicli vitali dei suoi abitanti alieni.

Risulterà divertente per l'appassionato esplorare il corpo celeste in ogni sua parte e conoscere le abitudini e l'evoluzione dei suoi abitanti, che, ce ne accorgeremo fin da subito, hanno caratteristiche molto diverse da quelle che siamo abituati a osservare sulla Terra. E questa considerazione, ve lo preannunciamo, vale tanto per la vita animale quanto per quella vegetale.

Le dinamiche della vicenda sono più gestionali rispetto ai capitoli precedenti: il nostro obiettivo sarà infatti quello di installare una colonia su Targ e farla prosperare, badando che nessuna delle possibili insidie che presenta il pianeta possa distoglierci dall'obiettivo.

L'opera è idelamente divisa in due parti: una prima in cui dovremo trovare un luogo adatto per stabilire il nostro insediamento, e una secondo in cui dovremo prendere le decisioni giuste per farlo prosperare, arricchire, espandere.

Ovviamente tutto dipenderà da noi, perché saremo a capo della spedizione (poteva essere altrimenti?) e i pionieri che ci seguiranno demanderanno a noi tutte le decisioni più difficili e le scelte delle strategie di sopravvivenza e di sussistenza.

Presentata così l'opera potrebbe sembrare molto più complessa di quello che non è in realtà: gli elementi sono senza dubbio tanti e vari, ma l'autore, ancora una volta, li gestisce con sapienza, riuscendo a creare un'avventura accattivante e ricca di momenti interessanti senza renderla troppo complessa, difficile da gestire o noiosa.

Ancora una volta ci si basa molto sui canoni della letteratura fantascientifica, ma non c'e' nulla di banale e il ritmo della storia e' serrato: riuscirà la colonia a sopravvivere e a prosperare? La sapremo guidare al successo? Ne va delle sorti dell'umanità!

Longevità 6.5: 

Questo librogame lineare si può leggiocare in minuti più che in ore, ma si può riprendere in mano volentieri anche a distanza di tempo. Considerando il target di riferimento poi, completarlo non sarà così rapido e offre anche diverse diramazioni interessanti. Forse, rispetto ai predecessori, la vicenda narrata è meno avventurosa e per questo potrebbe risultare a tratti un po' più "pesante".

Difficoltà 6.5: 

La struttura è abbastanza lineare e arrivare in fondo, per il lettore esperto, non è impresa particolarmente complessa. Per un ragazzo che ha problemi di lettura però conquistare l'epilogo vincente sarà più difficile di quanto non possa apparire a prima vista.

Giocabilità 8: 

Come abbiamo già detto anche nelle precedenti recensioni questo è il punto di forza della serie. Encomiabile constatare come l'autore sia riuscito a creare delle sfide che, pur rimanendo relativamente semplici, sono accattivante e soddisfacenti per i lettori.

Chicca: 

Il ciclo di vita molto particolare delle creature del Pianeta dei Targ, naturalmente! Sarà divertente per il lettore apprenderne i segreti e accorgersi quali sorprese nasconda.

Totale 6.5: 

Con questo librogame termina questa piccola grande serie con un grande cuore e un grande obbiettivo. Purtroppo nella storia della letteratura interattiva difficilmente avrà più di una noticina a fondo pagina pur essendo un lavoro encomiabile. Forse lo scarso impatto dipende in buona parte dall'anno di pubblicazione, che è caduta in un periodo in cui l'attenzione per il fenomeno librogame, e le relative vendite, andavano scemando. Peccato, perché questa serie avrebbe meritato migliore sorte.