Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • Aloona

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Libri "one shot", collane composte da più volumi, raccolte di racconti brevi. Quali sono le vostre opere interattive preferite?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 34.234.207.100

Recensione

Scegli la tua Avventura 21: Odissea nel Grand Canyon
Edizione Mondadori 1987
autore/i Jay Leibold (Montavon)
Recensore Yaztromo

Odissea nel Grand Canyon e' il ventunesimo volume della collana storica Scegli La Tua Avventura e ripropone un tema superclassico della serie. Il protagonista e la sua amica Dalia, una indiana Navajo, devono cercare dei cavalli misteriosamente scomparsi nel Grand Canyon del Colorado. Per fare questo, seguiranno il fiume con un canotto e, oltre ad affrontare i pericoli del fiume, comprese valanghe, rapide, improvvise onde di piena e animali selvatici aggressivi o velenosi, si troveranno (come spesso accade negli SLTA) a viaggiare anche nel tempo, incontrando il Conquistador Pizarro, alla folle ricerca delle leggendarie città dell'oro, e il famoso esploratore del Far West John Wesley Powell, che si e' spinto ai limiti della civiltà' e della sopportazione umana e ha spesso avuto problemi a controllare gli esploratori che erano ai suoi ordini a causa della dura vita che imponeva loro, e a confrontarsi con varie leggende precolombiane del sud ovest degli Stati Uniti, compresa la Grande Alluvione, che e' in qualche modo il corrispondente del Diluvio Universale per gli indios che vivevano lungo il Colorado.

Tra gli altri, potrebbe capitare di incontrare gli indiani Pueblos, la comunità Uqbar, composta dai ragazzi scappati di casa, il leggendario Coyote, una creatura mistica che può prendere molte forme e ha poteri soprannaturali, cosi come l'enigmatico e magico lucertolone Gila. Ci sono anche leggende pseudoscientifiche, come una zona difficile da raggiungere dove ancora vivono i discendenti dei dinosauri, ma ridotti alla dimensione di lucertole, oppure una antichissima razza di Piccoli Cavalli, altamente intelligenti e in gradi di comunicare. Ci sono anche riferimenti alla leggenda degli Anasazi, "gli antichi", che vivrebbero al di fuori del tempo, e che per qualcuno sarebbero da secoli depositari di conoscenze astronomiche e scientifiche scoperte dalla scienza umana solo negli ultimi decenni (e per questo in contatto con civiltà aliene).

Le varie storie, rispetto ad altri episodi della serie, si incastrano piuttosto bene tra di loro, in modo organico e senza salti logici troppo arditi, creando un intreccio tutto sommato coerente. I finali sono infatti "solo" 20 su 106 pagine, cosa che permette di sviluppare degli intrecci abbastanza lunghi e complessi.

Il "problema" e' che questa avventura, rispetto ad altri SLTA, non e' certo strapiena di idee nuove e mai sviscerate in precedenza. In particolare ricalca in modo forse troppo scoperto le trovate de La Caverna del Tempo, un superclassico della saga e uno dei volumi più amati e venduti, senza veramente aggiungere niente di più all'avventura e alla serie. Questo e' un po' l'aspetto che lascia l'amaro in bocca valutando a fondo questo titolo, che di per se' non e' male, ma che nell'ambito della serie diventa un po' un "doppione", che forse avrà portato una certa dose di successo commerciale, ma ha anche esposto una momentanea mancanza di idee nuove.

Considerazione finale dedicata al comparto grafico, dal taglio molto più adulto e dettagliato rispetto ad altri capitoli della collana. Considerando che anche la narrazione, in questo caso, tratta tematiche più serie e a tratti anche maggiormente didattiche, la scelta delle illustrazioni è stata adeguata e il disegnatore, Don Hedin , ha svolto un lavoro degno di menzione.

Longevità 5: 

Rispetto ad altri SLTA, non invita particolarmente alla rilettura, anche se tutto sommato ne varrebbe la pena, soprattutto se non avete mai dato un'occhiata a un altro grande classico della collana, La Caverna del Tempo (e al suo seguito).

Difficoltà 7: 

Tutto sommato ben bilanciata. Ci sono epiloghi soddisfacenti piuttosto semplici da scovare, ma per riuscire a raggiungere quelli più elaborati e nascosti sarà necessario investire un po' di tempo nell'esplorazione di tutti i reconditi angoli del volumetto.

Giocabilità 7: 

Un classico SLTA, con buona giocabilita' e degli intrecci coerenti, adeguati agli standard della serie (e anzi forse anche superiori alla media per elaborazione e solidità narrativa).

Chicca: 

\

Totale 6: 

Se vi sono piaciute La Caverna del Tempo e Ritorno alla Caverna del Tempo, vi piacerà anche Odissea nel Grand Canyon, che ne ricalca piuttosto fedelmente la struttura e le idee. Forse anche un po' troppo fedelmente. Se non avete mai letto altri capitoli della collana invece questa avventura può essere un'ottima lettura introduttiva (e in questo caso il voto va alzato di un punto).