Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • Albyc80
  • osezio

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Grandi fiere ludiche e interattive nell'era covid: Modena a settembre, Lucca a novembre. Se si dovessero realmente tenere ci andrai?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.230.119.106

Recensione

Scegli la tua Avventura 24: Il Sottomarino Fantasma
Edizione Mondadori 1987
autore/i Richard Brightfield
Recensore Yaztromo

Il Sottomarino Fantasma è il ventiquattresimo volume in Italiano della serie superclassica Scegli La Tua Avventure, fu pubblicato da Mondadori nel 1987 ed è stato scritto da Richard Brightfield, che ha realizzato in tutto una decina di volumi per questa serie di grandissimo successo in America, ma ricordata con affetto anche in Italia.
In tutto sono 106 pagine/sezioni, con 22 possibili finali che, per gli standard della serie, consentono storie e intrecci piuttosto complessi e articolati, senza troppe interruzioni.

La prima parte dell'avventura vede il giovane protagonista scoprire, con sorpresa, che ha delle percezioni extrasensoriali: dei "presentimenti", tanto per capirsi. I suoi genitori "guardacaso" conoscono degli scienziati che stanno proprio facendo degli studi in proposito e cosi' certificano le doti non comuni del nostro eroe.

Di lì a poco, spuntano degli agenti governativi che invitano il protagonista, sempre lui, prima per fare dei controlli per verificare la "potenza" delle sue doti, e poi a partire per una missione segreta e di estrema importanza. In breve, ultimamente stanno svanendo dal mare sempre più navi e, soprattutto, sottomarini.

I sistemi di segnalazione e analisi tradizionali non riescono ad identificare chi siano i colpevoli di queste inspiegabili sparizioni: i natanti scompaiono senza avvertimenti da un istante per l'altro! Per questa ragione, il governo ha fatto mettere a punto un sottomarino "speciale" (chiamato "Manta", dalla caratteristica forma simile a quella dello pesce che porta lo stesso nome, supertecnologico, armato a dovere e con un equipaggio di 150 uomini!) che pero' ha bisogno di una persona dalle forti percezioni extrasensoriali per sopperire alle possibili manchevolezze degli strumenti "tradizionali", quali radar, sonar, eccetera, che non hanno fornito nessun allarme in precedenti casi di sparizioni e quindi evidentemente non sono sufficienti.

La missione e' urgente, per cui non si ha molto tempo per l'addestramento nella base supertecnologica, che farebbe sbalordire James Bond, ma bisogna immergersi al più presto nelle infide acque del Pacifico!
Ci faranno compagnia la Dottoressa Greta Thursen, studiosa dei poteri extrasensoriali (che per una volta rimpiazza la apprezzata Nera Vivaldi, presenza quasi fissa, riproposta in molti altri volumetti della collana), il Capitano Hornbolt e il Signor Rigby, navigatore di grande esperienza.

A partire da qui, la storia diverge parecchio, come consuetudine per questa serie, e potremo decidere di andare ad esplorare le fredde acque dell'Antartico o quelle più esotiche del Pacifico Meridionale, cercando di imparare sempre meglio a usare i nostri poteri extrasensoriali per il bene del "Manta" e dell'umanità. Potremo venire in contatto con civiltà ultratecnologiche e aliene più o meno benigne, con moderni pirati e anche con fantasmi. Esplorare i diversi finali diventa naturale e piacevole (come dovrebbe essere per tutti gli SLTA) ed è apprezzabile la fantasia dell'autore, che si lascia andare alle più disparate evoluzioni senza però sconfinare mai nel grottesco o nel noioso.

Un volumetto equilibrato e intrigante che regge bene il confronto con libri semplici dal taglio più moderno, nonostante le oltre tre decadi di storia che si porta sulle spalle.

Longevità 7: 

Esplorare ognuna delle 106 pagine e dei 22 possibili finali e' un piacere e un desiderio che sorge naturale. Non e' per niente un peso e la lettura procede spedita fino ad aver sviscerato il libro in ogni suo angolo.

Difficoltà 8: 

Il numero di finali e' ben calibrato e non si ha l'impressione che ci siano epiloghi negativi "gratuiti" a rovinare e spezzettare il piacere della lettura.

Giocabilità 8: 

Fluido e molto giocabile come sempre succede quando si ha in mano uno dei capitoli della serie meglio riusciti. I bivi sono sfruttati bene e i molti finali consentono svariate riletture senza avvertire il peso di scelte approssimative o diramazioni insensate.

Chicca: 

Quando i capoccioni governativi svelano l'eccitante natura della missione al protagonista e gli presentano le tecnologie altamente sofisticate della base e del sottomarino, e poi ammettono miseramente di avere comunque bisogno della guida dei suoi poteri extrasensoriali per adempiere alla pericolosa missione!

Totale 7.5: 

Come in molti SLTA, c'e' un po' di ingenuità e varie diramazioni della storia non sono compatibili tra di loro, ma in generale si tratta di una situazione non banale e di un intreccio piacevole che sicuramente hanno eccitato ed emozionato molti giovani lettori.
Cosa altro si può' chiedere ad uno SLTA?!?