Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • GGigassi
  • FinalFabbiX
  • sancio
  • sephirot0

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Libri "one shot", collane composte da più volumi, raccolte di racconti brevi. Quali sono le vostre opere interattive preferite?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 18.215.62.41

Recensione

Colony 1: Lo Yaroslavl
Edizione Librogame's Land 2020
autore/i Bruenor
Recensore spadadelsole

Leggendo i LibriNostri non finirò mai di trovare motivi di stupore. Chi l’ha detto che un volume di soli 50 paragrafi non possa essere interessante, non possa ispirarsi a libri diversi ed essere pure un’opera innovativa?

Chiunque lo sostenga dovrebbe misurarsi con il primo volume della serie Colony, che è tutto questo e anche di più e riesce a vincere la scommessa di suscitare interesse e risultare avvincente alla grande. Ma andiamo con ordine.

Il libro è così breve perché rappresenta l'edizione italiana, tradotta dall'ottimo Alessandro Perna, di un racconto lungo che in Francia ha partecipato a uno storico concorso dedicato alla narrativa a bivi amatoriale, in tutto e per tutto paragonabile a I Corti di LGL in versione transalpina.

In questo volume interpreteremo il comandante della nave spaziale Rushmore. L’umanità ha iniziato a colonizzare i pianeti vicini e il Rushmore è una nave mercantile, in viaggio verso le colonie. Ma giunto a breve distanza dalla nostra destinazione, ci il vascello si imbatterà nello Yaroslav, una nave russa che ha lanciato un SOS. I motivi delle difficoltà del velivolo appaiono oscuri e fin da subito il lettore smaliziato si renderà conto che qualcosa non va.

Data la richiesta d’aiuto e l’evidente pessimo stato della nave, il nostro alter ego deciderà di salire a bordo assieme alla sua ragazza, anch'essa mebro dell'equipaggio, e a un altro dei nostri compagni. Subito il taglio fantascientifico dell'operà prenderà una strada differente, ricca di tinte nere e a tratti horror, con l'incubo che ci attende dopo ogni nostra scelta.

Ci accorgeremo infatti in pochi paragrafi che l’equipaggio è stato massacrato crudelmente e starà a noi non solo risolvere il mistero, ma anche, naturalmente, salvare la pelle...

Dovremo esplorare la nave e giungere ad uno dei due possibili finali. Stilisticamente il volume si rivela interessante, poiché molte influenze prese da librogame classici vengono recepite e sapientemente mescolate tra di loro. L'autore è un fine conoscitore del genere e lo dimostra nel corso dell'intera opera.

I rimandi sono tanti e sarà un piacere ritrovarli e gustarli: si parte dela grande classico della fantascienza di Steve Jackson, I Viaggiatori dello Spazio, passando per una delle serie più belle di sempre, a gusto di chi scrive, Oltre l’incubo da cui vengono mutuati la tematica horror e il punteggio di resistenza mentale.

E in un certo senso, viene l'ardire di aggiungere, anche la collana rosa Realtà e Fantasia. Perché direte voi? Perché, come accade anche nel già citato Oltre l'Incubo e anche in molte opere del grande Herbie Brennan, quando il nostro punteggio di salute mentale sarà sceso a zero, dovremo recarci ad un paragrafo fisso e lì, incontrata la nostra ragazza, avremo un finale perdente ma, a suo modo, molto romantico.

Il regolamento è scarno al massimo, sebbene si riveli funzionale, dato che avremo solo 9 punti di resistenza mentale e una serie di password da trovare durante l'esplorazione. Le password saranno solo tre e non serve nemmeno trovarle tutte, se ci si accontenta di uno dei due finali, positivo, ma non completamente risolutivo (che di certo non soddisferà i completisti).

Il libro si pone come un interessante ibrido: non ci sono veri e propri combattimenti, quindi si distacca dalle collane classico che fanno delle fasi concitate di scontro uno dei loro fulcri, ma allo stesso tempo la presenza di un punteggio da gestire lo rende diverso anche da volumi diceless alla Realtà Virtuale.

La difficoltà è alta poiché i nove punti con cui partiremo non dureranno a lungo e le possibilità di recupero saranno poche, ma con un paio di letture sarò possibile completarlo, almeno nel finale più facile da raggiungere. A favore di questa rapidità di fondo gioca anche la dimensione dell'opera, che è piuttosto ristretta, come non poteva essere altrimenti considerandone la genesi.

In definitiva , anche se non molto ricco, il regolamento riesce comunque a regalare spunti che lo rendono più impegnativo da gestire rispetto a volumi basici come per esempio gli Scegli la tua Avventura, non mancando di aggiungere profondità al volume. In conclusione siamo di fronte a un’ottima opera prima, breve ma interessante: c'è da augurarsi che prima o poi abbia un seguito, magari più elaborato, che approfondisca le tematiche di fondo qui appena accennate.

Longevità 7: 

Probabilmente la prima lettura si concluderà in una debacle, ma già con la seconda sarà possibile venire a capo di alcuni misteri che il libro nasconde. Probabile che con la terza il lettore mediamente esperto riesca a conquistare l'epilogo migliore.

Difficoltà 7: 

Elevata data la semplicità con cui la nostra riserva di punti si esaurisce. Ma, considerata anche la brevità del libro, con un po' di perseveranza si raggiungeranno risultati positivi.

Giocabilità 7.5: 

L'ottima prosa, valida e in linea con quella dei volumi classici anni '80, dispone l'appassionato a immergersi nella lettura con una certa voglia. Lo snello ma efficace sistema regolamentare e l'ottima interattività aiutano a immedesimarsi ancora di più: ci sentiremo facilmente parte dell'equipaggio di vascelli che hanno fatto la storia della fantascienza horror (chi ha detto Alien?).

Chicca: 

/

Totale 7: 

Una accattivante opera prima fin troppo breve considerando i validi spunti che offre. Personalmente spero con forza che prima o poi abbia un seguito...