Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Meno di due mesi a Lucca Comics & Games 2019. Cosa ti piacerebbe trovare, in ambito librogame, nella più importante fiera italiana del settore?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.209.80.87

La Rivincita

Re: La Rivincita

Io l'ho iniziato soltanto, non mi pare male nonostante qualche errorino qua e là fra cui la svista del nome che balza veramente all'occhio, purtroppo. Il regolamento mi piace, sia come struttura che per il modo in cui è presentato, e anche la caratterizzazione dell'ambientazione, nonostante qualche cliché cinematografico forse limabile. Sul discorso dell'attinenza al tema sollevato in settimana non posso ancora esprimermi, anche se mi sto facendo la mia idea...

Spero di riuscire tra domani e mercoledì a finire di analizzarlo e poter dare dunque un giudizio conclusivo.

kingfede
King of Gamebook's Land
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2454 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La Rivincita

Su, su! Meno giustificazioni e più voti! smile

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10402 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La Rivincita

A furia di non votare... questo racconto si piglierà 'la sua rivincita' :-)

Danilo Baldoni
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1343 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La Rivincita

Vabbè ho capito, ci penso io a votare.

Devo dire che questo corto mi è piaciuto un sacco. E' il corto che mi ha preso di più in assoluto. Secondo me non avete capito l'ironia che c'è dietro il racconto, l'avete preso troppo sul serio. Il personaggio è una caricatura di cattivo, anche se può fare cose veramente cattive. Danilo secondo me non hai valutato questa cosa. Ciò rende l'autore davvero arguto e mio avviso. La storia è chiaramente ripresa da quelle di Indiana Jones e simili e l'uso di nomi inventati ma che richiamano chiaramente questi eroi (Clara Soft: mi ha fatto pisciare addosso!) è per me carino e ben fatto. Tutto il corto è una grande caricatura, ben fatta a mio avviso, e la cosa bella è che può anche essere giocata sul serio, insomma non è una cosa demenziale o necessariamente imbecille.
Il sistema di gioco mi piace molto: semplice ma abbastanza ricco, originale, ben fatto ed equilibrato. Unico difetto: c'è pochissima azione (nel senso che si può decidere veramente poco nei momenti di azione, a volte basta una scelta apparentemente innocua e si scatena il finimondo) e ciò ci fa sentire un po' impotenti. Ma non è un grosso difetto per me. Apprezzo molto il non uso dei dadi, come nel corto precedente.
Arriviamo alle note dolenti: i refusi sono molti e lo stile di scrittura non è molto curato e questo fa scadere non poco il corto, visto che si basa molto sulla narrazione. Ma alla fine tutto ciò non mi ha infastidito molto. Le cose gravi per me sono queste (quelle che ho trovato):
1) Al par 23, dice di andare al 35 ma di fatto manda al 36
2) Il par 25 è irraggiungibile!!!!
3) La frase obbligatoria non è tale in quanto c'è una possibilità su 3 che non la trovi (e io ho beccato subito quella). Questo è GRAVISSIMO visto che era un requisito necessario per scrivere il corto.
4) L'attinenza al tema è veramente risicata: sì, ci dovrebbe essere questa caccia al tesoro contro il tempo e il nostro avversario, ma in realtà è tutt'altro che si sta giocando.
5) Gli obbiettivi da raggiungere alla fine sono un'emerita PRESA PER IL CULO! Non se ne abbia l'autore, lo dico con tono scherzoso! Il fatto è che finisci il corto, hai la tua parola d'ordine, e cosa ti ritrovi? Una lista su cui mettere le bandierine per trovare tutte le situazioni possibili (di cui tra l'altro una impossibile in quanto messa nel ghost paragraph). Sinceramente questa cosa mi ha deluso tantissimo, dopo tutto il corto così avvincente. Se le parole avrebbero portato a finali diversi o epiloghi diversi (staccati dalla riuscita o meno dell'avventura, anche solo cose per ridere) avrei apprezzato, ma così non mi fa certo venir voglia di rigiocarlo per prendermi le bandierine (anche se il racconto l'ho sviscerato tutto, pur non giocandolo ogni volta). Insomma, ci sta bene questo elemento perché riprende l'ironia e la caricatura di certi film e videogiochi (soprattutto questi), ma fa cascare le palle al giocatore!  smile

Se non fosse stato per questi errori gravi, anche di fronte a quelli meno gravi, avrei dato sicuramente un 7 al racconto, se non di più, perché cmq mi è piaciuto davvero tanto.
Purtroppo alla vista dei 5 gravi errori, per rispetto a chi invece s'è fatto il mazzo per stare in tema e mettere la frase, non posso dare più di 5,5

Il numero di pecorelle scannate dai pastori è di gran lunga superiore al numero di pecorelle mangiate dai lupi. Per cui, se qualcuno si proponesse di essere il vostro pastore per salvarvi dai lupi, pensateci bene

Lamello
Proprio
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
774 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La Rivincita

Ho praticamente terminato anche io l'analisi. Le impressioni generali che avevo già postato si sono consolidate, mi pare un racconto molto solido dal punto di vista della vérve narrativa e descrittiva, con un'ambientazione ben curata e pure la sua potenziale longevità come espansione a librogame vero e proprio. Mi è piaciuto molto calarmi nella parte del cattivo e dover ragionare in quei termini, cosa non sempre intuitiva per chi è abituato al contrario. Mi è piaciuta anche la griglia di appendice II, una trovata divertente, mentre la prima è troppo facilmente memorizzabile per costituire una ragione di longevità del racconto. Credo che, tra i racconti che ho letto, questo sia quello dalle maggiori potenzialità future.

Detto questo, tuttavia, emergono anche dei tasti dolenti che in sede di un concorso non possiamo ignorare. Per quanto riguarda l'attinenza al tema, il racconto è visibilmente poco centrato: non ci si sente in una sfida contro qualcuno, ma in una semplice missione personale da antieroe, e le battute a un paio di paragrafi dalla fine non riescono a salvare la baracca, purtroppo. Sarebbe stato necessario ordire una trama più fitta di rimandi, a cominciare dal prologo che è centrato solo in parte da questo punto di vista.

Altra questione spinosa, la frase oggetto del tema, che come altri (anche il buon Lamello qui sopra) hanno evidenziato, non sembra essere collocata in uno snodo inevitabile, tant'è che in almeno due partite non l'ho incontrata. Se un regolamento c'è, va rispettato a costo di dover limare la forma che l'opera ha nella testa dell'autore, ma qui è accaduto solo in parte, e se dobbiamo esprimere una valutazione numerica non possiamo non tenerne conto. Risparmio anche le tirate sulle imperfezioni del regolamento e di come viene implementato, ogni racconto ne ha e trovo cavilloso mettersi a squadernarle quando non sono palesi, e qua l'unica palese per me è una gestione un po' bastardina dei Punti di Vita.

Mi sento un po' nella situazione di quei professori che a scuola si vedono presentare un bellissimo compito per casa, un tema un disegno un progetto o quel che è, ma distante dalla consegna a loro data. Essendo tra le altre cose anche insegnante pure io, in tali situazioni penso sia più utile un'insufficienza costruttiva piuttosto che una pacca sulla spalla benaugurante e magari un po' ipocrita, per cui il mio voto è, molto a malincuore, 5,5.

EDIT: pure io senza soffiata non avrei raggiunto il paragrafo fantasma, ho visto chiaramente un 5 ma non un 2. In ogni caso la circostanza non è a mio avviso un malus, semmai una piccola imperfezione (un enigma dovrebbe essere risolubile un pelo più facilmente) in un obiettivo più che legittimo.

kingfede
King of Gamebook's Land
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2454 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La Rivincita

Lamello ha scritto:

2) Il par 25 è irraggiungibile!!!!

Non è così Lam, leggi i miei precedenti thread, è spiegato l'arcano (grazie alla chiarificazione che mi ha dato Suaimondi). Nonostante il paragrafo sia raggiungibile si è comunque optato per una soluzione molto difficile da scovare e la cosa mi è sembrata un pochino esagerata.

Lamello ha scritto:

1) Al par 23, dice di andare al 35 ma di fatto manda al 36

Lo avevo notato anche io, poi mi è passato di mente e non l'ho segnalato. Credo che si tratti di un semplice errore di linkaggio, alla fine non gli ho dato peso.

Lamello ha scritto:

di cui tra l'altro una impossibile in quanto messa nel ghost paragraph

Anche in questo caso non è così, visto che il paragrafo è effettivamente raggiungibile.

Te lo dico perché magari renderti conto di questa cosa potrebbe indurti a modificare il tuo voto ( o magari no, com'è successo nel mio caso). Insomma per completezza. Poi vedi tu smile. Trovi tutta la spiegazione su come si raggiunge il paragrafo 25 nello spoiler del mio commento e ulteriori approfondimenti nel mio intervento successivo (pagine 1 e 2 di questo stesso thread).

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10402 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La Rivincita

Lamello:

sì, ho valutato ampiamente il caso, ma il registro narrativo a mio avviso rimane incompiuto.
Avrò almeno un paio di casi in mente dove l'ironia s'è mischiata tanto bene alla violenza, ma in tal caso s'è trasformata in arguto cinismo: è il caso di 'Natural Born Killers', o 'Arancia Meccanica'... e persino in Dylan Dog le cose non stanno diversamente.
Ripeto, per me ci sono due registri narrativi piuttosto paralleli, quello della scanzonata passeggiata nella jungla alla Indiana, e quello della violenza gratuita, e, almeno alle mie orecchie, stridono.
Se oltre alle battute buffe il mio braccio destro avesse, che so io, mangiato scarafaggi a piene mani, la cosa era buffa e grottesca insieme, e la sensazione di una masnada agguerrita l'avrei avuta. Mi sembro piuttosto l'unico vero cattivo, a dispetto di cattivi sì, ma (come altri dissero) con un cuore grande così...
ed è qui che i conti non mi tornano.
Se spingo alla cattiveria, come mai mi ritrovo persone un po' giuggiolone accanto...? Forse in precedenza non sono stato tanto cattivo: comincio ad esserlo ora, anche perché i miei uomini hanno ribrezzo a volte dei miei modi.
Ma allora, in tal caso, le premesse andrebbero tutte a cadere; o andrebbero quantomeno riviste. 'Sei in una cricca d'affaristi', ad esempio, è diverso che dire 'sei in una banda di delinquenti', e vi sono nel mezzo talmente tante di quelle sfumature che varrebbe la pena soffermarsi e saper individuare quale fra le tante, prima di mettere la penna sul foglio.
Io non trovo che lo svolgimento sia troppo aderente alle premesse, e pur se la cosa è stata rilevata da altri pensando ad altri contesti, io l'ho rilevata pensando alla recitazione.
Bisognerebbe essere davvero dei talentuosi professionisti, per riuscire ad unire due linguaggi tanto distanti come l'ironia rosa e leggera alla violenza più becera, ma anche riuscendovi, a mio avviso salterebbero delle incongruenze di fondo legate alla morale: ci sarebbero dei personaggi troppo schizzofrenici per riassumerne una vera e propria psicologia di fondo...

Danilo Baldoni
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1343 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La Rivincita

Invece secondo me è più aderente alla realtà questo mischione fra cattivo e buono che un personaggio totalmente cattivo. Come Raul di Kenshiro che alla fine dà la sua energia per prolungare la vita di Julia, nonostante tutti i macelli che ha fatto prima. Eppoi il cattivo che alla fine è in realtà un bonaccione a suo modo, che trova il suo senso d'esistere nell'eterna sfida con il buono (cosa questa veramente sottile e profonda), che sa di essere cattivo e di recitare un ruolo (e qui si entra nella meta narrazione) è molto realistico e diffuso in tante opere, presentato i modi molto diversi tra di loro (soprattutto non ironici), come ad esempio l'Innominato dei Promessi Sposi, il cattivo del Quinto Elemento (che invece è molto ironico, quasi demenziale), etc.

Il numero di pecorelle scannate dai pastori è di gran lunga superiore al numero di pecorelle mangiate dai lupi. Per cui, se qualcuno si proponesse di essere il vostro pastore per salvarvi dai lupi, pensateci bene

Lamello
Proprio
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
774 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La Rivincita

Ok, grazie Prodo per i chiarimenti.
Allora, il par 25 è raggiungibile ma è messo in un modo talmente impensabile che perde tutto il suo senso, per me. Ci volevano delle piccole dritte.
Il prob del par 23 che non ha la frase richiesta dal concorso rimane, e questa è una cosa gravissima.
Non mi sento, purtroppo e lo dico con vero rammarico, di alzare il voto.

Il numero di pecorelle scannate dai pastori è di gran lunga superiore al numero di pecorelle mangiate dai lupi. Per cui, se qualcuno si proponesse di essere il vostro pastore per salvarvi dai lupi, pensateci bene

Lamello
Proprio
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
774 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La Rivincita

Giunto al fin della licenza io voto!

Molto bene!
Mi sono davvero divertito a giocare questo corto, cercando di immedesimarmi in vari tipi di cattivo: dallo psicopatico totale stupratore/sterminatore alla Hyperion di Immortals con un occhio sempre puntato sulla cattiveria, al "cattivo quanto basta" René Belloq, classico nemico di Indiana Jones, fino al cattivo-idiota in stile Doctor Horrible con tanto di scagnozzo cerebro-leso (vedi: http://www.youtube.com/watch?v=apEZpYnN_1g). Dico fin da ora che mi è piaciuto molto il sistema degli achievement, quello del background e il trucchetto della piramide (SEPPURE forse bisognerebbe metterci un indizio ulteriore - senza aver spoilerato gli altri giudizi non mi sarebbe mai venuto in mente!).

Storia-trama-scrittura-idea-intreccio: molto divertente, con una serie di prove da affrontare nelle jungla, gli indios, gli scagnozzi, murdock e le sue scemenze, i due nemici di una vita, la piramide e tutte le idee e i giochetti che l'autore ha tirato fuori dal cappello. Sorvolo sui piccoli errori, i refusi e l'attinenza al tema: anche qui come negli altri corti diamo per buona la fatica dell'autore a starci coi tempi e lo rimandiamo a una innocua e gradita mano di vernice a posteriori su tutto il corto: tuttavia non trovo errori gravi da emendare.
l'unica cosa che mi pare ridondante e un pò inutile è la parte dell'introduzione, che non mi pare aggiungere nulla alla trama (se non la scusa della gara, diciamocelo): L'Anaconda non ritorna in gioco in altri momenti della storia e quindi la sua presenza all'inizio è un pò fragile.
Interessante il sistema (per risparmiare paragrafi) del corsivo, ma forse un pò tirato per i capelli.
Buono Murdock, quasi ottimo. in fase di revisione lavorerei un pò di più sul personaggio per renderlo meno demenziale e più tragi-comico. Una sistemata anche da dare ai due antagonisti, per renderli meno macchiette, ma adesso sto scadendo nell'autoerotismo psichico ramas...

Andiamo al voto:

Giocabilità 9: Ok, tutti i trucchetti escogitati dal sapiente autore mi hanno convinto. i punteggi funzionano, niente dadi, valori che salgono e scendono in virtù delle scelte, diverse linee di condotta possibili, un giochino grafico niente male, background e achievement idea geniale, da rubare per il futuro! Non do la perfezione perché alcune parti del testo potevano essere rese più agili per rendere piu fluida l'esperienza di gioco e perché mi sarebbe piaciuta una scheda in stile con il disegno (e perche sono un cacacespiti)

Longevità 9: il sistema dei punti finali e le varie strade possibili da percorrere sono divertenti e allungano la vita di questo giochino. paradossalmente rispetto a quanto detto per la giocabilità (non te ne va mai bene una) se si fosse introdotto un elemento aleatorio la rigiocabilità sarebbe stata virtualmente infinita, mentre adesso è forzatamente limitata.

Difficoltà 9: mi pare ben calibrato e i diversi finali danno comunque conto di tutte le possibilità di conclusione. Metto 9 tanto per fare media, tanto poi avete già capito che il mio voto finale sarà:

Voto finale 9
Una storia divertente (specie nei suoi aspetti meno orripilanti) che fino ad ora è la mia preferita, nonostante le altre ottime prove in concorso.

"Un velo nero ti impedisce di vedere altro. La tua vita termina qui: nel campo di battaglia, con la mitica Blood Sword tra le mani, felice per la sconfitta dei Veri Maghi." Adriano, Blood Sword PBM
http://www.caponatameccanica.com

Mornon
Saccente Supremo
Amministratore
useravatar
Offline
5289 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
4808
Totale Sondaggi:
97
Totale Messaggi:
140780
Media messaggi per ora:
1.2
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
5507
Ultimo Utente Registrato:
JunkoHB