Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Librogame in versione variant o deluxe: cosa ne pensate?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 18.206.194.161

La sfida degli Immortali

Re: La sfida degli Immortali

Sono assolutamente d'accordo con te che non debba essere giudicata a livello letterario, ma l'idea di inserirla secondo me, se piace ovviamente, può costituire un elemento positivo di cui tener conto, proprio perché intelligente e non così scontata (soprattutto il fatto di usare il brano come introduzione al personaggio).
Per dire, non so se a me, in veste di autore, sarebbe mai venuta.

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10488 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La sfida degli Immortali

Bene bene... premetto subito che per finire il racconto con successo, ho dovuto giocarci 11 (undici!!!) volte.
Le prime dieci partite sono finite, nell'ordine, con:

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
  sconfitta con fuga, sconfitta con imprigionamento, sconfitta con fuga, sconfitta con imprigionamento, vittoria con fuga, vittoria con fuga, vittoria con fuga, pareggio contro il 1° immortale, pareggio contro il 1° immortale e pareggio contro il 2° immortale.
Detto questo, a parte il true path troppo rigido per un semplice racconto di 40 paragrafi, ho trovato il lavoro davvero ben fatto.
Conosco vagamente la leggenda dello Scimmiotto, ma secondo me l'autore è riuscito molto bene a trasporre l'ambientazione in questo racconto. Lo stile di scrittura, secondo me, è volutamente "arcaico". Sembra quasi che questo racconto-game sia stato scritto in tempi antichi in un luogo orientale e poi tradotto in italiano agli inizi del secolo scorso. Non vorrei sembrare profano, ma mi ha ricordato parecchio lo stile di scrittura del Signore degli Anelli... con parole ed espressioni ormai desuete o poco utilizzate.
Al contrario di monpracem, io vedo questo come un pregio, che aiuta ancora di più il lettore ad immedesimarsi e a vivere quanto accade al nostro alter ego.
Anche il fatto dei "numeroni", sembra proprio fatto apposta per impressionale il lettore, come accadeva nei testi antichi dove non c'erano molti mezzi di paragone. Il rumore di "centomila carri" rende perfettamente l'idea dello stupore che i monaci taoisti hanno avuto modo di provare... come se il racconto fosse scritto da uno di loro che ha vissuto la situazione e che cerca di spiegare il suo stato d'animo in quel momento.... non so se mi spiego.
Certo, a molti questo stile può risultare pesante, e ci sono anche dei refusi sparsi qua e là, ma a me è davvero piaciuto molto.
Ho usato sempre le stesse caratteristiche per tutte le 11 giocate: Attacco 10, Difesa 7 e Percezione 6, e non ho avuto questi grandi problemi neppure contro uno degli Immortali, usando la magia "Medicina".
Se devo trovare un difetto al regolamento, che altrimenti è semplice e ben spiegato, è la "finta libertà" data nel distribuire i punti. Intendo dire: se ho 5 punti da distribuire, ma se poi sono costretto a metterne almeno uno su ognuna delle tre caratteristiche, io mi sento un po' preso in giro. A questo punto era meglio dire: "Attacco è 9, Difesa è 7 e Percezione è 5, poi hai 2 punti da mettere dove vuoi" anziché, rispettivamente, 8 6 e 4.
Infine, una piccolea nota: in uno dei miei tentativi, mi sono sentito per ben tre volte tutta la storia dell'arrivo degli Immortali in paese... magari si sarebbe potuto evitare strutturando meglio i paragrafi;
Che altro dire se non complimenti all'autore, che secondo me ha fatto un gran lavoro di ricerca e che mi ha fatto voglia di leggere "Viaggio ad Occidente"?
Ah già il voto!
Eccolo qua, un 7,5!

Il buongiorno si vede dal mattino.
E' la giornata di merda che ti coglie completamente impreparato...

suaimondi
Miracle Blade
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
818 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La sfida degli Immortali

Mi sto facendo un cultura in merito:
ecco il link wiki a "viaggio in occidente":
Viaggio in Occidente

in fondo c'e' un link per scaricare una traduzione in italiano del libro
(per quanto io suggerirei cautela nel mettersi a leggere qualcosa scritta, si presume, nel 1500!)

ecco, invece il link al personaggio del "re scimmiotto" di cui si parlava:
Son Goku

leggete pure, c'e' tutto: carattere infantile e irruente, viaggia su una nuvola volante, il bastone che s'allunga, etc...

Seven_Legion
100% SIMPY CERTIFIED
Moderatore
useravatar
Offline
4089 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La sfida degli Immortali

Tolkien...?! Stile...?!
Volevo evitare l'imbarazzo, ma a 'sto punto si faccia luce: per quanto alcuni termini possano risultare ricercati (forse anche troppo, per target e contesto), il difetto maggiore è che l'autore arranca su un italiano a dir poco stentato e incerto. Un lg è anzitutto un racconto, e come tale lo devi fruire. Sono morto una sola volta e non ho nessuna intenzione di rigiocarci.
Chi l'ha finito credo abbia contato su una buona dose di autoimmedesimazione e cocciuta volontà di attualizzare dei messaggi a dir poco stentati.
E purtroppo il buongionro si vede dal mattino: all'inizio troviamo qualcosa del genere:
"Camminate calmi ammirando il panorama quando d'un tratto un rumore, un chiasso che pare un urlio di centomila voci, vi fa sussultare".
La volontà dell'autore, per quel che ho capito è di dire: venite colti da un anomalo frastuono, di dubbia provenienza... Ma si indugia definendolo rumore, poi chiasso (? o è un rumore, o è un chiasso: un rumore è un bicchiere che cade e s'infrange, un chiasso è il clangore di spade in un'accozzaglia generale), e del chiasso si dice: come un urlio di centomila voci! Cioè, il Giudizio Universale...! Gli dà una qualità precisa, che però alla fin fine non può nemmeno lontanamente corrispondere al vero (e poi cos'era: il carro o un oissa generale? Se era un oissa, non si capisce perché termini: sarebbe stato: venite attratti da un coro di molte voci...).
E non è finita: ti avvicini al luogo del fracasso ma non vedi niente (non vedo nulla...?! Mi so avvicinato apposta per vedere...!!!). Una città circondata da un dirupo si trova sotto di te (sotto: cos'è, un hangar...?!), ma i vapori che l'attorniano sono tutti di buon auspicio (eh sì, quei buoni vapori di una volta, che portavano buon auspicio a chi li vedeva...).
Forse (e dico forse), l'autore voleva indicare che davanti a me c'è un dirupo, che una nuvola di polvere mi nasconde dal fattaccio e che quando si dirada del tutto comincio a capire quale fosse l'origine dell'anomalo suono...
Ma nemmeno: "A un tratto i tuoi occhi cadono su un alto dirupo sabbioso fuori dalla città: una gran folla di preti buddisti tira un carro stracolmo di tegole, mattoni, legname, terra e via dicendo".
Cioè: da questa postazione in cui si vede anche la fine del mondo, io scorgo UN ALTRO DIRUPO ANCORA! Era la festa dei dirupi, quel giorno, e si riunivano magicamente lì per l'occasione... "Fuori dalla città"...
? Li volevi dentro, i brurroni...? E poi è chiaro che non è che scorgo un dirupo: dal dirupo che ho sotto le ciavatte, sale pian pianino la folla (? diamogli un numero: i buddisti sono tanti, ma intorno a un carro non arriveranno a 20) che spinge il carro -'ché quel giorno i buoi erano finiti.
"mentre stai cercando di capire come mai dei preti buddisti si danno a imprese impossibili (? mica salvano il mondo: spingono un carro, che al limite è impantanato), ecco che le porte della città si aprono per lasciar passare due giovani taoisti.
DUE GIOVANI TAOISTI fanno paura ad una folla di buddisti -folla che spinge il carro, fra l'altro... E poi: chi caspita riesce a vedere 'le porte della città' dalla distanza d'un dirupo...?!
Insomma: non ci so riuscito. In tutti i sensi.
Purtroppo assegno la prima insufficienza grave, che è un 5.

Danilo Baldoni
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1343 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La sfida degli Immortali

Io non sono un critico letterario, né voglio ergermi a difesa dell'autore... però, così, in ordine sparso:
1) "i vapori che l'attorniano sono tutti di buon auspicio": lì per lì l'espressione mi ha lasciato interdetto, ma poi, riflettendo un attimo, ho pensato che poteva essere una "lettura dei vapori", una specie di divinazione, essendo ambientato in oriente il racconto... magari sono io che mi faccio i viaggi mentali, questo solo il misterioso autore potrebbe spiegarcelo;
2) "mentre stai cercando di capire come mai dei preti buddisti si danno a imprese impossibili": anche infilare un cammello in una cruna di un ago è un'impresa impossibile, non mi pare che qui l'espressione sia usata impropriamente... mica si deve salvare il mondo per provare a fare un'impresa impossibile;
3) "Una città circondata da un dirupo si trova sotto di te": essendo il protagonista sopra una nuvola, può essere benissimo che la città sia sotto di se, non vedo il problema;
4) la riunione di dirupi: io ho immaginato la città su un altopiano, arroccata come un castello medievale, con solo una strada scoscesa per arrivarci... quindi le montagne attorno formano molti dirupi. Ma forse anche qui sono io che ho troppa fantasia.

Ora, io non voglio dire che l'autore sia il Tolkien del 21° secolo, ci mancherebbe, certo che io non vedo tutto questo scandalo nei primi 3 paragrafi del racconto.
Questo ovviamente IMHO e senza presunzione... ho letto di peggio in alcuni racconti degli anni scorsi.

Il buongiorno si vede dal mattino.
E' la giornata di merda che ti coglie completamente impreparato...

suaimondi
Miracle Blade
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
818 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La sfida degli Immortali

Ma infatti la verità è che le frasi non sono sbagliate: creano un contesto piuttosto etero e impalpabile... e siccome non credo vi sia intenzione di sperimentalismo, ma solo di dare concretezza e veridicità al mondo immaginato, allora credo che la mia analisi non sia proprio campata in aria (ma poi parla di nuvola...? Dove? La sensazione che ti dà una nuvola cavalcata non dovrebbe essere cosa passata così sotto silenzio...).
Potrei addirittura andare avanti, ma non farei un favore a nessuno; che ognuno ne colga quel che vuole.

Danilo Baldoni
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1343 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La sfida degli Immortali

Questo corto ha raggiunto un divario di 3,5 punti (dal 4 di Baldoni al 7,5 di Suaimondi) in soli due giorni. Impressionante.

monpracem
Scienziato Pazzo
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1589 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La sfida degli Immortali

Bho. Puo' capitare ed e' gia' capitato in passato.  teach
Significa solo che a Suaimondi e' piaciuto molto a Danilo Baldoni per niente, ecco tutto...

...piu' interessante il fatto che tu, noto ormai come il "media-men" del forum, giustamente gli hai dato un voto a meta' tra i due estremi!  smile

Seven_Legion
100% SIMPY CERTIFIED
Moderatore
useravatar
Offline
4089 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La sfida degli Immortali

4) la riunione di dirupi: io ho immaginato la città su un altopiano, arroccata come un castello medievale, con solo una strada scoscesa per arrivarci... quindi le montagne attorno formano molti dirupi. Ma forse anche qui sono io che ho troppa fantasia.

Non è errato il modo d'attualizzare, per le poche informazioni, ma solo per le poche informazioni; perché, come tu l'hai visto, è un agglomerato urbano che si solleva da una motta o che si erige su d'un'amba... ma solo per la tua fantasia. Se fosse questo, bisognerebbe dirlo. Poi esistono le metafore, anche qualora fossimo presi da troppa disperazione o fretta: un lungo e profondo anello circondava la città, sembrava una città nata dalla cadua d'un imponente meteorite, che l'aveva per così dire seppellita in un'enorme fossa...
Ci sono mille modi per farmi arrivare un'immagine. Ora ho capito che sono ulteriormente a distanza, ma allora non capisco come possa intravvedere i battenti d'una muraglia aprirsi... o se sono un super-dio, questo dev'essere più e più volte rimarcato: attraverso la tua supervista, attraverso i tuoi superpoteri, attraverso la tua percezione sovrumana, ecc.
Per non parlare della strada 'tra due pareti ripide'... Se c'è una strada che corre per una parete, e se questa parete corre per la città, la seconda (parallela) sarebbe tanto lontana da non vederla nemmeno -si parla d'un'intera città...!
E' grande? E' piccola? E' cinese? Dacché si prendono moltissimi punti di riferimento sulle distanze, tutto questo dovrebbe essere quantomeno accennato...

Danilo Baldoni
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1343 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: La sfida degli Immortali

Seven_Legion ha scritto:

...piu' interessante il fatto che tu, noto ormai come il "media-men" del forum, giustamente gli hai dato un voto a meta' tra i due estremi!  smile

Cosa può fare l'invidia...  cool2  cool  lol  Volevi per caso dire "noto come il profeta del forum"? teach  lol

EDIT: Inoltre ti faccio notare che la media tra 4 e 7,5 è pari 5,75, ossia a cavallo tra il mio voto e quello di Prodo... ops  teach

monpracem
Scienziato Pazzo
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1589 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
4923
Totale Sondaggi:
98
Totale Messaggi:
142268
Media messaggi per ora:
1.2
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
5812
Ultimo Utente Registrato:
Andrea Fadde