Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2013 CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • gabrieleud
  • kenfalco
  • mark phoenix 79

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Quale titolo di autore Italiano, tra quelli usciti a Lucca 2019, ti è piaciuto di più?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.81.29.254

CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

Siamo al quarto Corto dell'edizione 2013, intitolato L'unicorno dei ghiacchi

Potete scaricare il file da qui:

4. L'UNICORNO DEI GHIACCI

Non scordate che avete tempo per votare fino alle 23:59 del prossimo 23 giugno!

Dragan
Coordinatore
Amministratore
useravatar
Offline
5392 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

Scaricato e letto a tempo di record.
Non mi è piaciuto per i seguenti motivi:

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 
1) il regolamento è molto distante da quello di Lupo Solitario ed è confrontabile, piuttosto con quello di Fighting Fantasy (da cui riprende, ad esempio, la caratteristica del danno fisso, che a me non è mai piaciuta); vero che il regolamento prevedeva l'inserimento di nuove regole, ma questo è proprio un regolamento del tutto diverso; inoltre, alcuni elementi del regolamento sono inconferenti (il denaro non si usa mai, è previsto l'utilizzo di armature ma non se ne trova alcuna ...); nel complesso ogni combattimento si rivela di difficile gestione ed estremamente arduo, tenuto conto anche dei punti di azione e reazione persi a causa delle prove e, in concreto, mai recuperabili;
2) l'ambientazione nell'universo di Aon è solo nominale: se non fosse per i nomi di Holmgard e Kaltenland potrebbe essere ambientato dovunque (tra l'altro è impossibile andare da Holmgard a Kaltenland in barca a remi e senza provviste); si parla delle fertili regioni meridionali di Sommerlund (che invece sono desertiche); manca qualunque riferimento cronologico che consenta di collocare gli eventi; la fauna non corrisponde a quella dei luoghi descritti (orso bianco, orca, delfino, unicorno ...?);
3) la trama è inconsistente: il comportamento di molti dei personaggi (umani o animali che siano) non trova spiegazione.
Per tutte queste ragioni, a malincuore, devo dare un 4.

mike all angel
Arcimaestro
ranks
useravatar
Offline
741 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

ok letto.
Non mi è piaciuto.

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 Mi pare inconsistente la trama, è ambientato nel magnamund??? non mi sembra... o almeno tra orsi, foche , musei e altro mi pare un viaggio delirante.
Il regolamento non mi piace neanche un po' sembra una via di mezzo tra un dimensione avventura e un sistema di ripartizione punti di libri alla asimov.
Il protagonista a parte il problema del corno mi pare schizofrenico di suo ", riporto " . Quando chiudi lentamente la porta, pero', ti accorgi
che ci sono due Guardiani che dormono, seduti su due sedie. Non sapevi che ci fossero Guardiani di notte! "

Ok non siamo in Italia , dei guardiani a un museo ci possono essere! (ndr io lavoro per i musei comunali...)

Oltretutto mettere come possibilità di usare l' olio per andare a nuoto nel Kaltenland?? questo non è solo un richiamo è fuori di senno il personaggio.

In sintesi bella come favola ( che c' entrano orsi, foche e  via dicendo??? ) ma come corto ambientazione lupo solitario per me non c' entra molto...
Voto finale , seppur non contento in quanto difficilmente lo do.  3

lonewolf79
The Black Swordsman
Moderatore
useravatar
Offline
3855 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

Accidenti, forse il Corto che fino ad ora mi è piaciuto di meno. Il prologo e l'epilogo mi sono piaciuti molto e anche l'idea di fondo. Non ci sono troppi refusi ed errori e non ho riscontrato errori grossolani. Peccato che nello svolgimento ludico e nella trama in sé io abbia trovato molte cose che personalmente non mi piacciono molto.

1)  Il regolamento non mi ha appassionato più di tanto, per esempio nel doppio attacco ad ogni turno. Effettivamente la cosa di dividere i punteggi è molto carina e anche il fatto che poi Azione e Reazione calano di volta in volta. Però calcolare due volte i punteggi di danno reciproco mi pare macchinoso. Diciamo che questo aspetto però lo considero neutrale, perché probabilmente il sistema preso nel suo complesso funziona. Peccato però per denaro e armature che a quanto pare non servono a nulla.

2) come già fatto notare, non è possibile in alcun modo pensare di arrivare nel Kaltenland con una barchetta o addirittura a nuoto da Holmgard. Lasciando poi stare la fauna "non aliena" del corto, mi pare strana questa cosa dei fruscii nella testa del pg e il fatto che a un certo punto il pg si scopre ventriloquo e convince gli orsi polari, i delfini e le foche ad aiutarlo. Anche ammettendo l'influsso cerebrale del corno, quei paragrafi mi paiono veramente resi male. Una volta poi ho provato a combattere l'orca, per poi trovarmi il paragrafo dopo (fingendo di essere sopravvissuto) con l'orca ancora viva che mi attacca.

3) il guardiano del museo che non sa dei turni notturni? E che, a lui i turni non li fanno fare? E' un raccomandato? Inoltre, per quanto manipolato da una volontà esterna, non credo che un personaggio simile macchinerebbe per uccidere nel sonno i propri colleghi o dei pescatori. Non ho neanche gradito molto che una buona parte dei paragrafi siano ambientati prima della partenza nel museo (limitando molto le scene in mare o nel kaltenland) e che l'intervento "buono" del comandante Rukh, che poteva essere in teoria un finale positivo, finisca per essere una sorta di instant death.

Detto questo, il Corto NON E' BRUTTO, ma ha il sapore di una occasione sprecata. Anche nella mia proverbiale larghezza di voti mi sento di dargli solo un 6,5 politico.

"Un velo nero ti impedisce di vedere altro. La tua vita termina qui: nel campo di battaglia, con la mitica Blood Sword tra le mani, felice per la sconfitta dei Veri Maghi." Adriano, Blood Sword PBM
http://www.caponatameccanica.com

Mornon
Saccente Supremo
Amministratore
useravatar
Offline
5317 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

Il racconto è scritto bene, sebbene con una ulteriore rilettura si sarebbero eliminati gli ultimi refusi (e si sarebbe corretta la RESISTENZA in VITA al paragrafo 24). La lettura è fluida e divertente, e tutti i bivi sono senza dubbio ben meditati (cosa decisamente apprezzabile in questo contesto).
Mi rimane un po' indigesto lo scarso realismo della storia, perchè l'attraversamento del mare fino al Kaltenland è a dir poco improbabile con una piccola barchetta, ed inoltre un personaggio che fa lo scudiero al museo del palazzo reale di Holmgard è quanto di più inverosimile mi venga in mente. La mancata locazione temporale mi fa intuire la scarsa dimestichezza dell'autore con il Magnamund. Non necessariamente un male, però il mio giudizio in qualche modo ne deve tenere conto, perchè i luoghi risultano poco caratterizzati.
La gestione dell'inventario è abbastanza buona. Non sovrabbondante la scelta degli oggetti, perchè l'autore invita a ben meditare le scelte.
Concludendo, quindi, il mio voto è 6.

Quando hai poche carte è importante sapere in che modo ed in quale istante giocarle...

babacampione
Assassino della Grammatica
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
905 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

Corto interessante a cui assegno un voto positivo.

Buona e originale la trama, e oltretutto, sebbene anche nel caso di questo racconto la prosa dei paragrafi sia un pò scarna, ben raccontata. Particolarmente m'è piaciuto il tratteggio, essenziale ma sufficiente, del carattere del personaggio, che si sposa alla peferzione con l'atmosfera onirica ossessiva del racconto. C'è quindi una coerenza nel racconto anche con talune scelte apparentemente assurde.

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 Il protagonista, da quanto si apprende nel prologo, pur non essendo un idiota, è più uomo d'azione che di cervello, e cmq ha una certa tendenza all'agire istintuale; è quindi il personaggio ideale per essere assoggettato dal potere magico di un oggetto che lo spinge ad agire inesorabilmente e determinatamente per i suoi fini.
L'aderenza al regolamento c'è, anche se inizialmente ne ho dubitato, date le varie voci del registro
 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 infatti non è che poi si possa reperire granchè, restano fuori dallo zaino il pugnale, che vabbè le armi in LS stanno sempre fuori dallo zaino..., e l'amuleto messo al collo, e il fatto che sia al collo giustifica il fatto che si possa portare
l'ambientazione nel magnamund pure c'è, anche se Kaltenland l'ho sempre sentito come qualcosa di dissonante rispetto al magnamund in generale anche in LS, e l'aver ambientato parzialmente il racconto lì non mi porta a una totale immersione, questa però è forse più che altro  una mia tara. E' vero però che non ci sono creature del magnamund e insomma in generale il sapore del magnamund è più che altro un retrogusto.

Il sistema di combattimenti l'ho trovato un pò macchinoso, non ho mai amato i sistemi in cui attaccco e difesa si confrontano, però devo dire che rigiocando 4-5 volte ho trovato tutti gli scontri abbastanza bilanciati
 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 Ho intuito da subito, fortuitamente, che la reazione era più importante dell'azione, cosa vera soprattutto per le prove, e quindi ho asseggnato sempre 12 o 11 ad essa. Scelta risultata vincente
e comunque ho apprezzato il fatto che ci fossero diversi scontri, ma che i più potessero essere evitati.

La storia è piuttosto lineare, magari sdoppiare il percorso ne avrebbe allungato la fruibilità, ma insomma non si può avere tutto.

Concludendo: un buon corto, con diversi buoni accorgimenti, e alcune pecche:  percorso un pò troppo lineare, prosa un pò troppo scarna, combattimenti un pò macchinosi, e un pò di confusione (il pugnale mi sembra di aver capito non vada nello zaino, ma le chiavi???, sott'acqua continuo a dover fare le prove di resistenza? immagino di si, ma si poteva specificare. Quando metto l'olio perdo solo 1 punto di vita anzichè 2, naturalmente se perdo le prove di resistenza, mentre se non lo metto perdo 2 punti se fallisco le prove di resistenza, però insomma, il passaggio era poco chiaro).

il mio voto è 6,5

ilsaggio79
Principe del Sole
ranks
useravatar
Offline
5865 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

mh... gne... così cosi.
allora: la prosa personalmente l'ho trovata piuttosto buona, scorrevole e veloce certo, però abbastanza piacevole. Ok, non è perfetta, diciamo che, a parte il fatto che fa freddo, le differenze di ambientazione tra il museo e il mare non sono davvero marcate (!), però si può soprassedere considerato che il limite di pagine impedisce di dilungarsi sulle sfumature dell'acqua del golfo: tutto sommato molto meglio la parte del museo che ho trovato anche piuttosto simpatica ed evocativa, e che mi ricorda una specie di vecchio videogioco. la scrittura però è sicuramente curata, e trascurando il già citato RESISTENZA-REAZIONE, pulita e scevra di errori.
PECCA MADORNALE (a mio vedere) sono i paragrafi consecutivi ma narrativamente slegati tra loro: in un paio di occasioni sono addirittura tornato indietro per controllare di non aver sbagliato numero. uccido il marinaio e nel paragrafo dopo non si cita manco il cadavere, per non parlare dei sensi di colpa o dello sciabolotto che mi sarebbe piaciuto raccogliere (meno importante). Questo difetto è GRAVE. lo ripeto: GRAVE.

per quanto riguarda il comparto "game" mi è sembrato di qualità intermedia: la mancanza delle tre abilità fra cui scegliere mi fa piangere il cuore, e tutti gli oggetti hanno un'utilità piuttosto relativa, nel senso che sono stati pensati con una sola funzione, perciò se non imbocchi il bivio giusto non li userai mai.
le scelte invece sono ben proposte, nel senso che mi rimaneva la curiosità per quelle scartate e che comunque dovevo pensarci prima di decidere.

il regolamento: non mi piace. Tuttavia, al di là del fatto che i DA hanno un sistema a me antipatico, la ripartizione azione/reazione è abbastanza ovvia come 9/9 (dal momento che non abbiamo alcuna idea di quale ci servirà maggiormente) e questa combinazione permette di arrivare in fondo senza troppi problemi e senza che la fortuna la faccia troppo da padrona.
brutto il bug delle armature, bastava non citarle...
fuori regolamento per me la stella a quattro punte: è un oggetto, non si scampa. discorso diverso per le chiavi, dal momento che si hanno dall'inizio, e non si possono vendere, perdere, scambiare, quindi sono alla stregua dei vestiti, e per il pugnale (identico discorso). mi scuso con i giudici che mi pare avessero detto di non segnalare eventuali "fuori regolamento" ma in realtà volevo difendere le chiavi e il pugnale.
N.B: anche le corone POTREBBERO essere fuori regolamento, ma su questo mi sento più permissivo.

infine trama, ambientazione, e personaggio: dunque, lui buono, palesemente schizofrenico ma ci sta, insomma sotto pressione da settimane e con un retaggio del genere! simpatico dai... è se non altro molto caratterizzato/caratteristico per il poco spazio che l'autore ha avuto a disposizione.
trama, ehm... insomma. divertente l'idea da "una notte al museo", ma la parte marittima è davvero senza senso come sviluppo, compresa la folle corsa sottomarina con la foca che sembra uscita da un cartone animato!
ambientazione, cioè... sì... ok, holmgard si chiama holmgard... il museo... ci sta... il resto proprio no. narvali, orche... ma il buon vecchio serpente marino non era più semplice (anche se banale)?! ci sono anche i barbari dei ghiacci, ma il kalte offriva una scelta di mostri particolari che DOVEVANO venir fuori! ho scelto la pietra della salute CERTO che un baknar mi avrebbe avvelenato! e invece non c'è.

in conclusione, direi che l'essere fuori tema è il suo difetto peggiore, insieme a una scelta "vai al 40" che non ha senso di esistere (anche se pure nel terzo di Oberon c'è una simile castroneria) e a qualche scena assurda già citata da me o da altri.
Che dire? 6,5 è il mio voto politicamente corretto, teso a premiare l'impegno di tutti gli autori, ma in questo caso la valutazione soffre per forza della deviazione fuori tema. Poi in se' non è male, ma come "Corto Partecipante", dato il completo scavalcamento della traccia (e alcune forzature sulle regole), non può guadagnarsi più di un 5. al solito, comunque, sinceri complimenti all'autore per essere arrivato fino in fondo ed aver partecipato (onestly).

Voto: 5

Gran Maresciallo Rygar
Buon Apotecario
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
207 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

P.S: per "fuori tema" intendo "non a tema". Non c'è (quasi) niente che suggerisca che NON siamo nel magnamund, ma nemmeno viceversa (a parte la parola Holmgard). Se il tema è un'avventura nel magnamund, i lettori sbavanti si aspettando proprio quello, ma PROPRIO quello: lo spirito ricercato dai giudici è stato molto più azzeccato dagli autori precedenti, che, ognuno a modo suo, avevano davvero improntato sul magnamund il proprio lavoro.

Gran Maresciallo Rygar
Buon Apotecario
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
207 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

A me la nuotatina Holmgard-Kaltenland è sembrata un ispirato tocco di fino del tutto credibile, anche perchè è fin da subito palese che il protagonista di questo corto sia lui:

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 

Salsapariglia addicted
MANCOLISTA/DOPPIONI

Dies Irae
Illuminato
ranks
useravatar
Offline
336 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: CORTI 2013 4/9 - ''L'UNICORNO DEI GHIACCI''

Ho letto e giocato a questo Corto ieri sera. Non ho scritto subito la mia recensione perchè sul voto ho voluto dormirci su un po'. Questo Corto non mi ha entusiasmato. Mi dispiace per l'autore che sicuramente si è impegnato, ma molti aspetti della sua opera non mi convincono (vedi attinenza magnamund-discorso zaino...).
Ci sono però anche degli elementi positivi, a mio giudizio, che è giusto segnalare riguardo al sistema di combattimento, abbastanza ingegnoso e in fondo anche semplice e al sistema di generazione del personaggio, che non lascia margini al caso.
Per il resto però la trama non mi ha convinto (40 paragrafi per un viaggio che comunque "nella realtà" sarebbe lungo), il livello di difficoltà è altissimo (ultimato solo dopo il quarto tentativo) una certa illogicità degli avvenimenti, con caratteristiche del personaggio che escono fuori dal nulla, un bug (ma fosse solo quello) con l'uso della lozione curativa che è possibile (e segnalata) anche se è probabile arrivare al dato paragrafo senza aver subito danni, ecc....
Inoltre, la corrispondenza con il Magnamund è carente, dal mio punto di vista. L'unica cosa che "ci assomiglia" è Kaltenland con i baby eschimesi che tirano le frecce.
Il finale poi mi lascia un po' perplesso e lo stile a volte 'scade' nel didattico-pedagogico (come nel caso della distizione vis/robur...e se non avessi fatto latino alle superiori?) secondo me non richiesto (se l'Autore volesse, potrebbe inserire queste chicche, ad esempio sulla natura dell'anima umana buona/cattiva in maniera più implicita).
Insomma non me ne voglia l'autore, mi metto nei suoi panni e so cosa può significare non sentire apprezzato il proprio lavoro, ma il mio voto è 4,5.
Lo incoraggio a riprovare alla prossima edizione, con l'esperienza maturata in quest'occasione.

In questo libro il protagonista sei TU!

LordAxim
Direttor. Lup. Mann.
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1318 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
4870
Totale Sondaggi:
98
Totale Messaggi:
141577
Media messaggi per ora:
1.2
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
5645
Ultimo Utente Registrato:
Svartelric