Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • sephirot0

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Libri "one shot", collane composte da più volumi, raccolte di racconti brevi. Quali sono le vostre opere interattive preferite?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.238.107.166

4° racconto: Apocalisse!

Re: 4° racconto: Apocalisse!

A me mi ha piaciuto moltamente!

(volevo scrivere anche io una recensione colta)

Vittima sacrificale "abbastanza vergine da non sapere come va il mondo" (cit.)

Lunargento
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
100 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Preannuncio che i nostri giudizi verranno pubblicati tra domani e martedì. Ci scusiamo, ma la voce informale della giuria ha un weekend di fuoco e non nel senso che pensate voi. Magari.

A head full of dreams

Aloona
1° Direttrice della Gazzetta
Moderatore
useravatar
Offline
7634 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Aloona ha scritto:

Ci scusiamo, ma la voce informale della giuria ha un weekend di fuoco e non nel senso che pensate voi.

E qual è il senso a cui pensiamo noi? Il mistero si infittisce.


Ma intanto si è fatta una certa e devo votare questo corto. Tanto lo so che anche quest'anno sono destinato al Tartarughino d'Oro.

Allora, premetto subito che io il corto non lo ho risolto. Non me ne voglia l'autore, ma davvero non ero in grado. Io amo questi giochini, sia ben chiaro, avendo passato innumerevoli pomeriggi con la Nonna (buonanima) e "La Settimana Enigmistica", ma in un librogioco cerco altro. Mi vanno bene gli enigmi matematici "à la Dever" o i true path "à la Livingstone", ma basare un corto solo su questo è troppo.

Iniziamo con lo stile. Io direi che è brillante, perché l'autore misterioso coglie benissimo i pensieri della nerd/geek/otaku/altro diciassettenne, auto-emarginata e razionale, ma pronta anche a eccessi ormonali non da poco. Questo richiedere un notevole sforzo interpretativo, perché è ovvio che l'autore appartiene alla categoria (non mi risulta che al forum partecipino ragazzine minorenni. Ci sono anche piccole perle qua e là, tipo la lettura di Marquez senza davvero capirlo, ma solo per darsi un tono da intellettuale (ai miei tempi lo vedevo fare con Dostojevski). Insomma, chi ha scritto questo testo, oltre che un enigmista è anche un bravo narratore: chapeau. E, credetemi, uno stile scorrevole è un vero... No, non dirò quella parola!

Ok, torniamo a noi. Come accennavo, tutto il gioco comprende un paio di indovinelli, un messaggio in codice e una serie di sciarade. Tra l'altro, cosa secondo me più grave, le possibilità di perdere i tre indizi fondamentali si basa solo sulla sciarada che uno deicide di risolvere nei tre paragrafi corrispondenti. Avrei preferito qualcosa come "se non sai cosa sia X allora pensa a Y".
È evidente, come altri hanno sottolineato, che l'autore non si stia prendendo sul serio, visto anche il paragrafo auto-deprecativo o quello in cui consente al lettore di barare comunque, tanto chi se ne frega. Niente di male, non è certo il primo corto-parodia che vediamo. Anzi, secondo me questo aggiunge qualcosa al fascino dell'avventura: noi siamo qui incaponiti e l'autore misterioso se la ride delle nostre bestemmie.
I pragrafi riempitivi mi lasciano abbastanza indifferente, ma capisco la necessità di "farcire" un po' il testo prima di presentarlo. Diciamo che sono come la carta di imballaggio: ci dia un'occhiata, scoppi un po' di bollicine per divertirti e poi la voli nella spazzatura senza un secondo pensiero.

Per l'attinenza al tema non ho problemi a riconoscere l'Apocalisse quando la vedo (solo che non vorrei essere lì quando accadrà), ma il "nerdismo" di Anna Marrone è più un "informed attribute" che altro. Alla fine gli enigmi sono volti chiaramente al lettore ed è lui a usare il proprio ingegno enigmistico.

Insomma, "Apocalisse!" è un racconto sperimentale, dalla forma impeccabile ma non immediatamente fruibile. Ragione per cui non gli posso dare un voto sufficiente.

"Se non volete sentir ragioni, sentirete il filo delle nostre spade!"

Rygar
Tetro Lettore / Grim Reader
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1974 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Racconto - diciamo - "sperimentale" che mi è piaciuto per alcuni aspetti, molto meno per altri.
Nel complesso - per quello che riguarda gli elementi negativi - l'ho trovato troppo spesso "non-sense" ed estremamente criptico. Questi 2 elementi - oltretutto - sono un po' troppo forzati e "ostentati", della serie "eh guardate, ho scritto una roba che si capisce poco" e questo credo sia il suo principale difetto.
Gli "enigmi" (uno dei quali risolto grazie a Prodo e altri 2-3 fondamentalmente barando/per tentativi) li ho trovati proprio noiosi, la maggior parte delle volte "difficili" non tanto per la complessità dell'enigma in se, quanto piuttosto ma per la mancanza di indizi e la fumosità/incomprensibilità del tutto.
Nel complesso la storia è brevissima - e in fondo piacevole - ma è troppo diluita tra numerosi paragrafi troppo astrusi, paragrafi "filler" e inevitabili errori nell'interpretazione degli enigmi: tutto questo "allungare il brodo" fa perdere molto mordente ad una sceneggiatura altrimenti abbastanza interessante.
Infine, per chiudere l'elenco dei difetti, non mi è piaciuto per niente il fatto che il "soggetto" del racconto - l'apocalisse appunto - sia stato spoilerato fin dal titolo, quando avrebbe potuto essere una sorta di piccolo colpo di scena/rivelazione - diciamo - di metà racconto.
Per quello che riguarda gli elementi positivi direi sicuramente il soggetto che sebbene spoilerato mantiene un suo fascino e mi ha molto ricordato un bellissimo film di qualche anno fa, "This is the end", arrivato in Italia come "Facciamola finita", che consiglio a tutti di vedere assolutamente.
Abbastanza divertente anche il linguaggio a tratti scurrile che rompe la monotonia rispetto alla "solita roba", anche se in altre parti ho trovato la forma di scrittura e i termini utilizzati un po' farraginosi (forse era un effetto voluto, ma nel non-sense/incomprensibilità complessiva è veramente difficile capirlo).
Infine, sicuramente validi i 2 finali.

Dovendo sintetizzare il mio giudizio, direi: SPADE, NON SCIARADE!

Voto inviato a Babacampione

Still
Arcimaestro
ranks
useravatar
Offline
598 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Sui paragrafi "extra" s'e' detto di tutto:
-Che son troppi oppure peccato che sian messi solo all'inzio.
-Che siano messi per scherzo o soltanto un far "riempitivo".
Io ho l'impressione che siano li proprio perche' la gente normalmente, in mancanza di bivi espliciti, proseguirebbe a leggere avanti e quindi l'autore li ha messi in coda ai primi paragrafi in modo da abituare il lettore all'idea che deve trovare diversamente il posto dove saltare...
Ecco perche' dopo un po' non servono piu'.
Comunque, a giochi finiti, l'autore ci chiarira' il senso... wink

Seven_Legion
100% SIMPY CERTIFIED
Moderatore
useravatar
Offline
4110 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Still ha scritto:


SPADE, NON SCIARADE!

applauso

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2078 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Come per tutti gli altri corti, parto da ciò che si nota al primo impatto.
E qui le cose che si notano sono due, e sono entrambe eccezionali:
la prima è che questo corto ha un regolamento molto complicato, ma così intuitivo che si riesce a comprendere dal primo paragrafo senza che ci venga spiegato. Questo aspetto, secondo me, è incredibile e molto innovativo (è il primo corto in cui vedo realizzata una meccanica di deduzione delle regole, o almeno è il primo in cui vedo realizzata questa meccanica così bene), tanto da spingermi a pensare che, in questo ambito, il corto sia riuscito a fare molto meglio de "La nebbia" (che prendo ad esempio perché è considerato da molti il miglior corto ad enigmi) in cui, malgrado ci fosse un regolamento che spiegava punto per punto, mi ci sono volute quattro letture prima di capire appieno le indicazioni per passare da un paragrafo all'altro.
Subito dopo aver osservato il testo nella sua interezza, il mio occhio è stato inevitabilmente attirato dal titolo del paragrafo "evacua": e qui, autore misterioso, ti dirò la verità, mi sono commosso. Sarà che sono stato io ad imbattermi in quella parola, ma sei stato davvero geniale ad inserire lo stesso enigma di True Path in chiave parodistica.
Sono fiero di affermare che, sotto molti aspetti, questo corto è il Fi'a'za del 2017.
E per me non potrebbe esserci complimento migliore.
Innovativo, geniale, folle, questo corto ha reinventato a livello logico il concetto di librogame come non succedeva da almeno due anni.
Anche lo stile, frizzante e allegro -quasi mai banale - contribuisce a rendere l'opera ancora più godibile, con un umorismo tagliente che sicuramente riesce a strappare qualche risata.

Se il primo impatto è grandioso e fenomenale, leggendo più volte, però, ci si rende purtroppo conto che l'idea iniziale dell'autore non è supportata da una realizzazione all'altezza e che spesso vari spunti non sono stati sfruttati come avrebbero meritato: tutto ciò trasforma il corto da eccezionale a buono/mediocre.
La storia è abbastanza banale e stereotipata, con un finale, purtroppo, molto approssimativo, in cui non si spiega bene cosa sia successo (quasi nessuna sottotrama della protagonista viene chiusa per bene).
La stessa protagonista (ma in generale tutti i personaggi) non è credibile perché ha una psicologia che non è coerente con il suo background: fidati autore, te lo dice un diciassettenne liceale, che ti assicura che una mentalità del genere è di una ragazza delle medie, non di fine superiori.
Gli enigmi, e in particolare tutti gli enigmi che non sono sciarade, non sono così ben pensati (mi dissocio, però, da chi ha addirittura cercato l'immagine della lapide su google: dai ragazzi, strabuzzando un po' gli occhi si risolve benissimo!).
La longevità è sicuramente un punto dolente visto che il corto è brevissimo (tu stesso, autore, lo ammetti dandoti la zappa sui piedi) e la rigiocabilità è zero dato che c'è un unico true path.
Persino i paragrafi nascosti, in cui l'autore aveva interamente carta bianca su cosa scrivere, diventano il peggiore degli incubi per il recensore che, per essere sicuro di non essersi perso niente, si mette a leggerli tutti dall'inizio alla fine. L'unico che mi ha un po' intrattenuto, penso sia stato quello della barzelletta, ma mi aspettavo sicuramente di più.

Voto inviato ad Aloona, con la speranza che l'autore rimetta mano a questo corto che potrebbe diventare un vero capolavoro.

bigsmile  cool  cool2  lol  hmm  rolleyes  mad  tongue  wink  yikes  yikes2  bigsmile2  sad  sad2  neutral  smile  smile2  angry  applauso  teach

FinalFabbiX
Signore del Totoautori 2016
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
956 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Cioè, boh.
L'enorme problema delle parodie è che sono parodie. E a me piacciono poco, perché è un avvoltolarsi su qualcosa che originale non è.

E dire che di originale qui c'è una premessa grandiosa. Un regolamento nascosto, un enigma che dà il via a una serie di enigmi.
Ma poi ci si perde. Lo stile scorrevole c'è, ok, ma i contenuti non mi soddisfano. Poi, che per arrivare in fondo serva conoscere un blogger e un Corto del passato... bah. L'autoreferenzialità è una brutta bestia, e il fatto che siamo in 4 gatti a parlare di librogiuochi non è un'attenuante.

Mi scuso per la fretta, ma altri hanno detto cose più interessanti delle mie che condivido. All'autore basterà! wink

Voto inviato a Babacampione

Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate.

I miei racconti

Apologeta
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1724 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Stavolta ho davvero una manciata di minuti per votare...

PRO
- è per certi versi molto divertente;
- ha una componente di enigmi che comunque tiene impegnato il giocatore;
- la parodia è ben fatta, la continua presa in giro a True Path e i numerosi altri riferimenti sono ben riusciti;

CONTRO
- troppo breve;
- ci sono troppi paragrafi riempitivi usa-e-getta, che una volta letti non servono più a molto;
- la rigiocabilità è molto bassa: dopo averlo finito non ci sono più molti stimoli a rigiocarlo;
- l'assenza (o quasi) di bivi.

Ad ogni modo, Apocalisse! è stato divertente, ma sicuramente si potevano sfruttare meglio i paragrafi (mettere meno riempitivi, o farli più corti) e mettere almeno qualche bivio reale.
La sensazione è che ci sia un'unica strada da percorrere, quindi il tutto si traduce nella risoluzione di enigmi e sciarade, cosa che se segue la lettura di tutto il corto alla lunga può risultare un po' monotona.
Comunque bravo autore, meriti un applauso per l'idea di fondo e per l'innovazione.

Voto inviato ad Aloona.

"Lo sai come dev'esse lo sguardo del carabiniere? Pronto, acuto e profondo".

Adriano
Amministratore
useravatar
Offline
4964 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: 4° racconto: Apocalisse!

Come preannunciato, ecco i nostri (tardivi) giudizi. Perché noi giudici ci facciamo desiderare.

babacampione ha scritto:

Apocalisse! È un divertente racconto che si ispira, senza neanche nasconderlo, a un bel Corto dello scorso anno che ha suscitato emozioni contrastanti tra i lettori.
Declina però il True Path in maniera scanzonata, senza pretendere di voler sorprendere a tutti i costi e generare dibattito: mi sembra un divertissement dell'autore che ci regala questa piccola per lo più fatta di enigmi più o meno difficili, ma tutti gustosissimi da risolvere.
Ne ho apprezzato la mancanza di Regolamento e dell'influenza del caso, cosa che in un Corto di questo tipo stonerebbe di certo.
La scrittura è piacevole e la narrazione scorre via rapida, proprio come un divertente passatempo per una mezz'oretta libera, con alcune piccole perle tra i paragrafi che non appartengono al true path (ho apprezzato particolarmente il paragrafo su Franco e Ciccio).
Interessante anche la presenza di un doppio finale.
Entrambi calzano appieno con lo stile di questo racconto e sposano alla perfezione lo spirito che anima l'autore.
A questo punto avrei potuto dare anche un voto altissimo a questo Corto.
Non me ne voglia l'autore se non lo farò: non ho mai amato i Corti demenziali e non cambio la mia posizione oggi che svolgo il ruolo di Organizzatore.
Ricorderò a lungo questo Corto, ma non lo posso considerare tra le pietre miliari della pluriennale storia del Concorso di Librogam's Land, che hanno saputo coniugare regolamento, narrazione e intensità della storia in maniera sublime.
L'opera comunque merita un voto alto e, nella mia personale classifica tra i Corti demenziali di tutti i tempi, sale sicuramente sul podio.

***

Hieronymus ha scritto:

Apocalisse!
Dal titolo mi aspettavo qualcosa di non banale, e ci ho azzeccato. Un titolo così banale non poteva che anticipare qualcosa di originale e bizzarro.
Adoro la letteratura dai contorni umoristici, e questo corto lo accolgo a braccia aperte (o forse sarebbe meglio dire "a occhi aperti"), anche se allo stesso tempo non mi ha appassionato più di tanto.
Andiamo per gradi.
Non abbiamo introduzione, non abbiamo regole, e questo per me è più un pregio che difetto, se lo rapportiamo al resto del corto, che ci getta subito in pasto a una serie di enigmi.
Parlare di questo corto senza dare spoiler è molto difficile e mi limiterò a tracciare un quadro generale. Anzitutto la protagonista è quella che vorrei io come compagna, una nerd! Mai che riesco a trovarne un a disponibile, ma questo non ha niente a che fare col concorso...
Scrittura fluente anche se a tratti trovo che sia forzatamente ironico anche quando non dovrebbe. Ben descritto il cataclisma a tema col concorso.
Ma nel tutto, il vero protagonista è True Path, ovvero la sua parodia. La parodia di un vecchio corto. Un'idea fantastica! E se l'anno prossimo qualcuno facesse la parodia di questa parodia?
Staremo a vedere.

(No, l'ultima frase non te la pubblico. Hai rotto. *Aloona*)


***

Aloona ha scritto:

Due parole: folle e originale.
Normalmente non sarebbe il mio genere di librogame; ma forse per questo è da apprezzare maggiormente, in quanto riesce a farmi dannare (passatemi il gioco), ridere e aggrottare la fronte in parecchi passaggi. Classico Corto che spaccherà il pubblico tra amanti dell'enigma e classicisti che ne hanno piene quelle cose con cui si catturano i Pokémon, ma… ahi ahi… ciò che trovo più difficile in questo libro non sono tanto gli enigmi, quanto (passatemi anche questo) stabilire la difficoltà del libro.
Una volta capita la chiave, gli indovinelli non sono poi così tosti; alcuni, vedi il foglietto del diavolo o l'epigrafe di San Giovanni, sono di una semplicità addirittura imbarazzante; tanto da non essere riuscita a risolverli sulle prime, per aver ricercato soluzioni complesse, rifiutando l'idea che fossero così semplici. Quel che ho riscontrato è invece una certa "incoerenza" nel metodo. Per meglio spiegarmi, ho passato moltissimo tempo a ricercare sciarade plausibili già nel primo paragrafo, senza riuscire a trovarle, fino a ricorrere per disperazione all'aiuto del pubblico. Ho scoperto che, in effetti, non sbagliavo: era quel che cercavo a non essere sempre presente. Come arrivare, infatti, al paragrafo "borsetta", se non a intuito ("dove inizio a cercare la mia identità? Ma dalla carta! E dove sta la carta? nella borsetta!"), mancando totalmente nel testo elementi che formasse questa parola? Idem per "Cristo" e "diavolo", cui posso arrivare solo a intuito; trattandosi, però, di "paragrafi d'aiuto" ci si può anche stare; ma nel PRIMO paragrafo principale, mi aspetto che vi sia subito modo di applicare la chiave suggerita. Le sciarade con cui abbiamo a che fare non sono poi testuali, ma, a loro volta richiedono la risoluzione di veri e propri rebus: l'indicazione iniziale può addirittura fuorviare, in questo senso, lasciandoci a cercare parole presumibilmente già presenti nel testo, ma che in effetti non ci sono. Sarebbe bastato aggiungere un altro piccolo indizio, ad esempio  la stessa definizione di "rebus".
D'altra parte, "un po' di fantasia, Alo!", grida una voce nel mio cervello (che non so assolutamente da dove provenga… ma forse è il mio cervello che ha svalvolato del tutto e io sono la Nerd) e forse per gli altri non cambia poi molto. C'è da dire che, nel tentativo di riscattare il mio q.i., ho dato in pasto il racconto ai migliori enigmisti/betatester tra i miei amici e neanche loro sono riusciti a venirne a capo senza andare a leggere tutti i titoli dei paragrafi, per procedere poi a ritroso e cercare di intuire quali potessero abbinarsi meglio ad alcuni indovinelli. Emblematico quello della "toponomastica". Ma in fondo… fanculo, lo dice l'autore che possiamo barare come ci pare!
Quanto al resto: siamo di fronte a un'ironia fortemente dissacrante, che non risparmia niente e nessuno (Corto e lettori compresi), condito da un finale dal gusto Jacovittiano, in cui l'apparente "nonsense" delle nostre azioni assume un senso impeccabile alla luce dei giochi di parole (come solo sa chi abbia avuto la fortuna di incappare bravura di scoprire il paragrafo "True Path"), in linea con l'intero lavoro. La scelta di una protagonista femminile è sempre gradita, anche se la caratterizzazione del personaggio risulta, in questo caso, per lo più di un pretesto funzionale agli enigmi; il nostro autore riesce, tuttavia, a tratteggiare la psiche di una nerd "hardcore" (così hard da essere quasi superata) con le giuste pennellate, se non rendendocela "simpatica", quantomeno lasciandoci solidarizzare.
Interessante la scelta di rovesciare le classiche iconografie del Bene in figure maligne: santi che divengono demoni, il diavolo in veste angelica. Suggerisco all'autore, se già non l'avesse fatto, la visione di "Legion".

A head full of dreams

Aloona
1° Direttrice della Gazzetta
Moderatore
useravatar
Offline
7634 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5127
Totale Sondaggi:
98
Totale Messaggi:
145544
Totale Messaggi Oggi:
6
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
6843
Ultimo Utente Registrato:
Giuseppe.98