Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Librogame Magnifico 2024, primo turno: vota il miglior LG dell'anno!

Corti 2023 - Settimana 3

Corti 2023 - Settimana 3

SETTIMANA #3 (fino a dom 12)



7 - L'Ultimo Viaggio
8 - Il viaggio della màlia
9 - Solo tu senti la voce di Mike che parla nel vento

Votate scegliendo quale dei tre volete in finale. Lasciate un commento (bastano poche righe) dove spiegate perché avete preferito quel corto rispetto agli altri due, tenendo conto anche di:
- Quanto i corti siano attinenti al tema il viaggio
- Quanto i corti siano facili da giocare tenendo tutto a mente, utilizzando al massimo le dita

Solo chi vota 3 volte potrà votare anche il ripescaggio e le finali.
Buona lettura!

Ultima modifica di: FinalFabbiX
Mar-05-23 23:22:48

FinalFabbiX
Signore del Totoautori 2016
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1476 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corti 2023 - Settimana 3

Terza tornata e sono di nuovo in difficoltà, perché i racconti, ancora una volta assai diversi tra loro, mi sono piaciuti molto tutti e tre.

1) L'Ultimo Viaggio è il classico Scegli la Tua Avventura di fine anni '80, l'autore è sicuramente una appassionato di vecchia data e si nota anche dalla copertina che ha "allegato" al corto, che si rifà alle classiche EL e indirettamente a quelle dei LibriNostri. Ci sono gli elementi narrativi della fantascienza d'annata, il computer senziente, i buchi neri, il salto temporale, le razze aliene che vegliano sull'equilibrio dell'universo, il tutto declinato in salsa interattiva senza regolamenti, orpelli, enigmi, oggetti, solo una serie di scelte che si susseguono e conducono a un certo numero di epiloghi più o meno soddisfacenti. Semplice e chiaro, quello che c'è è fatto molto bene: respirare l'aria di alcuni grandi classici della collana di Ed Packard come Pattuglia Spaziale o Il Terzo pianeta di Altair mi ha quasi esaltato e il corto me lo sono goduto tutto dall'inizio alla fine. Probabilmente ai lettori più giovani non regalerà le medesime sensazioni: personalmente lo promuovo con convinzione anche in virtù di evoluzioni ben sviluppate, scelte mai casuali e un'apprezzabile verve narrativa.

2) Il Viaggio della Malia all'inizio mi ha indispettito. Il sistema regolamentare mi sembrava inutilmente complesso, e la storia di usare le dita per tenere traccia delle mutazioni non mi convinceva. In più nell'introduzione ci veniva anche detto che avremmo dovuto ricordare a memoria tutti gli oggetti scovati, un ulteriore aggravio per il lettore. Poi sono andato a leggiocare il corto e mi sono accorto che non solo il sistema funzionava ed era divertente, ma era anche strategicamente ben implementato, nel senso che le scelte raramente sono demandate al caso (trapelano sempre degli indizi su quali sia la mutazione più vantaggiosa da preferire) ed è anche necessario scegliere con accortezza da quale forma partire per riuscire a conquistare l'epilogo migliore. La gestione dell'inventario di fatto poi non ha pesato perché praticamente inesistente (ci si limita a sottrarre una zanna a un cinghiale che può essere utile per risparmiare una mutazione ed arrivare in migliore posizione agli scontri successivi, e alla mega-arma finale). Il difetto che ha il corto sta in alcune scelte strutturali: talvolta fallire delle prove comporta un concreto vantaggio senza che se ne possano intuire chiaramente le ragioni o ci siano avvisaglie in tale senso. Ma il sistema di gioco è talmente buono, magari tralasciando l'uso delle mani e sviluppandolo meglio per un'opera più complessa e lunga, che tutto il resto passa in secondo piano: questo lavoro merita di essere premiato.

3) Solo tu senti la voce di Mike che parla nel vento, Il corto più onirico e spiazzante dei tre. Torna il sistema dei colori che conduce a un epilogo piuttosto che a un altro, soluzione già vista nelle edizioni precedenti de I Corti e che non mi ha mai particolarmente convinto. In questo caso però l'autore ha pensato a una soluzione alternativa alla stampa per tenere traccia dei progressi, ovvero la divisione del file pdf in tanti sotto-file, da combinare tra loro man mano che si avanza con la vicenda. Questo lavoro divisorio preliminare, invero abbastanza lungo, ha il duplice obiettivo di evitare spoiler e facilitare il conteggio cromatico a fine percorso, imprescindibile per capire a quale conclusione si è approdati. Inizialmente la cosa mi aveva infastidito un po', mi sembrava un'operazione troppo lunga e non ne capivo l'utilità, poi una volta completata la lettura e resomi conto che aveva senso, ho finito per apprezzarla, anche perché ho trovato interessante la narrazione e anche ben costruiti glie epiloghi, che svelano tutti i retroscena di una vicenda inizialmente oscura. Corto molto sperimentale che non a tutti piacerà: l'autore è certamente una vecchia volpe del settore e complessivamente il suo sforzo è apprezzabile, perché non si limita all'esercizio di stile, peraltro ben fatto, ma si accompagana a solidi contenuti.

Come dicevo all'inzio decisione molto difficile: tutto sommato nonostante abbia apprezzato con convinzione tutti e tre i lavori alla fine preferisco premiare il sistema di gioco de Il Viaggio della Malia, che mi è piaciuto davvero tanto. È questo il corto che a mio parere deve passare il turno.

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10922 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corti 2023 - Settimana 3

Sarà un disastro scegliere. Tutti e tre i corti mi sono piaciuti tantissimo sad.

Zakimos
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1791 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corti 2023 - Settimana 3

Anche questa settimana sarà tosta scegliere...
Al momento ho leggiucchiato solo L'ultimo viaggio, senza ancora approfondirlo. La fantascienza va forte quest'anno, sarà dura per Librarsi ignorarla wink
Nel prologo si dice che Gliese 581g, il pianeta verso il quale siamo diretti si trova a 20,22 anni luce dalla Terra. A un certo punto della narrazione ci viene detto che dobbiamo evitare un buco nero super massiccio, sulla nostra rotta, che si trova al centro della galassia. Solo che, se quel buco nero è M87, si trova tipo a 55 milioni di anni luce dalla Terra, quindi un tantinello fuori strada mi sa  bigsmile
Fine pignoleria astronomica... torno a leggere.

ffdesign
Iniziato
ranks
useravatar
Offline
52 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corti 2023 - Settimana 3

ffdesign ha scritto:

Anche questa settimana sarà tosta scegliere...
Al momento ho leggiucchiato solo L'ultimo viaggio, senza ancora approfondirlo. La fantascienza va forte quest'anno, sarà dura per Librarsi ignorarla wink
Nel prologo si dice che Gliese 581g, il pianeta verso il quale siamo diretti si trova a 20,22 anni luce dalla Terra. A un certo punto della narrazione ci viene detto che dobbiamo evitare un buco nero super massiccio, sulla nostra rotta, che si trova al centro della galassia. Solo che, se quel buco nero è M87, si trova tipo a 55 milioni di anni luce dalla Terra, quindi un tantinello fuori strada mi sa  bigsmile
Fine pignoleria astronomica... torno a leggere.

In realtà non è specificato quale buco nero o in quale anno la storia abbia luogo e ci sono nuovi dati e scoperte ogni giorno. Può essere che nella storia le distanze siano cambiate, in fondo è fantascienza.
https://notiziescientifiche.it/terra-e- … -galassia/

Quoto aritcolo: "Un nuovo modello della Via Lattea, basato su nuovi e più dettagliati dati di osservazione, cambia la velocità della Terra, che diventa di 7 chilometri al secondo più veloce, e la sua distanza dal buco nero supermassiccio centrale. In relazione a quest’ultimo dato, secondo i ricercatori, la Terra risulta 2000 anni luce più vicina a questo enorme buco nero di quanto calcolato in precedenza."

Duck Made Of Wood
@DuckMadeOfWood
duckmadeofwood.com

DuckMadeOfWood
Novizio
ranks
useravatar
Offline
23 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corti 2023 - Settimana 3

Premetto che questa pignoleria (che non so neanche da dove esce fuori perché non sono la persona indicata per fare appunti del genere) non avrà nessuna ripercussione sulla mia valutazione del corto wink
Lo faccio più che altro per aumentare quel numerino sotto il mio Avatar che sta solo a 43  smile2
Al par.33 viene detto "si tratta del buco nero supermassivo che si trova al centro della Via Lattea"... Per quanto la Terra possa essersi avvicinata, da 20 anni luce a 55 milioni deve aver fatto un bel balzo. Mi sa che l'IA alla guida deve aver fatto la fine di Mosè nel deserto  bigsmile

ffdesign
Iniziato
ranks
useravatar
Offline
52 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corti 2023 - Settimana 3

Terza settimana! Anche questa volta valuterò secondo Storia, Stile, Game design.

L’ULTIMO VIAGGIO
Storia: un altro viaggio a tema fantascientifico, che, a giudizio personale, presenta gli stessi errori degli altri: si tenta di raccontare un viaggio di secoli in troppo poco spazio. Anche qui infatti mi ritrovo a non sentirmi connesso né coinvolto con la trama. Pieno di eventi sporadici che, se venissero totalmente ribaltati o scambiati di posto, non altererebbero la trama.
Stile: un peccato che la Storia abbia obbligato l’autore a riassumere e raccontare tutto, perché secondo me non scrive affatto male. La lettura scorreva veloce ed è stata piacevole nonostante non fossi preso dalla trama.
Game design: in questo corto è stato scelto di non mettere nessuna meccanica. Di per sé non lo trovo assolutamente un difetto, soprattutto se dall’altra parte trovo una bella struttura biforcata, che però qui non ho riscontrato. Segnalo invece che ci sono 17 “FINE” in 22 pagine, forse un po’ troppi.

IL VIAGGIO DELLA MALIA
Storia: questa volta siamo in un viaggio a tema fantasy classico con druidi e umani. Storia semplice ma mi ha fatto piacere leggerla, il contrasto era tangibile ed ero curioso di vedere come sarebbe andata a finire.
Stile: la penna ha un bello stile. Mi sembra chiaro che abbia studiato scrittura di recente, e che non si sia fossilizzata negli anni ‘80. C’è un punto di vista focalizzato, un buon uso dei sensi e buone descrizioni. Non tutto è perfetto chiaramente (come la gestione dei dialoghi), e post concorso se l’autore/trice volesse approfondire lo farei con piacere. Comunque mi è piaciuto.
Game Design: mi duole ancora la mano mentre scrivo ahah. Tenere quelle posizioni per più di qualche secondo non era il massimo, soprattutto perché non ero comodissimo a tenermi appoggiato mentre leggevo, ma ho apprezzato molto la meccanica originale che, comunque, funzionava. Anche la struttura è stata gestita a dovere.
Un bel lavoro.

SOLO TU SENTI LA VOCE DI MIKE CHE PARLA NEL VENTO
Storia: Ho adorato l’originalità del tema, lo spunto sull’evento realmente accaduto, gli epiloghi molto diversi. Non ho molto altro da aggiungere. Fico.
Stile: la scritta a penna ha un suo fascino? Ni. In realtà non ne ho capito il reale motivo e mi ha dato un po’ a noia. Se fosse stata una lettera, o comunque avesse avuto una giustificazione, lo avrei accettato di più, così è stato un po’ meh. Probabilmente con un normale testo digitale il tutto ne avrebbe beneficiato, ma è una opinione molto personale. Per il resto una seconda persona molto semplice, fatta puramente a dialoghi, che non mi ha infastidito.
Game Design: ok, sono indeciso su questo punto. Mi è piaciuta la meccanica dei colori? Sì, però, proprio come lo stile, non ne ho capito il motivo. Ho intuito fossero tipo dei flash che io, malata di mente, mi stampo di più in mente, ma non sono riuscito ad andare oltre a questo. Piccola nota dolente, stavo leggendo su smartphone e ho fatto un casino allucinante. Per fortuna avevo il pc a disposizione e dopo qualche ora mi ci sono potuto mettere.

Questa volta sono davvero indeciso tra gli ultimi due. “Malia” per il livello qualitativo, “Mike” per l’originalità.
Il mio voto va a IL VIAGGIO DELLA MALIA. Ma questo MIKE per ora è sicuramente il primo che vorrò ripescare.

TinenTweeni
Manuele Giuliano
Novizio
ranks
useravatar
Offline
44 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corti 2023 - Settimana 3

L'ULTIMO VIAGGIO
Scorrevole, emozionante, mi ha tenuto incollata fino alla fine. Sono felice di aver fatto la scelta giusta e essere approdata al finale più positivo dei due. La narrazione è filata liscia, dando veramente l'impressione di un viaggio che prosegue senza troppi ostacoli (qualche esplosione a parte, ah ah).
Adesso mi fiondo a leggere i commenti degli Esperti smile. Io l'ho trovato un bel corto, non troppo difficile.

Martinico
Novizio
ranks
useravatar
Offline
47 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corti 2023 - Settimana 3

IL VIAGGIO DELLA MALIA
Un viaggio che ammalia smile
Il viaggio si dipana nel genere fantasy, tra personaggi metamorfici e panici molto vicino al mio immaginario e alla mia sensibilità. Tanto che azzarderei una mano femminile...
La modalità di gioco mi è piaciuta molto e l'ho trovata anche originale. Si fallisce solo quando non si azzecca l'animale giusto. Un racconto che stimola comunque molto la fantasia! Forse l'aiuto di un glossario avrebbe fatto più chiarimento su certi piccoli aspetti; la trama è stata comunque fruibile. Mi sono immedesimata davvero in questa Malia orgogliosa e indomabile, condividendone la sorte e i poteri; tutti i personaggi li ho trovati ben  caratterizzati.

Martinico
Novizio
ranks
useravatar
Offline
47 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corti 2023 - Settimana 3

de L'ULTIMO VIAGGIO
mi sono innamorato fin dalla copertina. Cosa che, anche solo quella, va sicuramente premiata! Caspita, uno che mette addirittura una copertina a un corto, vuol dire che ci ha messo veramente l'anima per fare il suo lavoro! E poi, ma dico, l'avete visto il simbolo della serie????

è l'alieno di SPACE INVADERS !!!!!!!

Fantastico!
ok, mi bastava questo per ritenere questo corto sicuramente uno dei miei candidati per la vittoria del concorso, ma già che c'ero l'ho anche letto.
E nel leggerlo le mie prime buone impressioni sono state confermate: il corto è scritto bene, non ci piove, e a livello gamistico è esattamente come secondo me dovrebbe essere un corto-game, cioè molto semplice. L'unica meccanica da tener presente è data dal bivio però ogni bivio ti da quella fortissima sensazione di poter sbagliare. Ogni scelta è importante e ogni scelta pesa!
E questo è reso benissimo a mio avviso.

Sono morto una marea di volte ma ho sviscerato il testo in ogni sua diramazione appassionandomi a ogni piccola sottotrama. L'ultimo bivio mi ha veramente urtato. Davvero non avrei voluto essere l'intelligenza che doveva assumersi il peso di prendere quella scelta. Però alla fine ho fatto la scelta giusta, molto umana e poco logica. Fantastico, a questo proposito, anche il fatto che all'inizio viene specificato che sei sì un'intelligenza artificiale ma sei stato programmato in modo da avere una coscienza molto umana (questo permette di immedesimarsi moltissimo, cosa che altrimenti sarebbe stata molto forzata).

Davvero un plauso entusiasta all'autore/autrice/autori.


Con IL VIAGGIO DELLA MALIA al contrario ho avuto un approccio iniziale non molto felice. Le cose complicate non mi piacciono, tantomeno nei corti! Però mi son dovuto ricredere presto. La meccanica non è per nulla complicata, una volta che l hai capita e, anzi, è divertente ed originale. E funziona.
Lo stile di scrittura è piacevole, a tratti onirico,e mi ha convinto.
In breve, promosso a pieni volti anche questo
(anche se L'ultimo Viaggio rimane il mio preferito)

SOLO TU SENTI LA VOCE DI MIKE non l'ho ancora giocato. Sono un po indisposto all idea di dover stampare i vari fogli o improvvisarmi grafico per giocare in digitale col paint (sono assolutamente negato per queste cose!). E oltre a questo sono costretto a chiedermi se fare tutto ciò sia in linea o meno con il bando... cioè: ha davvero senso che non si possono usare dadi o calcolatrici però si può usare un programma di grafica o una stampante? credo sia un po un controsenso a dire il vero...
E nonostante queste premesse (che spero non risultino inutilmente cattive) mi riprometto di leggerlo comunque. Magari mi piacerà così tanto che mi rimangerò quello che ho detto. Magari sarà così bello che alla fine sarà valsa la pena di farsi questo piccolo sbattimento e si potrà anche chiudere un occhio riguardo alla presunta aderenza o meno al bando.Proprio in virtù di questo "magari", mi astengo dal votare un preferito per la terna, perchè magari... chissà... il mio preferito  potrebbe alla fine essere proprio questo

Budellaro
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
164 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5737
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
153854
Totale Messaggi Oggi:
6
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
9754
Ultimo Utente Registrato:
SergioP